giovedì 9 maggio 2019

Sabato 8 giugno: Cerimonia a Milano




Ore 10.30, Chiesa Ortodossa di Santa Regina Tamara
Via Adolfo Consolini 3, Milano (Zona Bonola - Gallaratese)

Santa Messa tradizionale, celebrata dal Reverendissimo Archimandrita Padre Kirioni Machaidze (rappresentante del Patriarcato Ortodosso Apostolico Autocefalo di Georgia per il nord Italia e la Svizzera). Per la cerimonia religiosa sono di rigore abito scuro con piccole decorazioni e velo per le signore.

Ore 13.00, Ristorante Tbilisi
Via Molino Prepositurale a Rho (a soli 15 minuti dalla chiesa).

Pranzo conviviale con specialità tipiche georgiane, musica e danze tradizionali. Sarà richiesta una offerta minima di partecipazione di 50,00 € che, al netto delle spese, andrà a sostegno della manutenzione della chiesa georgiana.

Ore 15.00, saluti e consegna delle benemerenze. 

Interverranno: Conte Raindi Nikoloz Vardanidzev Tavadashvili, Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri (presidente associazione ACIGEA e delegata della Real Casa Bagrationi), Mandilosani Tea Japaridze Tavadashvili, Conte Matteo Priori di Letino, Mandilosani Maya Bubashvili Aznauri, Avvocato Giancarlo Parrini, Padre Michele Maria Pirotta (sacerdote cattolico di rito bizantino), Padre Claudiu Cocan (sacerdote ortodosso romeno e delegato della Casa Imperiale Cantacuzene in Italia), autorità civili e religiose, militari e diplomatiche.

Organizzazione: Confraternita della Santa Croce di Georgia, ACIGEA (associazione culturale internazionale eumenica cristiana Italia Georgia Eurasia) e Real Casa Bagrationi Imereti (delegazioni nazionale e regionale lombarda)

La prenotazione è assolutamente obbligatoria, entro venerdì 31 maggio, con pagamento anticipato sul Conto Corrente Postale ACIGEA IBAN: IT 08 R 07601 01600001045247952

Informazioni e segreteria: acigea@gmail.com


mercoledì 17 aprile 2019

Georgia: Chiesa e popolo



Il futuro della dinastia Bagrationi, il possibile ritorno della monarchia tradizionale e l'erede al trono lo decideranno la nostra Santa Chiesa Ortodossa insieme al popolo di Georgia. Noi siamo solo fedeli patriote cristiane che vogliono e cercano di difendere l'unità e l'identità della Goergia, ed il benessere del nostro popolo. Firmato: Lali Panchulidze, Maya Bubashvili, Tea Japaridze

martedì 16 aprile 2019

Dio, Patria e Bagrationi...

 


Il tribunale di Tiblisi ha deciso di annullare il processo in corso fra i principi Nugzar e David, sostenendo che le dispute "dinastiche, nobiliari e cavalleresche" non sono materie di interesse e tutela giuridica della repubblica di Georgia. Ma il processo mediatico ha avuto il merito di confermare due verità inequivocabili, una storica e una scientifica: i Mukhraneli non sono mai stati re di Georgia ma solo principi sovrani di una parte di essa, Nugzar Gruzinsky non è nemmeno un Bagrationi ma un figlio di secondo letto della vedova dell'ultimo principe reale. Il nostro Irakli Bagrationi Imereti è stato invece riconosciuto da tutti come erede della dinastia reale del regno di Imerezia. La parola quindi torna alla vera autorità morale e politica della Georgia, ovvero al vecchio Patriarca Ortodosso Ilia II (nella foto insieme al principe Irakli). 


"Siamo tutti nelle mani di Dio. Il futuro della cristianissima dinastia dei Bagrationi ed il possibile ritorno della Monarchia, lo decideranno la Chiesa Ortodossa, insieme al popolo georgiano" così ha dichiarato  la nostra Mandilosani Maya Bubashvili Aznauri, in questi giorni in Georgia, dove visiterà sia la Casa Reale che il Patriarcato. Al rientro in Italia vi sarà quindi una riunione esplicativa ed organizzativa, alla quale seguirà, a fine maggio, finalmente, una cerimonia ufficiale della delegazione, presso la Chiesa della Comunità Ortodossa Georgiana di Milano, guidata dal Reverendissimo Archimandrita Padre Kirioni Machaidze. "Noi siamo innanzitutto patrioti cristiani ortodossi, fedeli alla Tradizione ed alle nostre usanze caucasiche ed eurasiatiche, quindi seguiremo le indicazioni del nostro saggio e amato Patriarca" ha aggiunto la delegata Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri, impegnata anche con la Unione della Nobiltà Bizantina ed il dialogo ecumenico fra cristiani ortodossi orientali e cattolici occidentali.


sabato 13 aprile 2019

Santa Croce di Georgia


Santissima Croce di Georgia (del Tempio di Gerusalemme e di San Giorgio Megalomartire), Medaglia di Benemerenza (cristiana ecumenica e culturale eurasiatica), legittimo sistema premiale della associazione ACIGEA (in collaborazione con la Fondazione Storica Panchulidze, riconosciuta dalla stato georgiano) con il Patrocinio della Real Casa Bagrationi di Imereti e la Benedizione della Santa Chiesa Ortodossa Apostolica di Georgia.

ACIGEA (associazione culturale internazionale ecumenica cristiana Italia - Georgia - Eurasia, legalmente costituita e ufficialmente riconosciuta dalla Stato Italiano, dalla Unione Europea e dalla Regione Lombardia). Contatti, informazioni e adesioni: acigea@gmail.com




Bagrationi Imereti: delegazione italiana avanti tutta...

Maya Bubashvili e Lali Panchulidze con il Console di Serbia, Ivan Lorencin

 Lali Panchulidze e Stefano Linati con la pianista Tamuna Giguashvili

Lali Panchulidze con il Principe Ezra Foscari Widmann Rezzonico 
Tomassini Paternò Leopardi di Costantinopoli

Lali Panchulidze ed il Conte Alberto Uva Parea 
con il Console di Romania, Iulia Adriana Cupsa Kiseleff

Lali Panchulidze con Cristina Vittoria Egger Bertotti Tatalov

sabato 30 marzo 2019

Regni Bagratidi e Re Bagrationi di Imerezia






Davide I (1258-1293)
Constantino I (1293-1326)
Michele (1326-1329)
Bagrat I (1329-1330)

Bagrat II (1463-1478)
Alessandro II (1478-1510)
Bagrat III (1510-1565)
Giorgio II (1565-1585)
Leone (1585-1588)
Rostom (1588-1589, 1590-1605)
Bagrat IV (1589-1590)
Giorgio III (1605-1639)
Alessandro III (1639-1660)
Bagrat V (1660-1661, 1663-1668, 1669-1678, 1679-1681)
Archil (1661-63, 1678-79, 1690-91, 1695-96, 1698)
Demetrio (1663-1664)
Giorgio IV (1681-1683)
Alessandro IV (1683-1690, 1691-1695)
Simone (1699-1701)
Giorgio V (1696-1698)
Mamia (1701-02, 1711, 1713)
Giorgio VI (1702-1707)
Giorgio VII (1707-11, 1712-13, 1713-16, 1719 – 1720)
Giorgio VIII (1716, 1720)
Alessandro V (1720-1741, 1742-1752)
Giorgio IX (1741)
Salomone I (1752-1766, 1768-1784)
Teimuraz (1766-1768)
Davide II (1784-1789, 1790-1791)
Salomone II (1789-1790, 1792-1810)




Comunicato Ufficiale della Reale Delegazione


ATTENZIONE: comunicazione riservata e urgente. La delicata situazione processuale, dinastica e politica che, in Georgia, vede coinvolti pubblicamente i principi David Mukhrani e Nugzar Gruzinsky, sta purtoppo danneggiando l'immagine complessiva della famiglia Bagrationi e il partito monarchico, ma anche rafforzando la posizione di SAR il nostro principe Irakli di Imereti come unico legittimo, serio e valido erede al trono. SAR il principe Irakli si è già riservatamente incontrato con Sua Santità il Patriarca Ilia II e sta lavorando, insieme ai vertici della Chiesa Ortodossa e un gruppo di docenti universitari, al rilancio della proposta monarchica tradizionale in Georgia. SAR conferma la sua piena fiducia in Suo Onore la Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri, ringrazia di cuore e saluta la delegazione italiana, in particolare il segretario generale Conte Matteo Guido Giorgio Priori di Letino, ma, per gli evidenti motivi sopradescritti, è costretto a posticipare sine die la sua visita in Italia. Tutte le nomine cavalleresche previste sono confermate ma, anche per la cerimonia di conferimento di diplomi e onorificenze, bisognerà aspettare che si sblocchi la situazione in madrepatria, e i necessari beneplacito, firme e benedizione del Patriarcato. Per non interrompere il buon lavoro intrapreso dalla delegazione italiana, anzi per incentivarlo, con la benedizione della Chiesa Ortodossa, della Casa Reale e della Fondazione Storica Panchulidze, sarà da subito conferita, ai più attivi e meritevoli membri, consiglieri e amici, la medaglia di benemerenza denominata "Santa Croce di Georgia". Tale cerimonia religiosa si terrà, in accordo con l'Archimandrita ortodosso georgiano Padre Kirioni Machaidze, primo Cappellano della delegazione, a Milano, entro il mese di giugno. GRAZIE a tutti e buon lavoro. FIRMATO Sua Eccellenza il Conte Nikoloz Vardanidzev Tavadasvili

martedì 26 marzo 2019

Intervista a SAR il Principe Irakli Bagrationi Imereti

Cultura, identità e turismo


Matteo Priori di Letino, Lali Panchulidze, Maya Bubashvili e Padre Miche Pirotta


Buonasera a tutti, il mio saluto e ringraziamento alla Casa Armena di Milano ed ai miei cari amici Dottore Stefano Linati e Padre Michele Maria Pirotta promotori di questa serata e di questo viaggio. L’Armenia e la Georgia sono come due sorelle, due belle donne caucasiche, dai caratteri molto forti, assolutamente orgogliose della propria specificità e gelose della propria autonomia. Entrambe le nazioni eurasiatiche hanno propria bandiera, stemma, lingua, alfabeto, usi e costumi simili ma diversi. In comune hanno una medesima millenaria dinastia regale, quella dei Bagratidi, Bagrationi in Georgia e Bagratuni in Armenia, e la fierezza di popoli guerrieri che hanno sempre difeso la propria identità e libertà. Ciò che unisce le due piccole patrie è la profonda e radicata fede cristianità anche se espressa da due distinte e antichissime chiese apostoliche autocefale, di diverso rito ma entrambe ortodosse, di matrice bizantina, e legate a Costantinopoli, a Gerusalemme ed alle leggende dei cavalieri templari. Quello che unisce le due nazioni sorelle è certamente il rude e ricco paesaggio caucasico, le colorate tradizioni eurasiatiche, il vino ed i cibi speziati, ma soprattutto la forte presenza di simboli e luoghi religiosi, chiese e monasteri che hanno una architettura molto simile e la medesima forza simbolica e spirituale. Visitare queste terre è ritornare alle origini orientali ed alla essenza della nostra fede e cultura cristiana, difese nei secoli, dai nostri due popoli, con coraggio e battaglie, ma anche persecuzioni e martirio. Concludo, dandovi la notizia che proprio ieri, in una baita in montagna, sotto la neve, al confine di Armenia e Georgia, si sono informalmente incontrati i due primi ministri Mamuka Bakhtadze e Nikol Pashinya, decidendo una maggiore collaborazione politica ed economica fra i due paesi. (saluto ufficiale di Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri alla importante conferenza culturale tenutasi presso la Casa Armena di Milano)


Padre Michele, Alberto Uva Parea, Lali Panchulidze, Stefano Linati e Maya Vubashvili

domenica 24 marzo 2019

Dio benedica i Bagrationi e la Georgia cristiana unita

Real Casa Bagrationi Imereti


 



Questa è la pagina ufficiale della Delegazione per l'Italia (Svizzera, Monaco, San Marino, Vaticano, SMOM e Parlamento Europeo) della Real Casa Bagrationi Imereti di Georgia, il cui legittimo capo ed erede al trono è SAR il Principe Irakli, con la benedizione di Sua Santità Ilia II, Patriarca della Chiesa Ortodossa Apostolica di Georgia. La delegazione promuove la storia e le tradizioni della Georgia e della sua millenaria dinastia, il dialogo ecumenico fra cristiani ortodossi orientali e cattolici occidentali e relazioni internazionali eurasiatiche, organizzando cerimonie religiose, eventi culturali e viaggi turistici.

realcasabagrationi@gmail.com



martedì 19 marzo 2019

Cultura a Milano e in Lombardia



Lali Panchulidze e Maya Bubashvili continuano le attività di promozione culturale della Georgia, della sua storia, identità e dinastia reale. Nelle foto con Massimilliano Bastoni (consigliere comunale di Milano e consigliere regionale della Lombardia), il principe e imprenditore indiano Maraja Sir John Martin Thomas ed alcuni artisti e musicisti.



Incontro a Roma