venerdì 24 agosto 2018

I Principi Bagrationi e i Conti Panchulidze: Onore e Fedeltà



Sua Altezza Reale il Principe Pietro Bagrationi, Luogotenente dell'Armata Imperiale Zarista ed eroe nazionale russo nelle guerre contro gli invasori (giacobini francesi e mussulmani ottomani), con il suo fidato primo attendente, Sua Eccellenza il Conte Ivan Davidovich Panchulidze, Generale dei Dragoni Imperiali. Entrambi i loro ritratti sono esposti al museo nazionale di San Pietroburgo.




Suo Onore il Conte Generale Doni Panchulidze onora Re David IV Bagrationi e l'epica battaglia, patriottica e cristiana, di Didgori, dove un manipolo di eroici cavalieri georgiani, fra i quali alcuni guerrieri del klan Panchulidze di Imereti, ha sconfitto e sbaragliato gli invasori mussulmani ottomani, dieci volte più numerosi. I Panchulidze vantano una antica e solida tradizione militare.


Monumento a Sua Eccellenza il Conte Alessandro Panchulidze, Governatore Imperiale di Saratov in Russia, antenato diretto della nostra delegata, Suo Onore Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri.

giovedì 23 agosto 2018

კრწანისის ომის გმირები

300 არაგველი

Who are Georgians

Royal Georgia

Estate di incontri e pubbliche relazioni per la Reale Delegazione Bagrationi


Estate di incontri e pubbliche relazioni per la Reale Delegazione Bagrationi Imeretinsky: la delegata Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri, insieme al conte Nikoloz Vardanidzev e a Maia Bubashvili, è stata in nord e centro Italia, Svizzera e nel Principato di Monaco dove, presto, saranno attive due sub delegazioni ufficiali. Nel frattempo continuano e si rafforzano i rapporti di interscambio culturale e amicizia con i rappresentanti della Real Casa Savoia, la Sovrana Casa Principesca Grimaldi, la Casa Imperiale Cantacuzene di Bisanzio, e diversi ordini cavallereschi e confraternite templari.





mercoledì 22 agosto 2018

Cultura, Tradizione e Memoria...


 

Nella Delegazione della Famiglia Reale Bagrationi Imeretinsky (di Imerezia, Georgia, Armenia e Cilicia) entra a fare parte ufficialmente l'illustre Professor Luigi Antonio Fino di Bari, medico e docente universitario, appassionato studioso di storia, religione e geopolitica, autore, fra l'altro, di un libro dedicato al ricordo del Genocidio Armeno. Ricordiamo che a Bari ed in Puglia, fin dai tempi dell'Impero Bizantino, vi è una storica presenza della comunità ortodossa georgiana.

 



martedì 7 agosto 2018

Georgia e Armenia: Cristianissima Patria dei Bagrationi



Sullo stato dell'Armenia come parte della monarchia centralizzata medievale georgiana (secoli XII-XIV).
"Ingannevole trasgredito i limiti e la casa a schiera a casa e campo a campo, e il più debole iskhitil la loro parte, e si sforzano di perfezionare bessosediyu come ci si fatemelo zhitelstvovat sulla terra"
San David il Costruttore. "Il canonico penitenziale"
La prova della grande figura di questo periodo la natura autocratica del suo potere reale, che persisteva nel tempo della regina Tamar e dei suoi eredi, rende i giudizi inutili sullo stato politico dell'Armenia, che entrò a far parte della monarchia centralizzata georgiano, che spesso può essere trovato nella storiografia armena. Ma, come in una serie di sfide comuni della storia della Georgia e l'Armenia, per la questione della "armena lo status di" storici armeni hanno portato i tentativi di rivedere l'etnia Mkhargrdzeli e esagerata la valutazione del significato storico del loro ruolo nello stato della Georgia, dobbiamo, prima cosa, si consideri la storia di questa famosa famiglia.
Il principe Vakhushti nella lista degli antichi principi georgiani chiama Mkhargrdzeli al nono posto, e quindi li considera appartenente alla storia delle famiglie feudali georgiane. In base ai dati delle fonti georgiane e armene, M. Brosse specificamente studiato la storia del genere Mkhargrdzeli e legato con un passato comune di leader dedicati e ministri del regno georgiano. È degno di nota il fatto che abbia chiamato questa famiglia "Mkhargrdelidze". Successivamente, i dati e le conclusioni di M. Brosset sono stati riprodotti a lungo. La questione della Mkhargrdzeli non in piedi di fronte storiografia georgiana e armena e agli inizi del XX secolo, perché le fonti esistenti e lo studio ha fatto abbastanza ovvio affiliazione Mkhargrdzeli, con il punto culturale e storico di vista, la pace e la sovranità della Georgia. Solo negli anni '40. XX secolo.,
I fenomeni negativi del "liquidazionalismo storico" che si sviluppò nella storiografia dell'epoca sovietica furono i primi nel 1947 a rispondere all'adad. S. Janashia suo famoso studio scientifico-critico "Su un esempio di distorsione della verità storica". Fu sostenuto da I. Tsintsadze e V. Dondua. Dopo la revisione critica di V. Dondua pubblicata nel 1953 (vedi Mimohilveli, n. 3), nessuno ha toccato la questione di Mhargrdzeli dai ricercatori georgiani. Solo agli inizi degli anni '70, in risposta alla distorsione dei fatti e della letteratura di parte in diversi articoli di giornali e riviste suonò la voce di protesta (Sh Meskhia, M. Lordkipanidze, A. Bakradze). E nel 1979 uscì la solida opera di S. Meskhia, nella quale, sulla base di uno scrupoloso ed esauriente esame delle fonti storiche, l'autore rispondeva a tutte le domande principali, legato alla storia del clan Mkharddzeli. Questo lavoro rimane oggi uno dei principali supporti nella disputa scientifica su questo tema. E la promozione di nuovi argomenti e tentativi di modernizzare i vecchi concetti continuano tutti.
I ricercatori della storia del Caucaso sin dall'inizio legati storia tipo Mkhargrdzeli con la questione della determinazione dello status di Armenia, che entrò a far parte della monarchia feudale unificato georgiano. La ricerca è stata condotta allo scopo di stabilire la genealogia di Mkhargrdzeli, poiché i rappresentanti di questo genere personificavano direttamente la più alta amministrazione del regno georgiano in questa parte dell'Armenia storica. Molti della vecchia generazione di storici armeni (M. Chamchyan, M. Alishan, E. Lalayan, Ac. Shahnazaryan e altri.) Non ha insistito sul corretto tipo di origine armena Mkhargrdzeli. Persino Yakov Manandyan, che, a quanto pare, incontra per la prima volta il termine "zafhariani", considerato di origine curda.
Storiografia armena degli anni '30. XX secolo. prestando relativamente meno attenzione per identificare le origini Mkhargrdzeli di determinare il valore del loro lavoro nella storia dell'Armenia, che naturalmente ha causato la necessità di uno studio completo della situazione politica legale o reale è sotto il controllo parte Mkhargrdzeli dell'Armenia. Inoltre, questo tipo di percezione dei rapporti georgiano-armeno fonti armene di secoli XII-XIII, crivellati di nostalgia per la vita pubblica, ha notevolmente contribuito alla creazione del quadro storico desiderato, bypassando lo stato reale.
Il primo che ha legato lo status politico di attività Mkhargrdzeli della parte armena della Georgia, è stato apparentemente ben noto storico Leo (Arakel Babakhanyan). Un tale approccio al problema che ha mostrato nella sua opera "Storia delle scuole spirituali diocesani della Karabakh", pubblicato in armeno a Tbilisi nel 1915, dove ha espresso le sue idee sulla creazione di Mkhargrdzeli nel nord dell'Armenia "rete federata principesco". Secondo lui, in base a relazioni di parentela comunità e spasalara comunicazione Zaccaria con un forte regno georgiano gli ha permesso di prendere tutta la regione Ararat con la città di Ani (ANSI), e anche - molte altre terre armene e il "come far rivivere l'indipendenza armena nel più ampio questo caso di misura, piuttosto che nell'era di Bagratuniev. " Quindi è chiaro,
Prof. L. Melikset-Beck, per ovvi motivi (infatti, apparteneva a entrambe le storiografie allo stesso modo), sceglie tra i due punti di vista una posizione di compromesso un po 'timida. Secondo lui, "alla fine del XII -... All'inizio del XIII secolo, vale a dire circa nell'era del regno di Tamar e dei suoi eredi, Mkhargrdzeli erano maestri reali di tutta l'Armenia, in generale, e il cosiddetto .. "Bordi settentrionali" in particolare. In ogni caso, i Mkhargrdzeli si consideravano eredi dei re armeni, sebbene in realtà fossero governatori dei re georgiani in "Armenia settentrionale".
Leon Melikset-Beck, da un lato, riconosce l'egemonia politica della Georgia in Armenia, d'altra parte, esagera la possibilità di funzionari georgiani alto lignaggio del paese associato. Successivamente, questo punto di vista non è stato condiviso da nessuna delle parti in causa.
Più chiaramente, rispetto ai suoi predecessori, ha espresso la sua posizione è uno dei più autorevoli esponenti del armeno storiografia Ya Manandyan quando nel suo tre volumi "Una revisione critica della storia del popolo armeno" capitolo specificamente dedicato Mkhargrdzeli, chiamato "Restauro dell'Armenia sotto la sovranità della Georgia." Questo capitolo è stato ulteriormente sviluppato in precedenza, nel 1930, hanno anche suggerito che nell'era della regina Tamar" ... quasi tutti Armenia fu conquistata dai suoi generali e Zaccaria Ivane Mkhargrdzeli e sotto l'autorità di questa nuova famiglia principesca di feudale Armenia è stato restaurato come una provincia vassalla della Georgia ".
Sembra, tuttavia, che una decisiva influenza sulla formazione della vista armeno di origine e del ruolo Mkhargrdzeli nella storia della Georgia e dell'Armenia hanno avuto opere di Suren Yeremyan. La sua visione sulla questione S.Eremian introdotto già pubblicato nel 1944, un popolare scienza saggio "Amirspasalar Zacharias Erkaynabazuk". Il suo atteggiamento verso l'origine Mkhargrdzeli autore manifesta già nel titolo, quando si traduce in armeno cognome georgiano e dà l'aspetto del georgiano re nobile sovrano armeno in tal modo. Mettere avanti in questo saggio le disposizioni principali ha poi ripetuto in una forma più generalizzata in altri studi, tra cui pubblicate a Yerevan nel 1951 libri di testo. E in articoli separati nel Caucaso e tutti-sindacali pubblicazioni sviluppato ancora più radicale. Dopo aver evitato l'attenzione degli storici armeni - Kirakos Gandzaketsi e Vardan di origine curda Mkhargrdzeli, S.Eremian, senza specificare le fonti sostengono che il loro nome - e lì per conto Zakharian amirspasalara vassallo del re Davide il Costruttore e Governatore di Tashir-Dzoraghet Ivane Orbeli - Zacharias righello anziano Hozhorny. Su questa base, egli considera il ramo armena e altri tipi Mkhargrdzeli, in particolare, Gagel e Tmogveli .Podobnym trasformazione etnica Mkhargrdzeli e immensamente esagerata importanza politica delle loro attività nella storia autore georgiana e armena prepara gradualmente il lettore a credere nella possibilità di uno status speciale per la parte armena della Georgia. Secondo S.Eremian, amirspasalar regina Tamar Zaccaria nascosto non solo gli affari militari interni, ma per conto della spesa Tamar e la politica estera, in una parola, è stato il governatore de facto del regno. Inoltre, Tamar presumibilmente era governata da onnipotenti fratelli - Zaccaria e Ivane "Dolgoruky" (cioè Mkhargrdzeli ..). Sulla base di queste accuse, l'autore pensa di convincere l'affidabilità lettore del suo orientamento in base al quale i territori armeni, incluso nella parte della Georgia nel XII secolo., Erano in "mani Zakharyan' e sono stati così indipendente dalle autorità centrali, i re georgiani non era nemmeno intenzione di queste tasse territori. L'autore omette informazioni fonti georgiane, non dice nulla sul terreno Mkhargrdzeli è stata data sulle condizioni di proprietà. l'autore pensa di convincere il lettore della loro linea guida affidabilità, secondo il quale i territori armeni, incluso nella parte della Georgia nel XII sec., nelle mani di "Zakharyan" e sono stati così indipendente dalle autorità centrali, i re georgiani non sono nemmeno raccolti imposte da questi territori. L'autore omette informazioni fonti georgiane, non dice nulla sul terreno Mkhargrdzeli è stata data sulle condizioni di proprietà. l'autore pensa di convincere il lettore della loro linea guida affidabilità, secondo il quale i territori armeni, incluso nella parte della Georgia nel XII sec., nelle mani di "Zakharyan" e sono stati così indipendente dalle autorità centrali, i re georgiani non sono nemmeno raccolti imposte da questi territori. L'autore omette informazioni fonti georgiane, non dice nulla sul terreno Mkhargrdzeli è stata data sulle condizioni di proprietà.
Nel discutere il ruolo politico Mkhargrdzeli e nord l'Armenia lo stato della storiografia armena può essere fatta notevole caratteristica: la mancanza di un punto comune chiaramente articolata di vista su questo tema. L'idée fixe "indipendenza" subisce cambiamenti qualitativi dal lavoro al lavoro e dall'autore all'autore. Lo stesso si osserva nelle opere di S. Eremyan. Nel 1951 scrisse: "I territori liberati dalla Georgia con la partecipazione attiva degli armeni divennero parte dello stato georgiano, usando l'autogoverno interno e l'immunità fiscale." Due anni più tardi, si rivolse provincia armena della Georgia in uno stato vassallo, e Mkhargrdzeli tranne fiscale, attribuita e l'immunità giudiziaria e li ha dichiarati "ereditarie governanti supremi" di questa regione. Quindi, a suo parere, è stato formato un'intera rete di principati armeni vassalli della Georgia, dalle cui fonti sorgeva il cosiddetto. Zakarian. Sfortunatamente, non ha supportato l'evoluzione delle sue opinioni (S. Yeremyan) con nuovi materiali o studi. E nel lavoro pubblicato nel 1957 scrisse: "In Transcaucasia nel XII secolo. fu stabilito il periodo di egemonia politica della Georgia feudale con cui era unita l'Armenia settentrionale ". Nonostante la vaghezza dell'affermazione, riteniamo che questa visione contraddica in una certa misura i postulati precedenti dell'autore.
La cosiddetta "indipendenza" delle province armene inclusa in Georgia è portata ad un livello molto più elevato da A. Harutyunyan e S. Pogosyan nei libri di storia della scuola. L'Armenia qui non fa parte né dello stato georgiano, né del suo vassallo. Secondo A. Harutyunyan, il ruolo della Georgia era limitato solo a sostenere il ripristino dell'esistenza politica dell'Armenia. La subordinazione di "Armenia of the Zakharids" in Georgia era nominale e si espresse solo nell'obbligo, se necessario, di assegnare un esercito ausiliario e combattere contro i nemici esterni della Georgia.
Questo punto di vista è riprodotto nel libro di N. Tokarsky.
La questione di Mkhargrdzeli e il relativo problema dello status di "Armenia settentrionale" sono più o meno considerati nel fascicolo del 1964 e del 1969. nel libro delle lingue armeno e russo di L. Babayan "Storia socio-economica e politica dell'Armenia nei secoli XIII XIV". Due capitoli sono dedicati all'argomento in esame, ma la discussione su questo argomento continua nei luoghi e nei capitoli successivi. L'autore cerca di rafforzare il suo pensiero con nuovi argomenti, informazioni provenienti da fonti georgiane e opinioni espresse da alcuni storici georgiani.
A differenza dei suoi predecessori, L. Babayan suggerisce una versione diversa dell'emergere di "Zakharid Armenia". Secondo lui, durante il "governatorato" (autore qui confonde "porubezhnichestvo" con "un governatore generale") Mkhargrdzeli presumibilmente unito le forze feudali armene e ha creato le forze militari armeni nel sistema esercito georgiano che, a quanto pare, definire i propri grandi progetti politici . E secondo questi piani, erano sotto il patrocinio della Georgia e il coinvolgimento diretto delle sue forze armate per liberare il territorio dell'Armenia da parte dei turchi selgiuchidi e ripristinare la sua indipendenza politica, per ottenere l'accentramento delle forze feudali armene e creare uno stato armeno autonomo, che sarebbe un vassallo del regno georgiano . Venticinque Zakharian lotta per la realizzazione di questi piani - su richiesta di Babayan, - un successo: Nord e l'Armenia centrale è stato rilasciato e anche di Cary e il terreno circostante è stato trasferito Zakharyan. Sulla base di alcuni dati erroneamente o intenzionalmente capiti del Secondo storico Tamara, Babayan conclude che i contemporanei consegnati alle Zakharidi non erano più considerati georgiani e li consideravano solo come possedimenti indipendenti degli Zakharidi. Allo stesso tempo, L. Babayan sta cercando di presentare lo status quo in modo da non Mkhargrdzeli presumibilmente erano al servizio del regno georgiano, ma, al contrario, le forze armate del regno georgiano servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia. - su richiesta di Babayan, - un successo: Nord e l'Armenia centrale è stato rilasciato e anche di Cary e il terreno circostante è stato trasferito Zakharyan. Sulla base di qualche torto o intenzionalmente in un senso desiderato al concetto atto della seconda storica Tamara Babayan ha concluso che passava "Zaharidam" contemporanei di terra non sono più considerati scremato gruzin- e li trattano solo la proprietà come indipendenti "Zaharidov". Allo stesso tempo, L. Babayan sta cercando di presentare lo status quo in modo da non Mkhargrdzeli presumibilmente erano al servizio del regno georgiano, ma, al contrario, le forze armate del regno georgiano servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia. - su richiesta di Babayan, - un successo: Nord e l'Armenia centrale è stato rilasciato e anche di Cary e il terreno circostante è stato trasferito Zakharyan. Sulla base di qualche torto o intenzionalmente in un senso desiderato al concetto atto della seconda storica Tamara Babayan ha concluso che passava "Zaharidam" contemporanei di terra non sono più considerati scremato gruzin- e li trattano solo la proprietà come indipendenti "Zaharidov". Allo stesso tempo, L. Babayan sta cercando di presentare lo status quo in modo da non Mkhargrdzeli presumibilmente erano al servizio del regno georgiano, ma, al contrario, le forze armate del regno georgiano servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia. Oltre alla città di Kari e alle terre circostanti, fu trasferito agli zakhariani. Sulla base di alcuni dati erroneamente o intenzionalmente capiti del Secondo storico Tamara, Babayan conclude che i contemporanei consegnati alle Zakharidi non erano più considerati georgiani e li consideravano solo come possedimenti indipendenti degli Zakharidi. Allo stesso tempo, L. Babayan sta cercando di presentare lo status quo in modo da non Mkhargrdzeli presumibilmente erano al servizio del regno georgiano, ma, al contrario, le forze armate del regno georgiano servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia. Oltre alla città di Kari e alle terre circostanti, fu trasferito agli zakhariani. Sulla base di alcuni dati erroneamente o intenzionalmente capiti del Secondo storico Tamara, Babayan conclude che i contemporanei consegnati alle Zakharidi non erano più considerati georgiani e li consideravano solo come possedimenti indipendenti degli Zakharidi. Allo stesso tempo, L. Babayan sta cercando di presentare lo status quo in modo da non Mkhargrdzeli presumibilmente erano al servizio del regno georgiano, ma, al contrario, le forze armate del regno georgiano servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia. Babayan ha concluso che passavano "Zaharidam" contemporanei di terra non sono più considerati scremato gruzin- e li trattano solo la proprietà come indipendenti "Zaharidov". Allo stesso tempo, L. Babayan sta cercando di presentare lo status quo in modo da non Mkhargrdzeli presumibilmente erano al servizio del regno georgiano, ma, al contrario, le forze armate del regno georgiano servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia. Babayan ha concluso che passavano "Zaharidam" contemporanei di terra non sono più considerati scremato gruzin- e li trattano solo la proprietà come indipendenti "Zaharidov". Allo stesso tempo, L. Babayan sta cercando di presentare lo status quo in modo da non Mkhargrdzeli presumibilmente erano al servizio del regno georgiano, ma, al contrario, le forze armate del regno georgiano servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia. Le forze armate del regno georgiano hanno servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia. Le forze armate del regno georgiano hanno servito i loro interessi politici. Questa è la teoria veramente unica di L. Babayan sul ripristino dello stato armeno con l'assistenza e all'interno della struttura della Georgia.
Le posizioni qui elencate, presentate nella storiografia armena riguardante Mhargrdzeli e lo stato di "Armenia settentrionale" ad esse associato, Sh. Meskhia nel già citato lavoro, pubblicato nel 1979, si opponevano ai seguenti argomenti:
1. In base a quasi tutti i ricercatori dell'Armenia e della storia della Georgia (M. Chamchyan, M. Brosse, A. Erice, E. Lalayan, Acarjan G., J. Manandyan, IA Orbeli, W. Allen, VA Minorsky, Iv. Javakhishvili , dati fedeltà gli storici armeni del XIII secolo, S. Janashia, ecc), e le informazioni Vardan Kirakos antenati origine curda Mkhargrdzeli riflettono una situazione molto reale. in questo caso non c'è dubbio.
2. fonti narrative georgiane, i dati del dell'epigrafia armena e georgiana indicano all'unanimità che Mkhargrdzeli erano cognomi, piuttosto che soprannome personale. E 'chiaro che in caso contrario il soprannome Sargis amirspasalara non passò ai suoi figli e nipoti, e ancor di più, ai rappresentanti degli altri rami Mkhargrdzeli per i posteri Vary, proprio come soprannome privato Bogolyubsky non passò al figlio, George (George) - la moglie della regina Tamar, o George the Brilliant - sulla sua progenie, ecc.
3. antenati Mkhargrdzeli ancora sul loro luoghi di origine al cristianesimo - Monofisismo. Quindi siamo stati costretti a separarsi dalla fra le tribù curde e rifugiarsi nella monofisita Chiesa armena. Così gli antenati di Mhargrdzeli divennero "armeni per fede". Ma il loro arrivo nel Caucaso ha coinciso con il tempo (metà XI sec.), Quando le unità politiche armene o contempla, o andare alla loro rovina. Dzorakertskoe, Lore-Tashir regno in cui gli antenati Mkhargrdzeli trovato primo rifugio, ben presto (in principio. Il XII secolo.) Si è unito in Georgia, dopo di che si sono trovati subito al servizio dello stato georgiano e in un gruzinskihfeodalov ambiente e "Armeni" Mkhargrdzeli per fede non è stato possibile raggiungere gli armeni per lingua e cultura. statualità georgiano e il loro entourage trasformato il nome di origine curda nato in Georgia Mkhargrdzeli. Solo sotto questo nome georgiano "Mhargrdzeli" è questo genere noto alle fonti georgiane e armene di quel tempo. Presto l'unico segno dei loro "armeni" - affiliazione religiosa - scomparve. In primo luogo, il secondo ramo di Mkhargrdzeli, e poi, dalla fine del XII secolo, il primo ramo con la progenie successiva, furono completamente ozgizinilis ed ecclesiastici.
Rhode, di tutto ciò che era di origine, che lo Stato, la lingua libresca e la chiesa era la lingua georgiana e che dopo la sua nomina è stata agendo in armonia con gli interessi dello stato feudale georgiano, servito la causa della sua costruzione, e, quindi, del tutto di proprietà del mondo feudale georgiano come può essere chiamato altrimenti, se non dal clan feudale georgiano?
4. La struttura burocratica georgiana ha assolutamente escluso l'ascesa di amirspasalar al primo livello di potere. Sin dai tempi di David the Builder, la prima persona nello stato, dopo lo zar, era il mtsignobart-uhueci di Chkondideli, sotto la cui amministrazione si trovava anche il dipartimento militare. Secondo la testimonianza del Secondo Cronista Tamara, fu lui a essere accusato di emettere e inviare un ordine per "una riunione iniziale dell'ospite". Senza il permesso dello zar, l'amiraspasalare delle truppe georgiane non poteva avere neppure una "piccola milizia" nel loro immediato possesso.
5. La gerarchia caratteristica dei paesi feudali, il vassallaggio non indica indipendenza, autonomia di alcun possesso feudale.
6. L'apparato della burocrazia delle case feudali simili all'apparato della corte reale georgiana era comune ad altre grandi famiglie feudali Georgia è ancora una volta sottolinea che Mkhargrdzeli casa padronale nella sua organizzazione non è diverso da altre case in stile georgiano di buona famiglia.
7. Nelle province armene governate da Mkhargrdzeli, così come in altre province della Georgia, il potere giudiziario supremo era nelle mani del visir-mtsignobart-uhutsi Chkondideli.
8. Zaccaria Mkhargrdzeli come amirspasalar mandaturtuhutsesi regno realizzando un grande contributo al rafforzamento della monarchia feudale Georgia, nel rilascio del catturato dai turchi selgiuchidi nei territori armeni, e la loro adesione al regno Georgia. Egli era un fedele servitore del re georgiano, e così, naturalmente, le fonti georgiane e armene Lui dare lode.
La più importante condizione di promozione Mkhargrdzeli all'arena statualità georgiana e in base alla loro posizione come i signori feudali avevano la loro lealtà verso la Georgia. Nello stesso 1979 a Yerevan pubblicato in russo una interessante collezione di "Bisanzio e nel Caucaso, io», che ha pubblicato un articolo di rassegna S.Eremian 'destino comune, comunità culturale e politica dei popoli del Caucaso nel IX-XIII secolo.'. Stabilisce sviluppato come risultato di approfondite ricerche sul punto di vista di base scientifiche possedute al momento in processi storici Transcaucasia. Il quadro storico presentato nell'articolo chiaramente non concorda con il suo precedente punto di vista secondo cui la parte dell'Armenia che faceva parte della Georgia si è rappresentata. Ecco perché sta cercando di trovare una scusa per disposizioni reciprocamente esclusive nella realtà della Georgia.
Da una parte S. Yeremyan ammette che la Georgia nei secoli XI-XIII. E 'stato centralizzato monarchia feudale, che consisteva di Northern Armenia, d'altra parte - osserva l'emergere della formazione dello stato armeno nel territorio della monarchia, che, presumibilmente commesso da mani del governo georgiano. Egli scrive: United Stato centralizzato georgiano Bagratuni era molto interessato nella creazione dei principati feudali armeni, che, come porubezhnikov (monapire), avrebbero dovuto proteggere il paese da sud posteriore. L'interesse per la lotta comune contro i nemici dei nuovi arrivati ​​ha determinato il verificarsi delle strutture statali armeni, nel quadro dello stato della Georgia, l'ex territorio del regno armeno Bagratuni ...
Nel corso del XII secolo. e all'inizio del XIII secolo. così formato un possesso vassallo di nuove famiglie feudali -. Zakharian Mahkanaberdskih Artzrunis Vachutyan, Proshyan, Orbelian, Hasan Dzhalalyanov, ecc Il fatto che questi nuova casa feudale, come notato da W (caricare Mkhargrdzeli.) (caricare Mankaberdeli.) . Meskhia altro non fosse che un convenzionale unità feudali feudali case georgiane generici. Un granello di verità solo qui che steward David il Costruttore ei suoi successori spesso nominati liberato territori armeni e delle persone che per nascita o credo erano vicini alla popolazione di queste aree. Ma il loro feudo è stata effettuata alle condizioni di servizio del accettata in tutto il mondo, la regola generale che di fatto elimina anche la possibilità di "un vassallo della pubblica istruzione." Le circostanze di cui l'articolo indicato come S. Eremyanom eliminando completamente lo sviluppo delle case feudali dal separatismo. Secondo lui, le aree liberare del nord dell'Armenia dal selgiuchide hanno contribuito in modo significativo alle comunità armene delle grandi città (anice, Dvina, Kars), rappresentanti della nuova commercio e aristocratici usurai e associazioni artigianali, che erano interessati a rafforzare la monarchia feudale centralizzato georgiano Bagratuni. Politica generale di tolleranza e il patrocinio dei re georgiani contro le comunità urbane armeni e musulmani hanno contribuito all'ulteriore consolidamento dello stato. In questa parte dell'articolo risultati S.Eremian sono molto impressionanti argomenti comprovanti la centralizzazione e il consolidamento dello Stato unitario georgiano monarchia feudale, dopo di che è difficile credere nella comparsa in questo stato ha una sorta di nuove formazioni statali. Come si può vedere, l'articolo S.Eremian posizione relativa alla "indipendenza" della parte armena della Georgia è significativamente mitigato, e "indipendenza" è ridotto al livello dei singoli vassalli armeni principati feudali da parte del governo centrale, e quindi praticamente identificata con universalmente caratteristica degli stati feudali del concetto di vassallaggio. Un tale approccio al problema sembra essere stato causato dalla considerazione delle disposizioni del "dell'Armenia del Nord" in linea con i processi storici generali nel Caucaso meridionale. Allo stesso modo, molti atteggiamento rilassato allo status di Armenia, che entrò a far parte della Georgia può essere rintracciata in alcune delle opere della storia armena della Georgia ricercatore A. Margaryan, dedicato allo studio di questioni di lotta intra-classe e relazioni sociali. Con la sua definizione, Armeni del Nord nei secoli XI-XIII. è stato incluso nella sfera dello stato georgiano. Litigando sulla debolezza del potere politico nazionale, cerca di delineare le funzioni delle autorità locali e centrali. Allo stesso tempo nota la mancanza di immunità giudiziaria e amministrativa sul terreno.
Nella sua precisazione, tutti i documenti armeni o georgiani non hanno ancora trovato una prova diretta che immunistam loro beni sono stati autorizzati a nominare i propri funzionari amministrativi e di polizia.
Secondo Mkhitar Gosh, la pena di morte si applicava anche esclusivamente alla giurisdizione dello zar, senza i principi di permesso dello zar non aveva il diritto di eseguire tale verdetto. E secondo P. Muradyan, nei secoli XII-XIII. Georgia e Armenia erano politicamente uniti sotto lo scettro del ramo georgiano dei Bagratidi. Discute l'esistenza di un sistema fiscale comune e la circolazione monetaria in Georgia e in Armenia di quel tempo, rileva anche lo status ufficiale della lingua georgiana nella parte armena della Georgia.
problema Mkhargrdzeli e la relativa questione dello status di Armenia in XII-XIII secolo. rimane ancora oggetto di particolare attenzione alla storiografia armena. Ignorante in materia di storia della Georgia e ha familiarità con georgiane gli autori lingua, a coprire i problemi sono per lo più limitati alle frasi radicali. La maggior parte più informate per quanto riguarda le fonti georgiane e più o meno conoscere la lingua georgiana dell'autore, come se considera il materiale georgiana, ma le loro definizioni della statualità armeno è ancora visto come parte di un unico monarchia georgiana feudale, anche se l'approccio radicale si trova spesso nelle opere di scrittori come tipo. A questo proposito, tipico delle opere realizzate nei 80-90-zioni:. "Syunik Orbelian (. XI-XIII cc)" Grigor Grigoryan (armeno), "la Corte e il processo in Armenia, X-XIII secolo. "Khosro Torosyan (in russo)," Il Principato Vahramyanov "Artashes Shahnazaryan (in armeno), e altri. Nonostante la diversa interpretazione della formulazione o lo stato armeno nel XII-XIII secolo., In questi documenti fondamentalmente lo stesso atteggiamento nei confronti della personalità Mkhargrdzeli. Senza alcuna prova, come truismi, ripetono i "armeni di" Mkhargrdzeli, circa la "armeno casa feudale Zakharian" e il suo ruolo speciale nella storia della Georgia e Armenia. Inoltre, H. Torosian apertamente espresso indignazione contro "alcuni studiosi georgiani" (Sh Meskhia, M. Lordkipanidze et al.), Che, a suo parere, senza alcun motivo, proprio a causa del fatto che alcuni Zakharian tempo (circa 1120-1185 gg.) erano vassalli del re georgiano, l'Orbeli, credono che essi continuano a rimanere in una dipendenza simile e, contrariamente ai fatti sostengono
Sulla base dell'idea di Mkhargrdzeli come il modo feudale armeno, essi comprendono eterogeneo, etnico, la composizione della milizia feudale Georgia, le truppe georgiane-armeno, che, da parte sua, dà luogo alla parte georgiana e armena di truppe presenti forze militari indipendenti. Ad esempio, G. Grigoryan nella sua tesi di dottorato del cosiddetto. Le milizie armeno-georgiane si riferiscono ad un esercito alleato. Sulla base di questa definizione, AH Torosyan parla addirittura della cooperazione politico-militare armeno-georgiana.
Al contrario, A. Shahnazaryan considera "armeno Zakharian casa padronale", allo stesso tempo uno dei più forti famiglie aristocratiche dello stato georgiano, ma partecipare alla campagna sotto il loro esercito georgiano chiama ancora esercito "georgiano-armeno". L'autore è relativamente moderato nel determinare lo status politico dell'Armenia, che fa parte della Georgia. Secondo lui, liberato delle forze georgiane-armeno sotto l'Zakharian nel Seljuk turchi Northern Armenia divenne parte dello stato georgiano sulla base di subordinazione feudale, pertanto, che in realtà è sul lato dell'idea di vassallaggio dell'Armenia dallo stato della Georgia. approccio H. Torosyan a questo problema è estremamente radicale: secondo lui, grazie al successo delle forze armene nella lotta di liberazione nazionale contro i Selgiuchidi, nelle menti del popolo armeno e degli zachariani cresce un desiderio naturale di isolamento territoriale e di ripristino dello stato. Si può anche chiamare continua H. Torosyan, la data di inizio di indipendenza - 1185 Quest'anno, la regina Tamara conferito Sargis Zakharian Laurie "in possesso e regnare". Con questo atto, lo stato georgiano riconobbe l'indipendenza dell'Armenia nord-orientale sotto il governo di Zakharyanov. Anche per l'autore, che ha almeno una certa familiarità con la storia della Georgia, pensiamo che la totale mancanza di fondatezza di una simile conclusione sia chiara. Il premio di terra "in possesso e regno" era la solita forma di stipendio feudale nella Georgia medievale e il suo contenuto non implicava affatto il rifiuto dello stato dai suoi diritti in merito alla concessione. Si può vedere che H. Torosyan, realizzando la debolezza della sua posizione radicale nelle dispute con altri autori,
Sfortunatamente, questa affermazione non è molto accurata. Nessun principato feudale era nello stato georgiano dei secoli XII-XIII. completamente indipendente almeno negli affari interni. Ciò è riconosciuto dagli storici armeni stessi, quando parlano della possibilità di un'immunità giudiziaria e amministrativa nei possedimenti di Mkharddzeli.
Nella storiografia armena, sembra essere dominato da sviluppato il concetto S. Eremyanom dell'origine della liberazione dal vassallo rete armena selgiuchide di principati armeni come una forma peculiare della statualità armeno. La conferma di questo concetto è lo sviluppo monografico della storia che esisteva nei secoli XII-XIII. Armeni case separate feudali e tentativo di determinare il grado di vassallaggio dei loro beni da parte delle autorità centrali della Georgia e identificare questi domini caratteristiche degli enti pubblici indipendenti. "La storia del principato Hochenskogo" B. Ulubabyan, "Syunik principato Orbelian" Grigoryan, "Il Principato Vahramyanov" A. Shahnazaryan, ecc -. Una chiara indicazione di questa direzione di ricerca. B. Ulubabyan già nel 1973 scriveva: "La situazione politica del Basso Khochen era nettamente diversa dal vassallaggio dei principati di Zakhar e aveva una sorta di sovranità. Nelle fonti della fine del XII e l'inizio del XIII secolo. Non si dice nulla sulla dipendenza del principato del Basso Khochen da nessuno, specialmente sul regno georgiano o sugli zaqhariani. "
G. Grigoryan, da parte sua, attribuisce a Syunik Orbelyan i tentativi di ripristinare lo stato armeno. Nella sua precisazione, Sumbat Orbelian fino alla sua morte ha mantenuto il titolo di "re", anche se la testimonianza di prima mano, continua a Grigoryan, il titolo è stato equivalente al titolo di governatore, e non aveva riconoscimento civile al di fuori del plateau Syunik. Pertanto, tutti i tentativi di creare lo stato armeno sovrano di Orbelian si sono conclusi con un completo fallimento. Gli orbeliani potevano raggiungere i loro obiettivi in ​​alleanza con altre case feudali dominanti e con il sostegno diretto della corte reale georgiana.
Dopo Sumbat Syunik governatore ottiene il suo fratello minore Tarsaich Orbelian, quali fonti la testimonianza ha fatto ogni sforzo per rafforzare il trono della Georgia, per il quale Demetre II lo ha nominato atabag. Come si può vedere, nessuno ha portato H. Grigoryan infatti, nessun argomento aiuta a lottare ricercatori attribuiscono Syunik Orbeliyanam tentativo di ripristinare uno stato armeno.
A. Shahnazaryan monografia dedicata allo studio della storia del principato Gagel ed è completamente costruito secondo il concetto citato S.Eremian. Così egli chiama Gagel Vahramyanami, come Tmogveli - .. Tmogvetsi, vale a dire, ci presenta i nomi Mkhargrdzeli e le loro filiali in forma Armenified (gran parte dei rappresentanti della storiografia armena di solito tendono ad offrire cognomi georgiani in forma Armenified). T. n. "Principato Vahramyanov" che vede come parte della "monapire" istituto (zone di confine "porubezhnikov") e traccia un parallelo con l'antica bdehshstvami (regni di antica Armenia vicina) che, a quanto pare, vuole trovare radici armene per "monapire" Georgian Institute. Secondo la sua definizione, il "principato Vahramyanov" sul suo territorio, peso economico e politico-militare è stato il terzo tra le entità politiche "Armenia del Nord", che avevano lo scopo di proteggere i confini sud-orientali della Georgia. I confini amministrativi di questo principato non ha soddisfatto i confini storici e geografici, che era a causa della politica del conflitto georgiano Bagratuni nei confronti del nord dell'Armenia, e gli interessi di difesa della Georgia. Le opinioni dell'autore non danno motivi per il disimpegno di tutte le caratteristiche del principato indipendente di Gagel accettato nel mondo feudale dei rapporti tra il centro e le autorità locali, per la presentazione al principato vassallo della Georgia per spiegare se stessa A. Shahnazaryan, la funzione più importante di questo principato è stato quello di garantire la sicurezza e la protezione confini dello stato georgiano. I confini amministrativi di questo principato non ha soddisfatto i confini storici e geografici, che era a causa della politica del conflitto georgiano Bagratuni nei confronti del nord dell'Armenia, e gli interessi di difesa della Georgia. Le opinioni dell'autore non danno motivi per il disimpegno di tutte le caratteristiche del principato indipendente di Gagel accettato nel mondo feudale dei rapporti tra il centro e le autorità locali, per la presentazione al principato vassallo della Georgia per spiegare se stessa A. Shahnazaryan, la funzione più importante di questo principato è stato quello di garantire la sicurezza e la protezione confini dello stato georgiano. I confini amministrativi di questo principato non ha soddisfatto i confini storici e geografici, che era a causa della politica del conflitto georgiano Bagratuni nei confronti del nord dell'Armenia, e gli interessi di difesa della Georgia. Le opinioni dell'autore non danno motivi per il disimpegno di tutte le caratteristiche del principato indipendente di Gagel accettato nel mondo feudale dei rapporti tra il centro e le autorità locali, per la presentazione al principato vassallo della Georgia per spiegare se stessa A. Shahnazaryan, la funzione più importante di questo principato è stato quello di garantire la sicurezza e la protezione confini dello stato georgiano.
Problema di origine
Le fonti georgiane e armene non influenzano affatto lo stato dell'Armenia, che faceva parte di un'unica monarchia feudale georgiana. Sembra che questo problema sia rimasto al di fuori della sfera dei loro interessi. Presentati nelle fonti di queste fonti, secoli XII-XIII della Georgia. - uno stato cristiano caucasico multinazionale con istituzioni unificate, il cui funzionamento è libero e illimitato in tutto il paese. L'unica fonte che contiene un certo giudizio sulla situazione politica in Armenia in quel momento e che consente la possibilità di ripristinare la statualità armena a un periodo indefinito è il "giudice giudiziario armeno" non autorizzato Mkhitar Gosh. L'autore del monumento informa il lettore in anticipo sullo stato attuale delle cose. Scrive: "Le persone che leggono le mie vere leggi (cioè le leggi sulla corte reale) le metteranno in ridicolo, paragonandomi a un uomo che sogna un regno e molte altre cose piacevoli in un sogno; risvegliato già dal sonno, è privato di tutto. Ma far loro sapere che noi non dimentichiamo quanto fugace e mutevole ogni regno terreno, tanto più il nostro regno, perché il primo non è più tra noi è, e questo noi non c'è bisogno di vedere lo stesso in futuro - non accadrà a noi .... "
Nelle condizioni di tali realtà, è comprensibile, sarebbe inappropriato e del tutto ingiustificato parlare dello "stato dell'Armenia". Ecco perché nelle opere di autori armeni di quel tempo non si incontrano mai, anche la prova unica per l'esistenza della sovranità armeno a parte la corte reale georgiana, mentre le informazioni che riflette il funzionamento del potere reale georgiana in Armenia, ha presentato abbastanza impressionante. Vicino alle letture dirette di fonti, per esempio, David "gestito tutti i casi Kartli Somhiti e Ani" ( "Kartlis Tskhovreba», I, pp. 345-346) e simili ( "Kartlis Tskhovreba», II, pp. 99-100) ci sono anche fatti di partecipazione delle autorità centrali anche in questioni discutibili di portata estremamente privata, che indica la diffusione su vasta scala della giurisdizione di questa autorità in Armenia. Questo tipo di informazioni ci sembra la storia di Stepanos Orbelian sulla corte apparentemente strana nella città di Dvina, a prima vista. Secondo lo storico armeno, durante il regno di Tamar, si scopre, ci fu una disputa tra i due vescovi di accessori Syunik croce preziosa. Ognuno dei membri del dibattito era in piedi da solo e la disputa non poteva essere risolta. Pertanto, su iniziativa di Ivane Mkhargrdzeli, guidato dal primo Visir della Georgia e il capo del tribunale Magistratura Chkondideli era composto da studiosi (scribi), in rappresentanza di tutte le religioni del Paese. Tra i membri di questa corte chiamate di emergenza armeno storico Ivan Tbeli, Memna Jakeli, Vardzia Abate, abate Plindzahanka, i grandi patriarchi della Gareji, Gagskogo e Matsnaberda e nobili. Oltre a loro, i Kadi di Tbilisi, Ani e Dvina,
La questione, che, a quanto pare, avrebbe dovuto essere risolta nella stessa Chiesa armena, diventa oggetto di ampia discussione alla presenza di rappresentanti di tutte le confessioni e influenti personalità secolari del Paese. I punti salienti politicamente unificata, la natura senza soluzione di continuità del paese, la priorità degli interessi comuni, il portavoce della quale, in questo caso, è uno dei più alti rappresentanti delle autorità - il primo visir Georgia Chkondideli inviato appositamente dalla corte reale, come evidenziato nella sorgente! Sarebbe probabilmente difficile descrivere un quadro più chiaro del funzionamento del potere reale georgiano in Armenia.
Un'impressione simile viene lasciato pubblicato nel 1218 in un decreto del georgiano Catholicos Ani Etifane (Epifania) per ridurre le tasse parrocchiali che sigillava reso nella Chiesa georgiano nel Ani iscrizione (vedi:... Marr dell'Epifania iscrizione, Catholicos della Georgia Editore Accademia delle Scienze, 1910). Tuttavia, il decreto del Catholicos georgiano di fronte al georgiana e armena Calcedonia gregge Ani, ma salvato alla fine del testo dell'iscrizione del vescovo armeno Gregorio e Urbano Emir Wagram ( "Io, il vescovo Gregorio I, emiro della città Wagram, certifica che il decreto Catholicos ..." ) suggerisce che il decreto era è distribuito anche al gregge armeno monofisita come un intero stormo di Georgia (Iv. Javakhishvili Opere, t. VI, Tbilisi, 1982, pag. 352), in particolare,
Tuttavia, nella mente degli scrittori armeni nozione di Armenia storica e geografica molto radicate, grazie al quale, sullo sfondo di nostalgia per la statualità armeno (come è chiaramente manifestata nel suddetto passaggio dal Sudebnik Mkhitar Gosh) sembra particolarmente grande importanza per la loro partecipazione questo L'Armenia nelle grandiose imprese di un grande stato cristiano. Un'indicazione di questo rapporto ai fenomeni può essere conosciuto formulazioni fonti armene. "Re georgiana e armena", "le forze georgiane e armene" o "armeni e georgiani", "generale armeno e georgiano", ecc A quanto pare per questo motivo, nelle opere di questi scrittori abbastanza casi l'idealizzazione dei feudatari armeni e governanti della parte armena della Georgia e l'esagerazione del significato del loro servizio al paese. Secondo S. Janashia, il lato ideologico e psicologico di questo problema era che la popolazione armena percepiva la condizione di stato georgiana con tutto il suo apparato di potere, come la sua propria statualità nativa con istituzioni statali comuni. Questo atteggiamento ambiguo (a tutto ciò che è georgiano e generale) ai fatti e agli eventi caratterizza chiaramente le fonti armene, mentre l'atteggiamento delle fonti georgiane in questo senso, per ragioni comprensibili, è abbastanza chiaro. Quindi, ad esempio, "terra" e "feudi" di case feudali, ovunque si trovino - all'interno del paese o nel territorio dell'Armenia storica, - secondo fonti georgiane si suppone esclusivamente in Georgia. Zhamtaagmtsereli (autore anonimo di "cento anni cronache") scrive di Avago amirspasalare:" ... E così ne è venuto a Khan Ulo. Ha onorato con onore e rilasciato in Georgia, nel suo stesso feudo ". Questo messaggio è tanto più notevole perché anche nelle condizioni del dominio mongolo, l'area terrestre di Avag, che includeva le terre dell'Armenia storica, fu riconosciuta dal khan come Georgia.
In contrasto con il georgiano, le fonti armene cercano sempre di distinguere le terre armene da quelle georgiane, i governanti e i funzionari della fede armena dal georgiano, la popolazione armena dal georgiano, ecc. Ma allo stesso tempo, non dimenticano mai di menzionare la presenza delle autorità georgiane in Armenia. Il materiale visivo è ampiamente presentato da Kirakos Ganzaketsi, Grigor Aknerzi, Stepanos Orbelian e nelle opere di altri autori. Diamo alcuni esempi da ciascuno di essi; Kirakos Gandzaketsi scrive, "in esecuzione calpestando i pagani, egli (Agvan proprietario Hovhannes) progettato di trasferirsi in Armenia a grande Ishkhanov Zakare e suo fratello Ivane. E lo hanno accettato con grande onore. Ivane lo sistemò a Gavar Miafor, in un monastero chiamato Hamsi. E cominciò a costruire là una grande e meravigliosa chiesa; [la costruzione di lei] è stata sospesa prima ancora del completamento, Sultan è andato per Khorasan, chiamato Jalal-ud-din, ha colpito il regno georgiano e predetto l'invasione degli eserciti di stranieri e rovinare l'Armenia e la Georgia Aghvank. " Dice senza mezzi termini che sia l'Armenia che l'Agvania sono politicamente Georgia, poiché un attacco a questi paesi significa un colpo allo stato georgiano. Un posto nella struttura dello stato Mkhargrdzeli Kirakos Gandzaketsi spiega così: "Zahare era un comandante militare delle truppe georgiane e armene, è stato oggetto di re georgiano, e Ivane era atabega posizioni." In un altro luogo chiama anche Zakhary Mkhargrdzeli "comandante georgiano", sebbene non dimentichi di indicare la sua appartenenza alla fede armena. Quindi, e secondo l'interpretazione di Kirakos, il sovrano delle regioni armene e aderente alla fede armena,
La stessa immagine è presentata in "La storia della tribù degli arcieri" Grigor Aknerzi. Qui, tra le terre acquisite mongoli georgiane di nome :. Shamkhor, Sagamo, Karherdz, Tereven, Gardman, Ergevank, Matsnaberd, Tavush Terunakan, Norberd ecc Un Mkhargrdzeli l'origine e m n .. "Forze armene" recita come segue: "Il principe georgiano, righello Gaga, figlio del grande Vary, nipote inarticolato di Zaccaria, il nome Agbuga che coraggiosamente combattuto con l'esercito del sultano, respinsero l'ala destra dell'esercito del sultano".
Una spiegazione simile della nazionalità di Mhargrdzeli si trova altrove in questo lavoro. Ad esempio, "figlio georgiano Granduca atabag Iwane chiamato AVAG" et al. Proprio spesso menzionato insieme governanti georgiani e armeni, truppe georgiane e armene e t. D. Secondo la fonte sia Mkhargrdzeli sono principe georgiano e il comandante, e le truppe armene e governanti armeni insieme alla Georgia e condizioni delle regole della Mongolia sono pari entità al servizio dello stato georgiano.
Nel saggio di Stephen Orbelian visualizzata chiaramente lo status giuridico delle terre armene ei loro capi, la natura e la forma del loro rapporto con le autorità georgiane centrali, che alla fine lascia alcuna ragione di speculare sul possibile status di Armenia, come parte dello stato della Georgia, per il quale quindi sforzarsi di rappresentanti della corrente armeno storiografia. Stiamo parlando degli eminenti rappresentanti confessionale-armeni del genere Syunik Orbelian - Sumbat e Tarsaic. Sul rapporto tra la Georgia Re David - figlio Giorgio-Lasha e Sumbat cronista dice: "Sumbat stesso con tutta la devozione di obbedirgli (vale a dire David VII ..) ... ha invitato il re Sumbat Tbilisi a lui complimento reciprocamente, gli domandò, e gli disse:" Che vuoi che ti regali grandi regali? "Sumbat rispose:" O Re, abbiamo tutto tuo e dei tuoi antenati, e questo è abbastanza per noi. " In questo brano, funziona abbastanza comprensibilmente dimostra che la suprema proprietario di tutte le terre sono all'interno dello Stato della Georgia, sono stati il ​​re georgiano ei suoi antenati, nonostante l'allora mongola regola tutto il paese. La conferma di estensione della giurisdizione dello stato georgiano sulle terre armene allegate sono anche tenuti nei libri d'archivio tasse Georgia reali, che dice dettaglio cronista. Per dimostrare la particolare cura Tarsaicha Orbelian su chiese armene Stephen Orbelian ha riferito dettagli molto importanti: "Questo (riferendosi Tarsaich Orbelian) è andato a Tbilisi, ordinò di portare le lettere del re e leggere tutti i libri che sono stati scritti i nomi dei monasteri in Armenia, come l'ex sotto tributo ( secondo un altro manoscritto, "che erano sotto la giustizia e le tasse").
La cosa principale in questo passaggio non è il modo vero visualizzazione della scala è privo di credibilità, incredibile influenza personale Tarsaicha Orbelian, ma ciò che esisteva e funzionava vecchi e nuovi libri georgiani di tasse e di fatto si trova in Armenia oggetti a tempo di trasporto del dominio mongolo non ha fatto si potrebbe evitare l'esecuzione dei loro compiti, se non sarebbero esclusi da questi libri. Odnakoreshenie una questione pubblica così importante che Stefanos Orbeliani con mano leggera attribuito al padre, era in potere del solo il re georgiano, e non una qualsiasi, anche i nobili più influenti.
Lo stato e la sovranità georgiana si riflettono chiaramente anche nei monumenti lapidari delle regioni annesse dell'Armenia nel XII-XIII secolo. S. Janashia ha anche osservato che le formulazioni politiche delle iscrizioni lapidarie armene dei secoli XII-XIV. testimoniano senza dubbio lo status di Armenia come parte integrante della Georgia; secondo le loro informazioni, il re armeno era il re della Georgia e gli stessi mongoli negli anni '20. XIV secolo. considerato Ani e Armenia come una delle regioni della Georgia.
formule politiche iscrizioni armeni, ha attirato S. Janashia, sono: "L'autocratico re Davide, l'imperatore di questa terra e la gente" (Haghpat, 1121), "Il re georgiano George, e anche la nostra sovrana" (Kecharuk, 1181-1183 gg.) "nel regno di Lasha e amirspasalarstvo Zaccaria" (Marmet, 1206), "in memoria della nostra regina Rusudan ..." (Kars, 1234), "nel regno del georgiani e armeni David (David Narin)" (Oromo , 1246), "The padishahstvo Khan Argun, sotto il regno di Demetre in paronstvo amirspasalara Mkhargrdzeli" (Aruch, 1285) e così via. n. a questo proposito, del tutto espresso itelna iscrizione armena sul cancello metà del primo muro della città di Ani, che viene letto e la seguente riga: "... Nel regno dei georgiani nel paese, quando la capitale Ani ricevuto hasindzhu". Cioè, conclude S. Janashia,
Le informazioni di cui sopra fonti armene narrative e iscrizioni lapidarie, e ancora di più - alle fonti georgiane non danno motivo di vedere alcuna speciale statusArmenii, che entrò a far parte della Georgia nel XII-XIII secolo, perché non contengono gli elementi della indipendenza politica di questi territori ..
La struttura politica della singola monarchia feudale georgiana
Contemporaneamente al processo di unificazione politica della Georgia, che culminò nell'unificazione dell'intero Caucaso cristiano, cominciò a formarsi un sistema di gestione qualitativamente nuovo. All'inizio fu messo Bagrat III, spietatamente sterminato, abituato all'indipendenza dei governanti Clardjet, i loro cugini. "Ha sconfitto i suoi difensori per se stesso e posto fedele e zelante obbediente ai suoi ordini al loro posto".
Lotta iniziata da Bagrat III contro l'antico sistema delle terre della corona ( "sauplistsulo") e governatore usobnyh ( "Eristavi"), ha concluso David il Costruttore, che ha creato diventando unificato georgiano monarchia feudale un nuovo apparato amministrativo dello Stato centralizzato. Infine, il combinato David il Costruttore e ampliato i propri confini etnici della Georgia ha richiesto un sistema di gestione unificato e la struttura burocratica. La centralizzazione della gestione è già diventato la richiesta del tempo e, naturalmente, il numero dei suoi sostenitori e il loro potere politico sorpassa senza dubbio le capacità di avversari, che serviva come garanzia per il successo delle riforme David. Nonostante questo, l'opposizione era ancora abbastanza forte. La loro resistenza potrebbe causare danni considerevoli al paese.
Pertanto, David the Builder ha proceduto ad espandere ulteriormente la sua base sociale di base. Il sistema di patrimoniali si oppose al sistema di uso dipartimentale ("sakargavi"). Sulla base di ciò che "eristavismo" è stato sostituito da proprietari temporanei di territori affidati - "sakargavi". Per spiegare Sh Meskhia, questo lago-start, da un lato, la trasformazione di se stessi "Eristavi" (governatore) in "t i titolari sakargavi. E. unico controllo temporaneamente i territori loro affidati. D'altra parte, il trasferimento della proprietà della terra non è subordinata, come prima, ma come unità di gestione, "sakargavi".
Tale possedere nobile "sakargavi" ( "Aznaur") era in completa dipendenza da potere regale e volenti o nolenti è diventato un "fedele e obbediente con zelo" per lei. E David cominciò energicamente a esaltare i fedeli a se stesso. La devozione divenne la condizione principale per il progresso nell'arena politica e nella scala sociale. Anche il "principio di devozione" è stato costantemente osservato dai successori di David, che ha anche avuto grande importanza per mantenere la stabilità in uno stato multinazionale.
Del popolo più fedele a David, consisteva nella stessa creata una delle principali forze militari di supporto - la guardia zarista - la cosiddetta. "Monaspa". Guerrieri di questo corpo delle guardie reali sono stati "selezionati e testati in modo prodezza che cinque mila persone, di fronte a tutta la cristianità, affidabile e collaudata coraggio".
Secondo K. Chhataraishvili, la maggior parte ha avuto luogo nella milizia guardie erano apparentemente origine non-georgiano, come il cronista dice che "convertiti al cristianesimo", vale a dire. E. Il recentemente adottato il cristianesimo. Secondo la sua osservazione, il padre di Zaccaria e di Ivane Mkhargrdzeli - Sargis, che così improvvisamente apparso sulla scena della storia, si è trasferito, è necessario pensare a delle guardie. E secondo N. Berdzenishvili, nel rafforzare e valorizzare il ruolo delle autorità centrali della Guardia georgiana - "monaspa" per la sua importanza conigli oprichnina Ivan il Terribile equiparato. Dal punto di vista secondo l'autorità regale, N. Berdzenishvili sottolinea soprattutto Istituto t. N. Porubezhnikov ("monapire"), che implica un potente potere centralizzato e serve il suo ulteriore rafforzamento. L'Istituto, avendo una tale funzione, a suo parere, potrebbe essere creato solo sotto David e nelle condizioni del percorso politico da lui perseguito; secondo il parere dello scienziato, è per questo che è stato presentato da David. Secondo le sue spiegazioni, Abuletisdze, Orbeli o Beshken Jakeli, casualmente menzionati nel regno di Davide come ministri marziali sono tali porubezhnikami ( "monapire") che "con l'agilità di cattura" della città e la fortezza del nemico, devastare il territorio nemico, ucciso in battaglia nemici, questi sono i "monapire", grazie al lavoro di intelligence che David sa sempre dove l'orda nemica, sa anche quello che il clima politico in un paese preso dal nemico (in Armenia, Shirvan, Ran e ...).
Naturalmente, questi guardiani dei confini non sono ereditarie patrimoniali-governatori, ma per interposta persona di fiducia re, lui e skoroposlushnymi, ministri reali militari e amministrativi nelle zone di confine che hanno bisogno di sostegno contro i nemici traditi. Di conseguenza, David Le riforme Builder molte persone indegne sono stati rimossi da posizioni alte e invece proporre altro degli strati medio-bassi di nobile, distinto personali qualità, l'abilità e la fedeltà al re.
Basta osservare Sh Meskhia sé la nomina al posto di rappresentanti indegni della più alta nobiltà di persone sulle loro qualità personali sono stati essenzialmente una grande riforma in uno stato feudale. Le forze zariste opposte si ritirarono gradualmente e il potere zarista divenne più forte. Andando avanti nella lotta contro i nemici di opposizione ed esterni si prevede di aumentare il fondo di terre pubbliche, come preso dalle grandi feudatari ostili e l'annesso recentemente territorio, e dello Stato, che a sua volta ha contribuito alla moltiplicazione del cast terreni in uso dipartimentale ( "sakargavi") e l'espansione uno strato di devoti e servi obbedienti allo zar e ai soldati. In tali condizioni, gli sforzi volti a centralizzare il potere, senza impedimenti, hanno portato al risultato desiderato.
Per centralizzare il potere più grande importanza è stata l'introduzione di Davide posizione visir Builder che combina le banali (mtsignobartukhutses t. E. commesso senior del re) e la funzione di Chiesa (Bishop Chkondid), con la subordinazione e anche le altre principali dipartimenti del governo. Mtsignobartukhutses in Georgia è di solito somministrati dai monaci e sono stati originariamente conosciuti per la loro fedeltà al re, che era a causa della natura stessa di questa posizione: a differenza di altri funzionari della corte reale, cercando di girare la posta e i privilegi e possesso di beni ereditari associati, mtsignobratuhutsesi erano liberi da tale aspirazioni come monaci, non aveva eredi, e non possono avere terra come proprietà o fonte di reddito. Pertanto, come spiegato N. Berdzenishvili "Mtsignobartukhutses totalmente dipendenti dal governo centrale. Tra questa posizione e la potenza del potere imperiale stati contattati direttamente proporzionale: più duro era re (e corte), più forte e più significativo di ottenere posizione mtsignobartukhutses e viceversa. Così, naturalmente, essere auto-sacrificio e attivo sostenitore di rafforzare e di elevazione del potere reale nell'interesse dei mtsignobartukhutses" .In un contrappeso all'influenza della Chiesa greco, il vescovo Chkondid anche contraddistinto da una speciale devozione per l'autorità regale, e per il momento la riforma di Davide il Costruttore, questa devozione ha già avuto due secoli traditsiyu.Mtsignobartuhutsesi come un monaco, e Chkondideli come vescovo, potrebbe essere impegnato in affari della chiesa. Con l'incorporazione di queste due posizioni, mtsignobartukhutses-Chkondideli influenza sulla Chiesa aumentato in modo significativo,
Oltre agli affari ecclesiastici, David the Builder diede a mzignobartuhutsesi il più alto potere di gestire il dipartimento giudiziario; inoltre, nella sua condotta, come il primo nella gerarchia del funzionario, erano tutte questioni interne ed esterne di stato. Questo potente potere era chiamato visir. Come prima persona alla corte reale, esercitò il controllo su tutti i dipartimenti dell'apparato centrale e, dopo aver ricevuto l'appropriata sanzione, condotto per conto degli eventi dello zar di importanza statale.
È interessante notare che durante l'esistenza della monarchia feudale georgiana unificata, questa posizione fu preservata quasi invariata e l'ordine adottato da David il Costruttore, con rare eccezioni, non fu quasi violato. Tra le misure adottate per centralizzare il potere, una delle più importanti fu la creazione dell'istituto di "mstovari" ("spie"), che il re David trasformò in una potente arma di repressione dell'opposizione feudale. Era un apparato di intelligenza abilmente debellato, attraverso il quale lo zar era a conoscenza di tutto ciò che stava accadendo nelle truppe, nei monasteri o nelle case dei grandi signori feudali. Secondo lo storico re David, persino i "pensieri" dei suoi sudditi raggiunsero il re. "E ogni uomo sapeva con fermezza che anche alla fine della parola dalla bocca senza dubbio divenne noto al re." Si suggerisce che il veicolo da ricognizione, possibilmente, agì fuori dal paese e fornì a Re David le informazioni necessarie sulle azioni dei suoi vicini e nemici. Questo apparato di intelligence faceva parte del Dipartimento degli affari interni, diretto da Mandanturthuccesi.
Mandaturtuhutsesi (capo del personale interno della polizia - mandaturov) è stato, dopo un vizir, il primo ufficiale presso la corte reale, è stato indicato che ha tenuto introdotto nella stessa posizione tempo amirspasalara. È interessante notare che, secondo le modalità adottate per il momento di Davide il Costruttore, mandaturtuhutsesi, anche dopo l'ascesa del titolo amirspasalara (nei giorni di Giorgio III e Tamara), sempre riferita al amirspasalarom.
Nel processo di creazione di un apparato burocratico centrale a pieno titolo durante il regno di David il Costruttore, si scopre che un dipartimento finanziario zarista separato è stato formato, guidato da sourchechletuhutsi.
In conformità con gli interessi della centralizzazione della gestione, l'esercito fu riorganizzato. Nuovi tipi di truppe erano caratterizzati da alta professionalità e lealtà verso le autorità zariste. La milizia mostrata dal voevoda, che aveva possedimenti condizionali (il cosiddetto "mosakargava"), servì al compimento della volontà dello zar. Con il voivodato, essi combinavano anche posti nella corte reale, e di conseguenza - erano funzionari subordinati all'apparato centrale.
Oltre alla cinquemillesima guardia personale "monaspa", David ottenne anche un 60mila esercito forte. Se necessario, ha anche usato l'esercito assoldato ("Rokis spa"). Per la gestione operativa di un grande esercito, fu creato un dipartimento militare speciale, guidato da amirspasalar.
Dipartimenti, che coprono quasi tutte le sfere della leadership del paese, concentrate in un unico general management, guidato dal visir del re - mtsignobartukhutses-Chkondideli. Quindi c'era una concentrazione di amministrazione statale nella corte reale. Come notato da N. Berdzenishvili, in epoca di re Davide, "dello Stato come un punto centrale, venite tutti: gestione amministrativa del paese, la causa in tribunale, affari militari (" monapire, mosakargave "), anche la gestione aziendale Chiesa ... centralmente bene e doganale ". È interessante notare che creato burocrazia centrale David Builder è rimasto sostanzialmente non modifica e durante il regno dei suoi successori (Demetre I, Giorgio III, Tamar). Fino al dominio mongolo, l'autocrazia dello zar in Georgia non è mai stata messa in discussione.
La monarchia era un sistema politico che rispettano le condizioni di unita la Georgia, ed è stato il suo ulteriore sviluppo e potenziamento, che elimina completamente la convivenza simultanea di principio etnico-territoriale in una centralizzazione del potere. La corte reale era già la fonte del benessere della nobiltà e dei rappresentanti della nobiltà combattuta per il potere presso la corte reale. Pertanto, a partire dal momento di Davide il Costruttore, nessun governatore fece alcun tentativo di ripristinare l'antica indipendenza dei loro beni, nessuno del vecchio regno non fa sforzi per raggiungere l'indipendenza e anche un momento di pesante dominio mongolo ha mantenuto il paese unito.
Lo status legale dei principati armeni nell'organizzazione politica di una singola monarchia feudale georgiana
All'inizio di questo lavoro è già stato detto che la questione del "lo stato d'Armenia", che divenne parte del Regno monarchia feudale georgiano, appartiene alla storiografia armena. La stessa formulazione di questo problema è alla base dell'adesione dell'Armenia in Georgia; ma un certo numero di autori armeni nei loro scritti negano qualcosa del genere, o - mostrano un desiderio inestirpabile di confutare questa ipotesi. Sembra indagine storiografica dimostra che la denuncia di fondamento di qualsiasi forma di indipendenza delle regioni armene della Georgia. Le fonti non contengono informazioni circa l'esistenza di eventuali elementi che esprimono la sovranità dei "principati armeni", unito una parte della Georgia, e metodi di ricerca della maggioranza dei rappresentanti della moderna storiografia armena e in base al loro modello storico di bassa coerente con la situazione reale, che è tratto dai metodi scientifici di indagine. Durante la ricerca di tracce della sovranità delle regioni armene in Georgia secoli XII-XIII. I principali argomenti di questi autori, come abbiamo visto, sulla base di un'idea preconcetta del etniche, culturali e politici armeni Mkhargrdzeli e l'esagerazione senza limiti del loro ruolo nella vita politica della Georgia XII secolo, e -. Su un fraintendimento delle forme di feudo in Georgia secoli XII-XIII . e la mancanza di comprensione delle fonti sociali o politici lingua georgiana (come ad esempio l'assegnazione di un paese in possesso del concetto dei sette regni, ecc ...), e in alcuni casi - la creazione arbitraria di fatti. Ad esempio, la "dinastia degli zakhariani"
L'ingresso delle regioni armene nella singola monarchia feudale georgiana e la loro influenza con la statualità georgiana non fu opportunamente condizionato da un atto unico. L'unificazione della maggior parte della Transcaucasia in un singolo stato aveva radici molto più profonde di natura socioeconomica e politica, ei processi politici a lungo termine che emanavano da essi erano realizzati solo in condizioni interne ed esterne convenienti. La posizione in un importante commercio e crocevia strategico-militare diede al Transcaucaso un ruolo molto vantaggioso per il ponte d'oro che collegava le civiltà orientale e occidentale, ma allo stesso tempo subì il difficile destino della terra contesa per i grandi imperi. Pertanto, gli stati georgiano e armeno, insieme ai grandi paesi vicini, furono inizialmente trascinati in una lunga e aspra lotta per l'egemonia in Transcaucasia. Questa lotta ha avuto una notevole specificità: i rivali hanno fissato l'obiettivo di catturare tutta la Transcaucasia, o meglio, tutto Kazkaz, e non si sono accontentati del controllo su parte di esso. Ciò è stato causato principalmente dalle condizioni naturali del Caucaso, che trasformano questa regione in una comunità integrata economica, economica e militare-strategica. Le grandi guerre hanno causato periodicamente il movimento delle arterie commerciali che collegano l'est e l'ovest da sud a nord, quindi da nord a sud, secondo cui le rotte internazionali che attraversano la Georgia e l'Armenia si sono alternate nell'arena del Medio Oriente. La necessità di accesso alle comunicazioni strategiche vicenda è in parte dovuto al desiderio degli stati armeni e georgiani confinanti per espandere i suoi confini fino alle sponde del Kura e Araks, per ridurre al minimo la dipendenza del funzionamento dei sistemi di comunicazione dall'ambiente esterno, che è del tutto vividamente riflette nella storia del Caucaso. Anche i vicini erano fortemente dipendenti l'uno dall'altro in termini di difesa. Sorge nella parte settentrionale e meridionale delle catene montuose del Caucaso rappresentano una barriera naturale contro il nemico, e la loro efficacia, a condizione che il controllo generale incommensurabilmente maggiore. interessi di difesa comuni spesso allevia la lotta per le proprie rivendicazioni territoriali e attaccato sorgono tra i vicini di contraddizioni e confronto diversi locali e nazionali. minimizzare la dipendenza del funzionamento dei sistemi di comunicazione dalle condizioni esterne, che è stata chiaramente riflessa nella storia della Transcaucasia. Anche i vicini erano fortemente dipendenti l'uno dall'altro in termini di difesa. Sorge nella parte settentrionale e meridionale delle catene montuose del Caucaso rappresentano una barriera naturale contro il nemico, e la loro efficacia, a condizione che il controllo generale incommensurabilmente maggiore. interessi di difesa comuni spesso allevia la lotta per le proprie rivendicazioni territoriali e attaccato sorgono tra i vicini di contraddizioni e confronto diversi locali e nazionali. minimizzare la dipendenza del funzionamento dei sistemi di comunicazione dalle condizioni esterne, che è stata chiaramente riflessa nella storia della Transcaucasia. Anche i vicini erano fortemente dipendenti l'uno dall'altro in termini di difesa. Sorge nella parte settentrionale e meridionale delle catene montuose del Caucaso rappresentano una barriera naturale contro il nemico, e la loro efficacia, a condizione che il controllo generale incommensurabilmente maggiore. interessi di difesa comuni spesso allevia la lotta per le proprie rivendicazioni territoriali e attaccato sorgono tra i vicini di contraddizioni e confronto diversi locali e nazionali. I sistemi montuosi che sorgevano nelle regioni settentrionali e meridionali della Transcaucasia rappresentavano una barriera naturale contro i nemici e la loro efficacia, sotto condizioni di controllo generale, aumentava incommensurabilmente. Gli interessi comuni della difesa spesso attenuavano l'acutezza della lotta per le proprie rivendicazioni territoriali e associavano diversi caratteri locali e interni alle contraddizioni e agli scontri che sorgevano tra i vicini. Sorge nella parte settentrionale e meridionale delle catene montuose del Caucaso rappresentano una barriera naturale contro il nemico, e la loro efficacia, a condizione che il controllo generale incommensurabilmente maggiore. interessi di difesa comuni spesso allevia la lotta per le proprie rivendicazioni territoriali e attaccato sorgono tra i vicini di contraddizioni e confronto diversi locali e nazionali.
È caratteristico che "Kartlis Tskhovreba" (Storia della Georgia) distingue chiaramente tra due tipi di guerre: interne ed esterne. Secondo le sue idee, la guerra interna - si tratta di una lotta per l'unificazione dei popoli caucasici nei loro paesi, sotto la guida di uno di loro, e di una guerra straniera - la lotta per l'auto-difesa contro gli invasori stranieri. L'idea di combinare il Caucaso, a quanto pare, è nato principalmente condizioni geopoliteskimi della regione e il suo riflesso nella mente dei politici è stato a causa delle leggi della vita. La lotta per la materializzazione di questa idea può essere fatta a tempi antichi nelle azioni dei leader politici della Transcaucasia (tentativi di Tigran il Grande, Grande Farsmana, Vakhtang Gorgasali, etc.).
Le informazioni più chiare e più realistiche sulla lotta per l'unificazione politica della Transcaucasia sono state conservate nella storia di questa terra che ha rappresentato i secoli IX-XII. fonti georgiane e armene, secondo cui sono state sollevate nell'ambito di un indebolimento del dominio arabo, e combatterono con lui, entità politiche georgiane ed armene trovano tendenza irresistibile verso il consolidamento. Superando i vecchi confini etnici, il processo di unificazione copre gradualmente tutta la Transcaucasia. Secondo S.Eremian in Shirak ramo dei circoli dominanti armeno Bagratuni prodotte dalla dottrina politica dell'unione dei popoli cristiani della Transcaucasia in un singolo stato, che presumibilmente doveva essere formata sotto gli auspici del Shyrack Bagratuni.
Come il loro patrimonio patrimoniale, il Caucaso cristiano e le dinastie georgiane erano considerati. La teoria che collega prole Bagration con il profeta David, e quindi - il Signore Gesù Cristo, è stato registrato nel saggio letterario Giorgi Merchule a metà del X secolo, che ha dato il carattere pubblico delle rivendicazioni dei governanti georgiani di tutta cristiana del Caucaso ..
È interessante notare che le forze coinvolte nel processo di lotta per la realizzazione di questa politica Bagratuni ideale, a cogliere le posizioni strategico-militari (se si trattava di una domanda di Kartli o terre albanesi su Gugareti o "porte di Alani") raggruppate sotto la bandiera del non-etnica, e interessi politici. Pertanto, le principali forze contrarie - sovrani e re georgiani e armeni si trovavano spesso nello stesso campo. Paesi Adarnase, il re georgiano (888-923) non gli ha impedito di provare a contribuire a cambiare gli armeni in Armenia, la situazione politica, non appena gli interessi dispersi lui e Smbat I. Secondo John Draskhanakertskogo, armeno gruppo nobile, sotto la guida di Hassan, suggerite trono armeno Adarnase e ha chiesto aiuto per rovesciare Smbat I.
comune origine della georgiana e armena Bagratuni, probabilmente ha avuto un ruolo nella frase Adarnase trono armeno, ma di fronte a un grosso problema politico, che ha coinvolto in futuro la fusione politica e culturale dei popoli cristiani della Transcaucasia, etnia, in una certa misura, ha perso il suo significato, soprattutto per gli strati più alti della società. Nella stessa direzione di azione e sviluppo stretto, relazione familiare tra i rappresentanti delle dinastie Georgia e armeni.Visita feudale, assume carattere particolarmente ampio in questo periodo.
Nel contesto degli stati aggressivi di prossimità e musulmana pressione culturale il miglior termine è l'unione dei cristiani in uno stato che, sulla base esistenti nel allineamento Caucaso meridionale delle forze principali potrebbe essere implementato solo come unione "Armenia" e "Georgia". La lotta dei Bagratidi armeni per la realizzazione dell'ideale politico nel IX-X secolo. si basava principalmente sulla cooperazione con l'autorità centrale del califfato. Con l'estinzione del suo potere in Transcaucasia, l'Armenia, liberata dalla dipendenza araba, si divise in regni e principati separati; il processo di ulteriore frammentazione si approfondì ulteriormente, grazie al quale i grandi piani dei politici armeni si annebbiarono e si trasformarono in una chimera. Inoltre, che ha avuto inizio nella metà del 10 ° secolo. L'aggressione bizantina mette in dubbio il futuro delle formazioni politiche armene. In queste condizioni, l'influenza delle autorità georgiane stava crescendo. Secondo John Draskhanakertskogo, "il figlio [re] Smbat, Ashot ... re re armeno Virk" 1 t. E. Georgia. Nella seconda metà del X secolo. questo processo diventa molto più profonda e coerente Secondo le fonti armene, il famoso maestro del Tao David III di Tao non è solo coinvolto attivamente nel dibattito della dinastia armena e, a sua discrezione risolvere le loro relazioni, ma anche con la partecipazione degli Armeni liberare la terra armena dal dominio degli Emirati Arabi e poi attacca loro al tuo regno. Il successo del movimento di unificazione in Georgia, per il cui sviluppo, a differenza dell'Armenia, qui formata gorazdbolee ampio quadro socio-economico e politico, fornisce la successiva crescita dell'influenza dei governanti georgiani (Bagrat III, il George I, Bagrat IV) in Armenia. D'ora in poi, solo i governanti georgiani continuano a combattere per l'incarnazione dell'ideale politico dei Bagratidi. Entro la metà del secolo XI. a seguito di un grave aggressione, i Bizantini e le scorrerie dei turchi selgiuchidi della statualità nazionale armena è stata rasa al suolo, e la salvezza del cristianesimo nel Caucaso e il suo futuro è legato alla capacità della Georgia.
In questa crisi nella storia del Caucaso, quando orde di nomadi selgiuchidi minacciato la completa distruzione della economia feudale, su indicazione degli strati dirigente georgiana elaborato il concetto Leonti Mroveli di comune origine, la parentela e la fratellanza dei popoli caucasici, che di fatto rappresenta un ulteriore sviluppo del già formata nella sentenza superiore comunità armena della Georgia e il punto di vista, come ha preparato la base ideologica per la diffusione dello stato della Georgia, non solo nel cristiano terza parte del Caucaso, ma anche nell'intero Caucaso. Il tempo per la nomina di questo concetto, a nostro avviso, è stato scelto in modo eccezionalmente accurato. Solo pericolo comune potrebbe accelerare il lungo processo di unificazione dei popoli etnicamente e religiosamente terra variegata.
La base della politica dello stato georgiano in relazione ai territori liberati dai Selgiuchidi era il principio religioso. Quelle aree, che sono dominati dalla popolazione cristiana (occidentale Shirvan e Nord Armenia) sono stati inseriti direttamente nello Stato della Georgia, e le relazioni con il resto sono stati stabiliti a condizioni di vassallaggio, che è coerente con il vecchio generale della dottrina georgiano-armeno della creazione nel Caucaso del Sud Regno Stato cristiano . Come si può vedere, per questo motivo, gli armeni si sentivano complici nella nascita di un nuovo grande stato georgiano e le sue strutture. Un tale atteggiamento, credo, si riflette nella formulazione delle fonti armene pertinenti, in cui l'intero apparato dello Stato è percepito come un georgiano-armeno, "il re dei georgiani e armeni", "comandante dei georgiani e armeni" "Georgiano-armeno esercito", ecc Sinonimi di queste affermazioni -... "re Cristiano", "esercito cristiano", "paese cristiano", ecc, che esprimono il contenuto culturale e politico di un singolo, Stato comune. A quanto pare, al rafforzamento della fiducia nella società armena in gran parte contribuito al notevole formula relativa a re georgiani - "Spada del Messia", denota un salvatore e protettore dei cristiani e implicita, probabilmente tra cui la popolazione cristiana armena. È interessante notare che gli autori armeni del tardo Medioevo, quando si parla di turno della Georgia alla vecchia formulazione :. "Un paese cristiano", "re cristiano", ecc Allo stesso tempo, chiamato autori armeni sono ben consapevoli che questo "Stato cristiano generale" ancora è la Georgia. Lo stesso esercito "georgiano-armeno", re o comandante si chiamavano alternativamente georgiani. È evidente, tuttavia la loro narrazione spesso impregnata nostalgico (ad es., At Mkhitar). carattere georgiano dello "stato comune" dei cristiani nel Caucaso spiega modelli storici secondo la tradizione, conservati nel libro Kirakos Gandzaketsi:" ... un magnifico, trono ha prezzo, meravigliosa corona, simili, di cui non era uno dei re, che, dicono, apparteneva a Cosroe, il padre del re armeno Tiridate il Grande, e ci nascosta, sopravvissuto grazie alla inaccessibilità del luogo [poi] è andato a re georgiani (assumendo che la volontà di Dio) e non vi rimane fino ad oggi. "
Questa leggenda riconosce i diritti dei re georgiani non solo per la parte dell'Armenia che divenne parte del regno georgiano, ma anche per tutta la storica, grande Armenia e, di conseguenza, sono riconosciuti come legittimi eredi dei re armeni. La registrazione letteraria di queste leggende nella parte armena della Georgia, ovviamente, ha creato un ambiente ideologico favorevole per le autorità e ha facilitato la fusione di queste aree con il resto del paese.
A causa della sua posizione geografica, con l'adesione alla Georgia, le regioni armene si sono rivelate amministrativamente un numero di regioni straniere, che a differenza di altre erano più dipendenti dal governo centrale. Le unità amministrative armene per l'amministrazione furono affidate solo ai più affidabili, dal punto di vista dello zar e dello stato, rappresentanti della nobiltà, tra cui spiccava Makhrrdzeli in questo senso. Il loro contributo al rafforzamento della monarchia feudale è piuttosto ampiamente riflesso nelle fonti georgiane e armene.
La struttura sociale e l'aspetto culturale di questa parte della Georgia nel XIII-XIV secolo è anche una conferma del pieno ingresso dell'Armenia in un unico stato feudale georgiano.
Insieme con la politica di entrare nel confine georgiano, l'Armenia è apparso nello spazio comune di feudale Georgia, rendendo socialmente e culturalmente, e si avvicinò alla Georgia. I paragrafi Sudebnik Mkhitar Gosh del tutto evidente caratteristica traslucida del pubblico georgiano per costruire relazioni che testimonia il fatto che, al momento della creazione del suddetto armena secolare Sudebnik per unire il territorio armeno ha regnato nel feudalesimo in stile georgiano, e non è solo politicamente, ma anche essere socialmente parte integrante Georgia, che ha escluso di per sé la presenza in questa parte del paese di qualsiasi istituzione socio-politica indipendente. E l'ambiente socio-politico generale era la condizione principale che consentiva l'eguale uso dello stato buono per tutti i suoi membri, quindi, probabile separazione da lui era insostenibile, soprattutto alla luce delle terre armene che è venuto sotto il dominio musulmano, ancora più chiaramente si profilava vantaggio del sistema socio-politico della Georgia, che è servita come base per lo sviluppo e la prosperità di Armenia in Georgia. Questa unità socio-politico era così forte che quando era in funzione della struttura amministrativa del paese Mongoli fin dall'inizio sono stati costretti a classificare Georgia (Gurdzhistanskomu vilayet) e Armenia. E come asseriva N. Berdzenishvili, una tale decisione fu presa da loro come risultato di azioni attive dei politici armeni. Ecco perché, ha osservato N. Berdzenishvili, feudale la Georgia non sapeva nessuna lotta per l'indipendenza del tribale, feudatari furono la personificazione del "Georgia", sono stati pari fondatori creative della società feudale georgiano.
Durante il dominio dei Mongoli, quando il potere del re georgiano era estremamente limitata, ed ogni manifestazione di separatismo, feudatari e tentativo di violare l'integrità del Paese è stato mantenuto con tutti i mezzi, l'unità politica della comunità armena della Georgia, e in effetti fornito, prima di tutto, l'interesse della società feudale armena in questa unità, che ha rivelato un campo molto ampio di azione di quanto potrebbe essere in un piccolo principato, situato in un ambiente all'indietro per lui. A questo proposito, davvero notevole il destino Orbeli - governanti georgiani Armenified regione Sivnieti (Syunik). Eligum ei suoi successori, con l'aiuto dei Mongoli a spese delle terre vicine di feudatari creato un vasto feudo e rivendicano per se stessi sulla base della legge della Mongolia, allora il loro principato rimane solo formalmente una parte della Georgia. Ma presto Orbeli tornò di nuovo ai ranghi dell'aristocrazia georgiana e dopo il 1258 la loro casa è ancora inclusa nei libri delle tasse della Georgia. Il sistema socio-economico mongolo non andava d'accordo con i beni patrimoniali. Pertanto, per il bene di feudo sicuro e indiscusso, per la quale ha combattuto Orbeli, è stato necessario coinvolgere il diritto feudale georgiano e l'acquisizione sulla base della legalità delle leggi locali. interessi sociali della popolazione armena in questo periodo, soprattutto nei suoi strati superiori, strettamente allineata con la coscienza pubblica georgiana che ha dato vita, ha scritto su questo I. Orbeli, il perseguimento di armeni feudatari laici alla sempre più crescente livellamento dei signori laici georgiani. Il sistema socio-economico mongolo non andava d'accordo con i beni patrimoniali. Pertanto, per il bene di feudo sicuro e indiscusso, per la quale ha combattuto Orbeli, è stato necessario coinvolgere il diritto feudale georgiano e l'acquisizione sulla base della legalità delle leggi locali. interessi sociali della popolazione armena in questo periodo, soprattutto nei suoi strati superiori, strettamente allineata con la coscienza pubblica georgiana che ha dato vita, ha scritto su questo I. Orbeli, il perseguimento di armeni feudatari laici alla sempre più crescente livellamento dei signori laici georgiani. Il sistema socio-economico mongolo non andava d'accordo con i beni patrimoniali. Pertanto, per il bene di feudo sicuro e indiscusso, per la quale ha combattuto Orbeli, è stato necessario coinvolgere il diritto feudale georgiano e l'acquisizione sulla base della legalità delle leggi locali. interessi sociali della popolazione armena in questo periodo, soprattutto nei suoi strati superiori, strettamente allineata con la coscienza pubblica georgiana che ha dato vita, ha scritto su questo I. Orbeli, il perseguimento di armeni feudatari laici alla sempre più crescente livellamento dei signori laici georgiani.
N. Marr ha inoltre osservato: "L'aristocrazia armeno anche in questo momento era l'ultima tappa completa denazionalizzazione e il suo nazionalismo sembra esaurire l'unico funzionario appartenente alla Chiesa armena (Nel XII secolo.). Con una pausa di questo legame debole mantenendo l'antica nobiltà armena avrebbe dovuto scomparso nella principale armeno fuse contro strati culturali stranieri, georgiana e musulmano, con il quale è stato a lungo legato non solo interessi politici ed economici, ma anche spirituali, in particolare gusto artistico e ideali ".
Distribuzione della cultura georgiana e la lingua georgiana nell'ex regno armeno è stato accompagnato dalla penetrazione e l'adozione nella statualità georgiana di Armenia, che ha notevolmente accelerato i processi di integrazione all'interno del mondo cristiano transcaucasica. Anche se sviluppato nei secoli XIII-XV. processo di decentramento ha causato la distruzione della divisione amministrativo-territoriale dello Stato della Georgia e l'affermazione graduale principio invece signorile nelle regioni armeni non è cambiato il contenuto socio-politico della Georgia dei principati feudali esistenti e che non vengono separati dallo stato della Georgia, fino agli inizi del XV secolo. Turkmeni non forza di rottura via dalla Georgia e non hanno approvato irreversibilmente orientali barbariche, rapporti feudali. Consolidare il ruolo dello Stato della Georgia e la sua capacità di avere un grande impatto sulla società armena non nega S.Eremian quando si basa sull'analisi ha avuto luogo a IX-XIII secolo. Transcaucasica processi socio-politici e culturali, conclude che "il tempo in cui le terre armene erano parte della monarchia feudale della Georgia, e in futuro (nel XVIII secolo.) Ha lavorato sulle menti delle generazioni future. Quando dibattuta questione della liberazione delle terre armene, con l'aiuto di armi russe e la ricostituzione dello stato armeno, è compreso solo nel quadro dello stato armeno-georgiana Unite nei circoli politici del popolo armeno. Transcaucasica processi socio-politici e culturali, conclude che "il tempo in cui le terre armene erano parte della monarchia feudale della Georgia, e in futuro (nel XVIII secolo.) Ha lavorato sulle menti delle generazioni future. Quando dibattuta questione della liberazione delle terre armene, con l'aiuto di armi russe e la ricostituzione dello stato armeno, è compreso solo nel quadro dello stato armeno-georgiana Unite nei circoli politici del popolo armeno. Transcaucasica processi socio-politici e culturali, conclude che "il tempo in cui le terre armene erano parte della monarchia feudale della Georgia, e in futuro (nel XVIII secolo.) Ha lavorato sulle menti delle generazioni future. Quando dibattuta questione della liberazione delle terre armene, con l'aiuto di armi russe e la ricostituzione dello stato armeno, è compreso solo nel quadro dello stato armeno-georgiana Unite nei circoli politici del popolo armeno.
Così, il punto di vista della storiografia armena per quanto riguarda la molto particolare, a differenza di altre parti del paese, status politico armeno all'interno della monarchia georgiana centralizzata medievale, come si vede, non è supportata da fonti storiche ed è in contrasto con i veri fattori di natura socio-economica, politica e culturale del che distinguiamo diversi fondamentali:
Integrazione del corso dei secoli IX-XIII. Transcaucasica processi socio-economici, politici e culturali che sono principalmente destinati l'unione degli stati cristiani in uno Stato e basate su condizioni obiettive della situazione geopolitica del paese, così come la struttura politica del unificata monarchia feudale georgiano guidato da un re autocratico - "spada Messia "in realtà esclude la possibile esistenza nel quadro dello stato centralizzato di qualsiasi forma di indipendenza politica delle sue singole parti, tra cui il armena e della regione astey.
Frattura, avvenuta nei secoli XII-XIII. nelle menti della popolazione armena, sono sotto la protezione e sotto l'influenza dei ricchi e dei potenti Stato cristiano e di aderire alla vita socio-politica e culturale della Georgia, ha contribuito alla assimilazione delle loro idee dello stato della Georgia ed è generato per aspirazione, soprattutto negli strati più alti, di fondersi con la società georgiana.
Nelle condizioni di tale sviluppo dei fenomeni storici, le case feudali armene diventano ancora più dipendenti dall'autorità centrale. Inoltre, anche quando i fattori interni ed esterni tessere risultanti (approfondimento del feudalesimo e la creazione di dominio mongolo in Georgia) governo centrale indebolito, e hanno sviluppato la tendenza alla disintegrazione della Georgia, e come se nulla fosse impedito la formazione dei possedimenti nobiliari armeni come entità politiche separate, non mostrano un tale desiderio, perché la loro esistenza indipendente, a quanto pare, ancora dipendeva dalla presenza dei sovrani feudali georgiane indebolite ma ancora uniti Proprietà. Un fatto degno di nota è che non appena i Turkmeni all'inizio del XV secolo. l'Armenia separata dalla Georgia, la maggior parte delle case feudali armene scomparve.
Così, la ricerca distinto dal resto del paese allo status di cui divenne parte del Regno monarchia feudale georgiano e si fuse con la statualità georgiano dell'Armenia che personalmente contrario al quadro comune dello sviluppo storico del Caucaso meridionale nel Medioevo, completamente priva di gravi base scientifica.
Guram Maisuradz

Georgian National Dance - Samaia