martedì 7 agosto 2018

Mtskheta: la dimora degli eroi


Mtskheta è la vera storia della Georgia, disseminata sulle colline all'aria aperta. Secondo la leggenda, la città fu fondata dal leggendario Mtskhetos, figlio di Kartlos, uno dei discendenti di Noè nella seconda metà del I millennio aC. La capitale del regno di Kartli, Mtskheta, fu dichiarata nel 4 ° secolo aC. re Azovi (Azon), il protetto di Alessandro Magno. Appena lasciate Tbilisi per Mtskheta, sul lato destro troverete il Ponte Pompeo, che si trova nella gola rocciosa del fiume Kura ed è costruito, secondo la leggenda, sui tuorli d'uovo. Questo ponte è una vivida conferma che persino nell'antichità l'Impero Romano aveva interessi strategici nella Georgia orientale (Kartli). Roma cercò di fare di Kartli uno stato vassallo per poter accedere alla Gola di Daryal e coprirlo in caso di invasione dei barbari. Questo è accaduto durante il regno di Re Artag.Il comandante romano Pompeo entrò nell'Iberia (l'antico nome della Georgia orientale e meridionale) dall'Albania caucasica (Azerbaijan). Ai romani fu data una forte resistenza dagli iberici. Hanno anche combattuto armati leggeri, armati di scudi e elmi di pelle animale e di cavalli con guscio. Dopo aver costruito un ponte e attraversato il fiume Kur, Pompeo attaccò l'esercito di Artag e lo sconfisse con decisione. Molti eroi hanno poi piegato le loro teste violente nel burrone del fiume Aragvi per contenere l'assalto dei Romani e impedire la loro invasione della capitale di Mtskheta. I Romani catturarono la fortezza di Armazi e costrinsero Artag a concludere la pace. Tuttavia, questa campagna di Pompeo non portò alla sottomissione di Iberia a Roma. Entrando a Mtskheta, il monastero di Samtavro - un complesso della chiesa di Samtavro-Preobrazhensky e il monastero di San Nicola - fu eretto sul lato sinistro della collina. Nina. La chiesa fu costruita nel IV secolo dal re Mirian, e nella prima metà dell'XI secolo, durante il regno di Giorgio 1, la chiesa fu ampliata e decorata con ornamenti originali. Il tempio Samtavro sono molti santuari: l'icona miracolosa della Madre di Dio iberica, S. Nina, le reliquie dei santi e Abibosa Nekresi Shio Mgvime, parte del pilastro che dà la vita. Nel tempio riposa il primo re cristiano della Georgia Mirian. Nel 4 ° secolo, St .. Nina originaria della Cappadocia venne a Mtskheta con una croce da una vite per portare l'Iberia nel mondo cristiano. Si stabilì sul territorio di questo tempio e predicò il Vangelo. A quel tempo, l'Iberia era pagana, molti erano allora e adoratori del fuoco, seguaci della religione di Mazdeism. Secondo la leggenda, quando il re Mirian stava cacciando nella foresta, un giorno l'oscurità cadde a terra (venne un'eclissi solare). Il re cominciò disperatamente a chiedere aiuto a un solo dio cristiano e la luce tornò sulla terra. Al suo ritorno a Mtskheta, il re si incontrò con St. Nina e fu battezzata. Proibì gli dei pagani e mandò un inviato all'imperatore romano Costantino con la richiesta di inviare ad Iberia un vescovo e sacerdoti. Tutto il suo popolo fu battezzato alla confluenza dei fiumi Aragvi e Kura. Così, il re Mirian ha rotto con l'influenza iraniana e ha fatto una scelta per il suo regno - un'alleanza con Christian Bisanzio. Dopo il re Mirian, il rafforzamento del cristianesimo fu promosso dal re georgiano Vakhtang Gorgasali. Il soprannome "gorgasal" è tradotto dal persiano come una "testa di lupo" - il suo elmo aveva una tale forma. Il re trasformò il nemico in fuga ovunque apparisse su un cavallo che si schiantava. Nel V secolo, quando Vakhtang Gorgasali salì al trono, il regno di Kartli fu un vassallo dell'Iran sassanide. Ma il re Vakhtang rifiutò di prendere parte alle guerre persiane con Bisanzio. E 'diventato il leader della lotta di liberazione del popolo contro i conquistatori iraniani e ha dato vita a questa lotta. Una battaglia decisiva ebbe luogo sulle rive del fiume Iori. Gli iberici hanno sconfitto, ma il re era in una battaglia ferita mortale, trafitto da una freccia avvelenata. Fu sepolto nel grintoso molto Gritty di Mtskheta, la chiesa, costruita dal re Mirian, nel punto in cui nel 11 ° secolo fu costruito il tempio di Mtskheta -. Cattedrale Patriarcale cattedrale della Chiesa ortodossa georgiana, uno dei simboli spirituali della Georgia "Svetitskhoveli" viene tradotto dal georgiano come un pilastro della vivificante. La tradizione dice che dopo la crocifissione di suo sudario è stato diviso in parti, una delle quali è stato consegnato agli ebrei che vivono in Mhtseta - Elioz e Longinozu che hanno mantenuto un santuario nella sua casa. La loro sorella Sidonia ha premuto questa reliquia sul suo petto e così ha svuotato il suo spirito. Fu sepolta con il santuario. Il cipresso è cresciuto sulla tomba. Durante il regno di Mirian in questo luogo iniziò la costruzione della chiesa. Uno dei pilastri, fatto di questo cipresso, non obbediva ai costruttori. Preghiera di San La colonna di Nina brillava dal Signore e si innalzava sopra la terra. Il suo splendore arrivò ad inchinarsi da tutte le parti. Alla confluenza dei fiumi Kura e Aragvi vicino a Mtskheta su un'alta rupe imponente tempio Dzhvari.Tam la leggenda eretto una croce di San Uguale agli Apostoli Nina. Sulla perfezione delle forme architettoniche Jvari è uno dei capolavori dell'architettura mondiale. Questo tempio è meglio detto con le parole immortali di "Mtsyri" di Mikhail Lermontov, "Alcuni anni fa, dove, prugne, rumore, abbraccio, come se le due sorelle, il getto Aragvi e Kura Era un monastero ... "Jvari è stato costruito nel eristav 6 ° secolo (testa) Kartli Stepanozom.V architettura di questo capolavoro incarnava l'energia creativa del popolo, liberata dalla dominazione iraniana e ripristinare la loro statualità ... E quando si torna la sera con il treno a Tbilisi e si avvicina l'antica capitale della Georgia -. Mtskheta , nella finestra della macchina davanti agli occhi si verifica improvvisamente visione onirica - si profila nella nebbia della notte, alla luce tremolante del monastero sbiadito, sospesa tra cielo e terra. E lei Mtskheta - una favola, che si trovano nel quartiere favolosa circondato da montagne, con le sue antiche storia, racconti, leggende, eroi, cavalieri, di cui è diventata la dimora.... E quando si torna la sera con il treno a Tbilisi e si avvicina l'antica capitale della Georgia - Mtskheta, nel finestrino della macchina prima che avvenga l'occhi improvvisamente visione onirica - si profila nella nebbia della notte, alla luce tremolante del monastero sbiadito, sospesa tra cielo e terra. E lei Mtskheta - una favola, che si trovano nel quartiere favolosa circondato da montagne, con le sue antiche storia, racconti, leggende, eroi, cavalieri, di cui è diventata la dimora. ... E quando si torna la sera con il treno a Tbilisi e si avvicina l'antica capitale della Georgia - Mtskheta, nel finestrino della macchina prima che avvenga l'occhi improvvisamente visione onirica - si profila nella nebbia della notte, alla luce tremolante del monastero sbiadito, sospesa tra cielo e terra. E lei Mtskheta - una favola, che si trovano nel quartiere favolosa circondato da montagne, con le sue antiche storia, racconti, leggende, eroi, cavalieri, di cui è diventata la dimora.
Lamara Avalishvili

Nessun commento:

Posta un commento

REALE DELEGAZIONE di Georgia in Italia

"Siamo fiere patriote ortodosse georgiane. Portiamo avanti le nostre tradizioni, difendiamo la nostra identità culturale e r...