martedì 5 novembre 2019

Resoconto della Cerimonia di Varallo

Domenica 20 ottobre, presso il Santuario del Sacro Monte di Varallo Sesia, si è svolta la suggestiva cerimonia cavalleresca della Santa Croce di Georgia, con una celebrazione religiosa officiata da Padre Kirioni Machaidze, Archimandrita (monsignore nella tradizione orientale) e vicario della Metropolia della Chiesa Ortodossa Apostolica Georgiana per l'Europa Occidentale. 

Alla solenne e suggestiva messa cantata, hanno partecipato la locale comunità georgiana ortodossa ma anche numerosi amici italiani e diverse autorità civili, militari e religiose. La giornata, organizzata da ACIGEA (associazione culturale internazionale cristiana ecumenica Italia Georgia Eurasia) è proseguita presso il salone d'onore dell'albergo Italia, con un pranzo di gala e beneficenza di cucina piemontese, preceduto da un piacevole aperitivo di vini e piatti della tradizione culinaria caucasica georgiana. 

Hanno ricevuto le insegne cavalleresche della Santa Croce di Georgia: Sergio Brenna (professionista internazionale del settore infrastrututtre e sicurezza informatica), il cavaliere dott. Cristiano Cherubini (direttore liturgico Ordine Costantiniano di Pavia), il religioso e studioso Franco Cerruti (grande amico e conoscitore della Georgia), l'architetto e pittore Maurizio Calciolari, l'Avvocato olandese d'affari Otte Strouken, Otte, il Prof. Stelvio Tonello (biologo e chimico, docente universitario), il Comandante Luciano Inserra (pluridecorato ufficiale della Marina Militare, dirigente della Associazione Nazionale Marinari d'Italia e della Unione Monarchica Italiana), Monsignor Enrico Patrizio Marelli (Economo Stavroforo della Chiesa Cattolica) ed Eraldo Botta (Sindaco di Varallo Sesia e Presidente della Provincia di Vercelli). 

Ottima padrona di casa e promotrice dell'evento è stata Mandilosani Maya Bubashvili Aznauri, italiana di origini georgiane, da molti anni punto di riferimento della comunità ortodossa della zona di Vercelli e Novara, impegnata in diverse iniziative culturali, nel dialogo ecumenico con la Chiesa Cattolica ma anche nel gruppo folkloristico del Comune di Borgosesia. 

Con Maya Bubasvili erano presenti anche la contessa Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri ed il nobile Giovanni Seia dei marchesi de Soulages d'Aguilach in rappresentanza della Real Casa Bagrationi Imereti di Georgia e Armenia, la più antica dinastia principesca della intera cristianità che ha governato sul Caucaso per oltre mille anni, e che tuttora rappresenta simbolicamente l'identità storica, culturale e religiosa del popolo georgiano.

Nessun commento:

Posta un commento