martedì 7 agosto 2018

La Croce di Santa Nina



Secondo la leggenda, un giorno in un sogno Nina santa Madre di Dio apparve e la benedisse a predicare nella sua proprietà (Georgia), consegnando alla ragazza un cross dalla vite. Svegliandosi, Nina prese due rami d'uva e, tagliandosi una ciocca di capelli, li legò con una croce, come in una visione. Con questa croce un giovane cristiano venne in Georgia. Il fatto che la croce sia fatta di ramoscelli d'uva spiega naturalmente la sua forma irregolare. Questa forma è rimasta caratteristica della Georgia. Oggi la croce con i lati leggermente abbassati (la "croce di San Nino") è un simbolo della Chiesa ortodossa georgiana.
Dopo la morte di Santa Nina, la croce fino al 458 fu conservata nella cattedrale di Svetitskhoveli a Mtskheta, ma dopo l'intensificazione delle persecuzioni pagane la croce fu presa da Andrey e trasferita nella regione di Taron, in Armenia. Più tardi, la croce fu ospitata per circa 800 anni in varie città e fortezze armene. Nel 1239 la regina georgiana Rusudan si appellò al comandante mongolo Charmagan, che catturò la città di Ani, dove a quel tempo c'era una croce di Santa Nina, per riportarlo in Georgia. Charmagan ha accolto la richiesta della regina e la croce è tornata a Svetitskhoveli. Durante il pericolo, la croce fu ripetutamente ospitata nella chiesa della Santissima Trinità sul monte Kazbek o nella fortezza di Ananuri.
Nel 1749, la Georgia Metropolitan romana, che va dalla Georgia alla Russia, segretamente prese con sé croce vite e glielo porse, che vivono a Mosca principe georgiano Buckaroo. Da allora, per oltre 50 anni la croce è stata mantenuta nel villaggio di Lyskovo, Nizhny Novgorod provincia, in nome dei principi georgiani. Nel 1808, il principe Giorgio Alexandrovich presentò la croce di Santa Nina all'imperatore Alessandro I, che ordinò il ritorno della reliquia in Georgia. Da quel momento, la croce è conservata nella cattedrale di Tiflis Sion vicino alle porte settentrionali dell'altare in un kiot rivestito d'argento. Sulla copertina superiore del kiot sono collocate miniature inseguite dalla vita di Santa Nina.

Nessun commento:

Posta un commento

Real Casa Bagrationi di Georgia in Italia...

Solo questi loghi rappresentano la vera TRADIZIONE GEORGIANA in Italia: Fondazione Tradizione Patria Identità, Associazione Cultural...