martedì 7 agosto 2018

Il piccolo-grande Regno di Imerezia: ultimo baluardo dei Bagrationi e della Georgia...



LA FINE DEL REGNO DI IMERTISIN E LA STRADA DI RE SALOMONE
Dopo nel 1801 il regno georgiano fu annessa all'impero russo, su richiesta di re Giorgio XIII, il governo russo ha iniziato la loro comunicazione scritta con Imereti re adesione alla Russia del suo regno. Re Salomone II-nd convocò un consiglio dei principali nobili del paese e mettere questo: che il re non ha alcun erede al trono, l'Imereti prima della sua morte, ma mantiene la sua indipendenza, essendo con la Russia nelle relazioni fraterne tra le due potenze della stessa fede.
Le truppe russe possono liberamente attraversare il territorio di Imereti fino al confine turco e le truppe di Imeretia dovrebbero aiutarle. Possano i rapporti tra i due paesi essere stabiliti su tali sacre condizioni che sono peculiari dell'unto di Dio e delle nazioni cristiane, uniti da un'inseparabile unione di anime - eternamente e irremovibilmente; e dopo la morte dello zar, la legislazione dell'Impero russo dovrebbe essere introdotta a Imeretia. I verbali di questo incontro furono inviati a Tiflis al governatore del Caucaso per essere inoltrati all'imperatore Alessandro I.
Sebbene queste decisioni fossero approvate da tutti i sudditi del re Salomone, ma nella mente di un nobile - il principe Zurab Tsereteli - un altro piano maturò. Il principe Zurab, essendo a San Pietroburgo sotto il regno di Salomone I, e avendo ricevuto il grado di maggiore generale dall'imperatrice Caterina II, cadde in una terribile presunzione; la ricchezza e la gloria negli occhi della gente hanno voltato la testa. La sua corte a Sachkheri si distinse per lo splendore, superando quella reale.
Visse circondato da nobili, molti dei quali, avendo cambiato il suo legittimo sovrano, andarono al suo servizio. A Imereti, in Georgia, a Mingrelia e in Guria ovunque aveva legami familiari con tutte le famiglie nobili. Ha guidato la vita come un antico cavaliere feudale, usando la piena libertà e il potere illimitato. Mostrando ipocritamente la sua devozione alla Russia, godette della fiducia dello zar e del suo entourage.
Al consiglio dei nobili, firmò il secondo sotto una decisione generale sull'accessione definitiva alla Russia. In effetti, stava coltivando piani per rovesciare il re Salomone dal trono e se stesso per sedersi su di lui. In ogni modo, ha cercato di sconvolgere le relazioni amichevoli dello zar con l'imperatore. Nemico di re Salomone II-nd, Gregory Dadiani, egli ispira lettere diffamatorie contro il re dell'imperatore Alessandro I-esimo, e il re stesso ha consigliato di non perdere truppe russe dalla Mingrelia in Georgia attraverso Imereti, perché, diceva, russo può cogliere il regno prima di lui la morte. Allora il re, essendo un uomo di semplice buon cuore e amante della pace, non ascoltare i consigli della sua astuzia, perché amava russo, considerandoli di essere uniti, fedeli fratelli.
Quando il principe non riuscì a seminare l'inimicizia tra i due monarchi nel modo sopra descritto, ricorse a un altro metodo. Cominciò a comunicare per iscritto con il governatore del Caucaso, e poi lui stesso andò a vederlo più di una volta, suggerendo che la presenza dello zar di Imereti impedisce la riconciliazione del Caucaso. La suite reale che gli rappresentava nei colori più oscuri, come persone infide, volenterose e sospettose, e lo zar in persona, come un uomo di mente bassa e incapace di risolvere gli affari di stato.
Dopo ripetuti intrighi, è finalmente riuscito nei suoi piani. L'aiutante generale Tormazov presentò all'Imperatore un rapporto sulla base della calunnia Principe. Zurab Tsereteli. L'Imperatore, credendo alla calunnia, ordinò in qualche modo di attirare Solomon King a Tiflis, e da lì a scortarlo a San Pietroburgo per la residenza permanente.
In virtù di questo decreto, il gene. Rallenta dopo una conversazione segreta con il principe Tsereteli, ha scritto al re e al Consiglio, in modo che non si sarebbero mettere nel lavoro per venire a sure sul confine Imereti in Georgia per un colloquio personale e la negoziazione, in quanto hanno il decreto di un imperatore orale per lui. Il re Salomone sentì immediatamente qualcosa che non andava e chiamò un incontro per scrivere una risposta al generale. Nel corso della riunione, le precedenti decisioni sono state confermate e al generale è stata data la risposta in futuro di non preoccuparsi delle proposte che sono umilianti per lo zar e il suo popolo.
Alla fine dell'incontro, il principe Zurab Tsereteli si ribellò contro questa decisione generale, coprendo astutamente i suoi piani con preoccupazione per il destino dello zar. Cominciò a dimostrare a tutti che è impossibile in una forma così dura scrivere una risposta all'imperatore, che ciò potrebbe portare alla guerra e all'espulsione dello zar. Allo stesso tempo, ha consigliato il re, travestito come camminare o la caccia, per vedere generale Tormazovym nelle Sure e prevenire il disastro che minaccia Imereti.
Qui protopresbitero Jesse sentiva inganno Duke Zurab iniziata davanti alla faccia di tutti i presenti al consiglio di denunciarlo come un traditore al suo re, i cercatori di traditori dopo l'accensione e la causa di ogni disordine e guerra civile nel paese. Quindi, circa. Jesse bloccò la bocca del principe orgoglioso e si vergognò del palazzo. Richiudendo il suo cavallo e minacciando il suo accusatore, si diresse verso il suo posto a Sachkheri. La lettera fu inviata a Tiflis e pochi giorni dopo p. Jesse ricevette da casa la notizia della morte della moglie. Poi si affrettò a tornare a casa per pagare l'ultimo debito alla moglie defunta.
In sua assenza, ha iniziato il disaccordo in consiglio: un po 'pentito di aver scritto questa lettera, altre forme di sostegno diretto argomenti Vol. Tsereteli, e altri hanno esortato il re prese consiglio protopresbitero Jesse e Kutais non lasciare prima della fine del suo lutto di 40 giorni per la moglie. Il re non sapeva quale consiglio seguire. Sfortunatamente, prevalse il piano infido del principe Tsereteli, contro il quale si risollevò risolutamente. Jesse, e il re Salomone sono passati da Kutaisi, accompagnati da 300 soldati e, con il pretesto di una passeggiata, è andato alle sure.
Generale rallenta, dopo aver appreso l'approccio del re, tutto ad un tratto sure andati al Gori, lasciando l'incarico di uno dei funzionari di notificare al re che l'estrema importanza del caso richiedeva la sua presenza urgente a Gori, dove egli esorta accogliere Sua Altezza (secondo. Gabriel i re di Imereto erano chiamati Alti, non Maestà).
In caso di mancata osservanza del re a Gori, tormazit ordinato allo stesso ufficiale, utilizzando la sinistra in agguato delle truppe e artiglieria, di portarlo con la forza. Il re Salomone II venne a Suram, fu salutato nella maniera più solenne; ma quando ha saputo di manovre difficili generali, fu grandemente angosciato come atteggiamento disonorevole verso di lui. Più preoccupati per la sorte della sua nativa Imereti, che cosa accadrà a lei se dalla Russia invierà queste persone senza scrupoli, a quello che porteranno stato disastroso del suo paese? Nel dolore, ha detto: "Sono prudente Imperatore-imperatore Russia può nominare tali persone, non in piedi la fiducia?" E gridò Solomon per le sorti del suo paese, che ha vigile conservato con amore per 25 anni e ha cercato di rispettare il suo popolo nei precetti sacri Il Vangelo.
Gentile accoglienza dei funzionari inviati dal gene. Tormazov, non poteva sciogliere l'amarezza dalle prime notizie. Con tristezza, disse che un tale ignobile comportamento del generale avrebbe richiesto un immediato riscontro con lui, in modo che il servo non ascendesse e non approfittasse della fiducia conferitagli. Qui entourage re lo ha invitato a bruciare la città e tornare a casa, ma egli rifiutò, e si dimise prima che le sorti sconosciuti dell'Altissimo, che fa tutto le cose umane, si recò a Gori.
Ma il generale rallenta, e lasciato lì per tendere un'imboscata dell'esercito, andò a Tiflis, istruire il suo ufficiale al re, che, come le questioni urgenti chiedendo la sua immediata partenza per Tbilisi, ha umilmente chiesto Sua Altezza a fargli visita a Tiflis. Bugie generale, in modo umiliante per il suo credito, ha portato il re con rabbia, e ha nel cuore, ha detto, "Se lo stato è la sua dipendenza da generali disonesti e veramente la fiducia dell'imperatore queste persone che non possono beneficiare né religione, né re né paese ? "Qui sputò tre volte, portandolo in onore del generale Tormazov, e non esitò ad andare a Tiflis.
Arrivato lì, fu accolto con grande onore e sistemato nelle stanze più magnifiche, circondate da numerose guardie, sotto le spoglie di una guardia d'onore. Quando è apparso prima che rallenta il generale verso il basso, il re in piedi, non permettendogli di pronunciare una parola di rabbia, ha detto, "Chi sei e che cosa l'origine e attraverso alcun merito ha raggiunto un tale posto importante?"
Quando il generale ha spiegato a lui che proviene da un'antica famiglia nobile, ha sentito in risposta a queste parole: "Se tu avessi raggiunto disinteressatamente questo rango, e se la vostra origine era tale, come dici tu, allora si sarebbe mai permesso a se stesso un modo così disonorevole offendermi e portare a spiacevoli spiegazioni con il tuo sovrano, ma le tue azioni sono basse e non meritano né la dignità né la tua specie. ora ho potuto trattare con voi come un temerario audace, ma non farlo, dando la generosità intrinseca dei re, e per l'onore del vostro Imperatore -. il nostro fratello "
Con queste parole, lo ha mandato via. Il generale uscì in imbarazzo da lui. Quando è venuto a se stesso, ha chiamato i principi georgiano David Dzhambakurian-Orbeliani, Costantino Bagration di Mukhrani e David Tarkhan-Mouravi, mostrò loro decreto dell'imperatore e ha cominciato a fare delle scuse, nel tentativo di spostare la colpa sul libro. Zurab Tsereteli, accusandolo di tutti i principi, ha chiesto di intercedere per lui davanti al re di Imereti, che ha cambiato la sua giustizia pazienza con la misericordia, promettendo, da parte sua, ha scritto all'imperatore e chiedergli per la fornitura del re a San Pietroburgo reception decente. Quindi allentò la guardia e permise al re di ricevere visitatori liberamente.
I principi trasmisero allo zar la loro conversazione con il generale, ma non riuscirono a tirarlo fuori dallo stato noioso, poiché né le scuse né le promesse di accoglienza cordiale nella capitale settentrionale avevano divertito il cuore dello zar. Nella collezione di persone a lui fedeli, il re ha maledetto il principe. Zurab Tsereteli: "Affinché il Signore Onnipotente possa devastare la sua casa per punizione per le sue invenzioni, mentre l'Imeretia ha intruso di fronte a lui il re e il sovrano".
Tra i presenti c'era il terzo figlio del principe Zurab Tsereteli - Simeon. Sentendo un tale terribile maledizione dalle labbra di Dio unti, era in soggezione cadde ai piedi del re, e con le lacrime, soffocamento con emozione, ha cominciato a supplicarlo: "Sire! ! Otimi una maledizione su di me e sul mio fratello, Metropolitan David, perché non partecipiamo a tutti i disegni di nostro padre e fratello Gregorio "Allora il re gli disse:" Non temere di voi che maledizione, perché la giustizia di Dio ha solo chi è la colpa; ma chi non ha la colpa, non lo riguarda ".
Un'altra ambasciata del gene. Tormazova consegnato al re la notizia che, secondo il messaggio ricevuto da St. Petersburg, per il re è pronto a corte, ma per mantenere e suite assegnato piuttosto una grande somma di denaro, e l'imperatore con tutto il cuore vuole essere accanto a lui un così grande compagno, e per partenza per la Russia gli fu dato un periodo di due mesi. Il re attraverso la stessa dopo la risposta al generale: "Imereti c'è un paradiso di Dio, come se il palazzo di un re per lei, quindi non posso ingannare i tuoi palazzi di San Pietroburgo.
tavolo Moderato decorato con offerte di soggetti Imereti del re, era l'unico lusso nel palazzo, e da questo tavolo e mangiato nobili e mendicanti e vagabondi, e miserabile, e tutto ha lodato il Signore. Tali enormi costi sono molto inutili per me e lasciare che l'Imperatore non appesantisca la tesoreria statale con questo.
Quanto alla promessa di darmi un ricevimento gentile e di trattarmi come mio fratello, questo, se piace a Dio, si avvererà; riguardo alla mia preparazione, in modo che il generale sapesse e prima di tutto non si preoccupasse - questi due mesi dedico alla preghiera, poiché sto partendo per un paese sconosciuto ".
Dopo la partenza dell'ambasciata, il re si diede una calda preghiera, riversando i suoi sentimenti davanti a Dio. Poi ha invitato tutto il suo popolo e disse loro: "Tutti voi, fratelli miei, essere portato da me o adottivo mio fratello, fino ad oggi, mentre nel nostro paese, ha trascorso la vita in tutto contando sulla divina Provvidenza, io, tuo padre, e voi, miei cari, siete miei fratelli e miei cari figli. E 'ovvio che ci sono più di 25 anni tra voi righello e di essere soddisfatto di tutti i servizi, non ho bisogno di assicurarsi che la vostra devozione per me, perché il vostro ministero si è dimostrata; dopo avermi servito, eri anche spesso separato dalle tue famiglie, avendo delle rare visite con loro.
Ma ora, secondo i destini sconosciuti della Provvidenza di Dio, il Signore lascia che il nostro modo di vivere cambi e ora dobbiamo essere in una terra straniera a morte. Vorrei chiederti: chi è veramente fedele a me adesso? L'attività attuale non è semplice e transitoria, supera la forza dell'uomo. Chi vuole essere un membro della mia parte e dividere successo a me guai? "Tutto e subito in una sola voce ha assicurato il re in pieno la loro dedizione e la volontà di condividere con lui tutti i disagi e la gioia, dimenticando gli interessi delle loro famiglie e tenute, come prova di ciò che essi sono tenuti a portare La Croce della vita e prima di lui ha fatto un giuramento al re nell'inviolabilità della sua parola.
Alcuni giorni dopo, il re chiamò il suo fedele servitore, il principe Kaykhosro Tsereteli, e gli aprì i suoi pensieri sull'imminente trasferimento a San Pietroburgo. Ha parlato del fatto che l'imperatore russo vuole averlo intorno a sé solo per essere elogiato per la sua gloria, forse non esplicitamente, ma mentalmente, che è il re dei re e il possessore dei regni. "Pensa a quale sarà la mia apparizione tra la collezione di principi nel palazzo? Mi lascerà un punto indelebile e umiliante, è meglio per me prendere in mano un amaro calice mortale, piuttosto che causare disonore per la mia sacra dinastia. Quindi, aprendo la mia anima davanti a te, pensaci e dammi il tuo consiglio amichevole ".
Il principe Kayhosro, dall'infanzia devoto al suo re con tutta la sua nobile anima, si affrettò a rispondere: "Re! Sai che sono pronto a dimostrare il mio amore per te, anima e cuore, ti chiedo di rivelarmi la tua intenzione. " Allora il re gli disse che era pronto a correre meglio in Turchia, oppure i voti, o tutti soffrono, come un estraneo, ma in ogni caso di non andare a San Pietroburgo, al fine di evitare la possibilità di l'imperatore a vantarsi che egli è il re dei re! Il principe Kayhosro promise di aiutare lo Zar in tutte le questioni, e quella stessa sera informò tutti i principi del seguito dei piani dello zar. Ancora una volta giurarono nella loro devozione.
Poi il principe chiamò uno dei nobili finemente locali e gli chiese: "Come fedele soggetto del suo Sovrano, allevato e beneficato con loro, fino a che punto ami il tuo re?" Lui rispose che il suo re egli è disposto a dimenticare l'amore dei genitori e la famiglia e per lo zar è pronto per tutte le privazioni. Poi il principe ha chiesto: "Se le circostanze si tenuti a morire per il suo sovrano, sia decapitazione con una spada o impiccato o razroblenie a parte, è andato a voi su questo" Lui, imbarazzato, ha risposto che no, che non sembra udoboispolnimym e chiese perdonalo come un uomo debole e debole.
Il principe ha ringraziato per la sua franchezza e gli ha assegnato denaro, vestiti e armi. Quando è stato poi presentato al re, ho ricevuto un mandato di andare a Kutaisi, per raccontare la regina di tutto nei dettagli e chiedere che lei andò subito al principe sovrano Guria, e da lì a Kobuleti Sangiaccato all'interno della Turchia, e non ci sarebbe in attesa che il re per poi vanno insieme a Costantinopoli.
Il giorno successivo, dopo il pranzo Kaikhosro of Kartli principe chiamò un giovane uomo, un signore, che fin dall'infanzia è stato portato nel palazzo e attese sul re, durante il pasto, dandogli vino e acqua, e gli chiese: "Tu, mio ​​fratello, essendo così vicini al re, costantemente con il suo patrocinio in che misura fedele al suo benefattore? ", ha detto che a causa del re è pronto a sacrificare tutto, anche la loro vita, e chiedendo a Dio di dimostrare questo caso, infatti. Il principe ha detto: "In questo caso, se si è disposti a sfruttare per liberare il loro re dalla schiavitù?"
Lui, colmo di sincero entusiasmo, rispose: "Grazie, Signore, che mi stai onorando di servire il re con il mio sangue". Poi il principe gli rivelò i piani del re e raccontò del suo piano: "La sera dopo scambierai vestiti con il re e ti stendi sul suo letto. E il re in questo momento, travestito da semplice servitore, insieme a tutti i principi, lascerà il palazzo, come in un bagno pubblico ". Il giovane promise con piacere di adempiere tutto questo e iniziò a prepararsi per la morte.
Quindi il principe Kayhosro suggerì che i principi giocassero davanti alle guardie, come se avessero litigato per il trasferimento in Russia, che eseguirono abilmente. Ci fu un rumore, urlando e litigando. Lo stesso Tormazov arrivò e tentò di persuadere i principi dispersi a calmarsi, ma invano. Quasi tutti hanno gridato che non volevano andare a San Pietroburgo. Poi il rumore uscì dal re Salomone e disse che se qualcuno non voleva andare con lui, allora poteva tornare a casa.
Quasi tutto il seguito, con l'eccezione dei sei principi, desiderava ritornare. La sera stessa i principi sellarono i loro cavalli e lasciarono Tiflis, fermandosi 7 chilometri fuori città, dove iniziarono a preparare provviste per il futuro. Il giorno seguente, alcuni di loro apparvero in città, facendo finta che stavano facendo gli acquisti necessari per la strada, segretamente dissero al principe Kayhosro che tutto era pronto per fuggire.
In serata, non appena il crepuscolo, il re ha cambiato con il suo fedele servitore di capi di abbigliamento e raccogliendo un vino di ceramica, è venuto a stare con lui tutte le suite, e un servo fedele chiuso la porta e andò a letto, il suo padrone. Il principe Kayhosro disse al capo della guardia di dovere che nessuno avrebbe disturbato il re finché non fossero tornati dal bagno.
Uscendo dal palazzo, si sono recati alla porta del bagno, e sono andati sulla strada di un unico pane mercantile - Imeretians di acquistare una pita caldo. Questo Imeretian, guardando da vicino lo Zar dissimulato, chiese loro: "Chi è questo nobile uomo? Non deve essere uno dei servi, anche se sembra nei suoi vestiti, ma dal viso si vede che questa è una persona nobile. " Qui il principe Simeone Tsereteli, Maestro del commerciante, con rabbia ha cominciato a rimproverarlo: "Da quanto tempo sei diventato un retore e senza alcuna discriminazione non intervenire nei loro affari? Per tale insolenza, ti venderò al principe Kiknadze! "Questo principe si distinse per il trattamento più crudele dei suoi servi. Spaventato da questa minaccia, il mercante, senza lasciare il negozio inosservato, fuggì. I principi presero delle calde lava e, dando loro da portare il re, proseguirono. Passando il bazar, si avvicinarono ai bagni e, rivolgendosi a un mercante di vino,
Passando tra i bagni e le file abbronzanti, hanno iniziato a salire verso le porte persiane nel quartiere di Seydabad. Lungo la strada incontrarono due armeni; uno di loro, guardando aumenti, ha richiamato l'attenzione del re, e si meravigliarono la sua bellezza, imponenza e la crescita in altezza, disse al suo compagno in georgiano: "Guardate quest'uomo, quanto è bello," Questo OMS-voce ha attirato l'attenzione di molti Armeni che stanno fianco a fianco.
Uno di loro ha detto: "Sembrano essere imereti", e l'altro ha aggiunto: "E questo bell'uomo deve essere il loro re". Queste parole stupirono così tanto il re Salomone che cadde improvvisamente e versò tutto il vino. Princes Kayhosrod e Simeon lo raccolsero in fretta e iniziarono a rimproverarlo: "Ascolta il tizio, hai fatto tante battute oggi più di una volta. Che tipo di parabola? Sei ubriaco o sei imbarazzato? Per tali battute ti insegneremo così tanto che ricorderai per molto tempo! "Queste parole condussero il re da un debole e la processione proseguì.
Già lasciando la città, il principe Kayhosrokh rimproverò il re per la sua timidezza e codardia. Il re era così debole dalle emozioni che non poteva andare oltre, fu raccolto e portato sulle sue spalle. Ma presto il Signore ha alleviato la sua sofferenza; nel modo in cui incontrarono il principe Baratoshvili, che stava viaggiando a Tiflis. Al principe fu chiesto di arrendersi al re del suo cavallo, raccontandogli tutte le disavventure che erano cadute nella sua sorte. Il nobile principe cedette immediatamente al cavallo e a tutti i suoi rifornimenti, che il suo servo stava portando su un altro cavallo e augurò loro un felice viaggio.
Presto raggiunsero il punto d'incontro concordato e, unendosi al resto del seguito, proseguirono la loro strada attraverso le Montagne di Trialet ad Akhaltsikhe. Il terzo giorno si avvicinarono alla città e mandarono un messaggero per informare il Pasha dell'approssimarsi dello Zar, e la sua intenzione di andare a Costantinopoli dal sultano Mahmud.

Nessun commento:

Posta un commento

Real Casa Bagrationi di Georgia in Italia...

Solo questi loghi rappresentano la vera TRADIZIONE GEORGIANA in Italia: Fondazione Tradizione Patria Identità, Associazione Cultural...