martedì 7 agosto 2018

I due Re Salomone di Imerezia e Georgia



Due Salomone
"Che tipo di Salomone è questo?"
- E cosa? A proposito di re.
"Ma c'erano due Salomone?" Ce n'era uno e visse tremila anni fa.
"No, sono altri Solomoni, e hanno vissuto duecentodue e cinquanta anni fa."
"E da dove venivano i re con questo nome?"
- In Georgia.
Parlando della Georgia alla fine del XVIII secolo, Kartli-Kakheti (il regno georgiano orientale) è sempre ricordato. Questo è abbastanza logico. Ad est è Tbilisi. Chi discuterà con la priorità della capitale? E il re Irakli II è anche un uomo famoso. Questo risulta essere il punto centrale del trattato di San Giorgio. Tutto sembra convincente. Si sono uniti a Tbilisi, il che significa che hanno annessa l'intero paese.
Probabilmente, sarebbe così, se dimenticassi che la Georgia non esisteva per la sua disgrazia. Come il tenente Lvov scrisse nel 1768: "Ci sono ancora più feste in Georgia che nei vecchi tempi; ci sono quasi tre nomi che sarebbero d'accordo: il motivo principale è che ci sono parecchi candidati per il trono georgiano che hanno più diritti di Irakli, e quindi la maggior parte dei nobili non lo tollerano ".
E come unire due monarchi? Per questo, bisogna riconoscere qualcuno come la cosa principale. Chi vuole abbassarsi in ufficio? È così che la Georgia è esistita per molti secoli sotto forma di due o anche tre regni (Kartli, Kakheti e Imereti). Oltre ai re, c'erano anche principi orgogliosi, i taverni, i quali, se lo volevano, potevano reclamare il trono o creare il proprio principato sovrano. E su tutti i sovrani georgiani interni, anche i più formidabili sovrani erano appesi sotto forma di Turchia, Persia e Russia. E molto spesso in intrighi interni, gli zar ei principi agivano non come monarchi indipendenti, ma come vassalli di certi vicini.
Durante il protratto Medioevo georgiano, la Georgia occidentale (Imereti) era principalmente nella zona di influenza turca. Tuttavia, il Sultano non si prese la mano per trasformare l'antico Colchis in pascik. Nel 1703, una tale campagna, ad esempio, fallì a causa di un ammutinamento dell'esercito turco. Di nuovo, i georgiani non hanno fretta di mettersi alla prova. A volte, tuttavia, doveva seguire insieme l'esercito turco contro i nemici del Sultano. Ma era quasi un male inevitabile. Dove il grande pericolo era rappresentato da contraddizioni interne. Proprio come tutta la Georgia è stata divisa in tre regni dal XV secolo, quindi il regno di Imereti è stato costantemente scosso da conflitti interni. Chi ha governato per quasi 30 anni di Zar Alessandro V (1704-1752) e poi ha perso il trono a causa di principi rivolte-tavad, alcuni dei quali sono diventati principi alti quasi indipendenti ( "Mtavari"). Ogni ritorno al trono costava al sovrano di Imereti la perdita di nuove parti del dominio reale. Alla fine del suo regno, il potere di Alexander V era diventato quasi effimero.
Tutta questa eredità inviolabile arrivò nel 1752 al figlio di Alessandro - Salomone I (1735-1784). Riuscì ad ottenere il trono solo al secondo tentativo, dal momento che i suoi zii, nonno e madre protestarono immediatamente contro di lui. Per il ritorno al potere di Salomone aveva bisogno di aiuto Akhaltsikhe Pasha (poi i turchi devono aver a lungo rimpianto la loro scelta). Il giovane sovrano iniziò cercando di riconciliarsi con i più grandi mtavaras Otia Dadiani e Mamia Gurieli. Ma il cardine del trono di Imereti divenne piccoli proprietari, che ora sono stati associati con i rapporti re non catena di vassalli (da Aznaur - a tavad da tavad - a Mtavari da Mtavari - al re), e deposizione diretta. Vicino ambiente Solomon ho reso le persone meno nobili (Lordkipanidze, Tsereteli, Tsulukidze Agiashvili).
Solomon sapeva che, fintanto che il paese deve affrontare le guarnigioni turche, affrontare tavad indisciplinati che non sarà facile, dal momento che i suoi avversari avevano sperato di sostenere gli ottomani. Inoltre, i turchi incoraggiarono fortemente la vendita di Imeretintsev alla schiavitù. Quindi, qualsiasi tentativo di unire Imereti ha influenzato gli interessi del Sultano.
Divieto re Imereti sulla vendita dei prigionieri ha provocato gravi irritazioni della nobiltà (anche tra i parenti stretti del re), e in Turchia. Seguì una protesta dell'Akhaltsikha Pasha, alla quale Salomone non reagì. Nel dicembre 1757 l'esercito turco, insieme alla taverna Levan Abashidze, si trasferì a Imereti. Re sostenuto Mtavari Dadiani e Gurieli (questi nomi famosi sono in realtà i titoli sono stati originariamente governanti di principati Odishi e Guria), ed erede al abkhaza tavad hutong Sharvashidze (Šervašidze).
Salomone attirò i turchi nel campo di Khresil, dove il 14 dicembre 1757, il nemico distrusse l'assalto amichevole. In battaglia, l'alleato principale dei turchi, Levan Abashidze (il nonno dello zar), il cui principato (satavado) passò allo zar dell'Imperiano, perì. Un altro avversario di Solomon I, l'eristav (voivod) Rostom si è affrettato al lato del vincitore. Nel 1758, una nuova campagna dei Turchi trasformò per loro due nuove sconfitte dall'esercito di Imereti.
La situazione del re è notevolmente migliorata. Ora non poteva solo dettare la sua volontà ai vassalli, ma anche scegliere gli alleati. Nel 1758, Salomone I concluse un'alleanza militare con Teimuraz II e Heraklia II. Questo è stato un passo serio verso la possibile unificazione della Georgia. Nel dicembre 1759 lo zar convocò una straordinaria cattedrale di gerarchi di chiese e nobili secolari, che garantirono il divieto di vendita di prigionieri nella Georgia occidentale, per i quali la pena di morte era ormai minacciata. Discutere con i decreti ecclesiastici fu difficile anche per Mtavar.
Turchi più volte cercato di sollevare contro Solomon I tavad indisciplinati e quando intrighi fallito, si è trasferito nel 1766 alla enorme esercito Imereti (fino a 100 mila persone - "da qualche parte del genere"). Prima dell'invasione di una tale scala Salomone non poté resistere e iniziò persino a pensare di fuggire in Russia. I turchi sequestrarono Kutaisi e eressero il primo cugino di Solomon Teymuraz sul trono di Imereti. Il protetto del Sultano risultò troppo dipendente dalle baionette o scimitarre turche per resistere al predecessore.
Non appena i turchi lasciarono Imereti, Solomon I senza molto sforzo buttò Teimuraz fuori dalla capitale. Per determinare chi è il capo, il sultano si affrettò a concludere nel 1767 con il re un accordo con cui il governatore Imereti è stato considerato solo come essere sotto il patrocinio del sultano, e non un vassallo. Riducendo la minaccia turca per un po ', Salomone mi affrettai ad affrontare lo sventurato sfidante. Nel 1768, nella battaglia di Tskhratskaro, il re di Imereto sconfisse Teimuraz e lo imprigionò. Insieme a lui è stato arrestato e Solomon Racha Rostom Eristavi severamente punito lui (non era sui difensori dei diritti umani), e Raczynski Eristavstvo abolito. Il re si assicurò anche lui e le possibili complicazioni dalla chiesa, avendo fatto suo fratello Joseph, il Catholicos della Georgia occidentale, che aveva prestato servizio in questo incarico dal 1767 al 1776.
Per quanto riguarda la forza del trattato con il Sultano, lo zar di Imeretian non ha sbagliato. Ma non c'era nulla da opporre alla nuova invasione su larga scala. E poi Salomone ho deciso di approfittare dell'aggravarsi delle relazioni tra Turchia e Russia. A Pietroburgo fu inviato con poteri speciali, Metropolitan Maxim Kutateli Kutaisi, che era quello di chiedere la protezione di Caterina II di Imereti in cambio per aver parlato contro la Turchia. Così, Salomone I era sotto l'egida di due monarchi, uno dei quali poteva essere rinunziato.
Per Caterina II, la proposta dello zar dell'Imperatore giunse in un momento opportuno. All'inizio della guerra russo-turca, le azioni contro i turchi in Transcaucasia riuscirono a distrarre il Sultano dal teatro principale delle operazioni militari in Moldova, Crimea e Balcani. Insieme alla Russia e Imereti Irakli II entrò in guerra. Un piccolo distaccamento sotto il comando del generale Gottlieb-Heinrich Totleben arrivò in aiuto degli zar georgiani dalla Russia.
La scelta di Totleben per l'azione in Georgia non ha avuto successo. In passato, si era distinto durante la guerra dei sette anni e comandava persino le truppe che occupavano Berlino. Ma dal 1763 cadde in disgrazia per cinque anni e anche dopo essere tornato al servizio era sospetto. Temendo una nuova cuccia zarista, Totleben cercato di trovare una scusa per uno qualsiasi dei suoi fallimenti, spostandoli a chiunque. La campagna senza successo di Akhaltsikhe ha accusato Irakli II, ed i fallimenti in Imereti - Solomon I. Naturalmente, sia il re georgiano, a loro volta, hanno espresso la loro insoddisfazione per il comandante del distaccamento russa. Caterina II per valutare rapidamente la situazione e Panin ha detto: "Ho corso solo lettere Totlebenovy dei quali lo ha visto Choglokov disobbedienza e menzogne ​​di questo collega sfrenato e irrazionale; inoltre, non elogio i sospetti inauditi dei Totlebenov. Penso,
Troppo sospettoso il generale è stato richiamato. Totleben sostituito nel 1770 Sukhotin cercato di sloggiare i turchi dai forti costiere, ma la maggior parte dei soldati nella campagna contro Poti malato con la febbre, e il suo partito si voltò. Non avendo raggiunto vittorie decisive, alcune truppe russe nel 1772 furono ritirate dalla Georgia. Allo stesso tempo, i rapporti tra Salomone I ed Eraclio II si complicarono, il che acconsentì a una tregua con i turchi. L'alleanza militare tra Kartli e Imereti fu ripresa nel 1773. Nel 1774, Irakli II aiutò Salomone a respingere la campagna dell'Akhaltsikha Pasha, che fu sconfitto dagli Imereti nella valle del fiume Cherimela. Le truppe turche, sconfitte dopo la sconfitta sul Danubio, non avevano la forza di affrontare il Transcaucaso.
La posizione di Imereti firmata nel 1774 dall'accordo Kyuchuk-Kainarji non fu cambiata. Il regno di Salomone I era ancora un protettorato turco. I diplomatici russi hanno ottenuto dal Sultano solo un rifiuto del tributo Imeretiano dovuto a lui. I turchi speravano ancora di ripristinare il loro potere sulla Georgia occidentale in pieno, ma non avevano più abbastanza forza per dettare la loro volontà a Salomone I.
Secondo una triste tradizione, nella famiglia di Imereti Bagrationi, il nemico più pericoloso dello zar erano i parenti. Nel 1778, suo figlio Alessandro (1760-1780) si ribellò contro Salomone. Per la soppressione generale esperto della rivolta non è stato difficile, ma alla fine il re di Imereti perso erede (Catholicos non ha permesso di seppellire Alessandro nel monastero di Gelati). Insieme a suo figlio e fortuna.
Nel 1780, quando tornò da una campagna di successo a Batumi, il re Salomone cadde in un'imboscata turca vicino a Nachishkrevi e sfuggì miracolosamente alla prigionia. Il costante bilanciamento sull'orlo della morte fece pensare al re di Imeret in anticipo sul suo successore. Nel 1783, Salomone I dichiarò al nipote David Archilovich l'erede al trono. Questa decisione potrebbe portare a conseguenze importanti per la Georgia, dal momento che l'erede era nipote di Irakli II. Un prerequisito dinastico è stato creato per l'unificazione del paese. Ma l'ulteriore corso degli eventi non ha permesso che questi piani si materializzassero. Nel 1784, Salomone I morì e fu sepolto nel monastero di Gelati.
La partenza di Salomone, soprannominato il Grande, sciolse le mani dei più piccoli richiedenti. Il trono di Imereti fu conquistato dal cugino di Salomone, David Georgievich. L'imminente faida tra i due eredi spaventò le Tavadas georgiane occidentali (in quel momento, Imereti fu lasciato dagli ultimi Catholicos della Georgia occidentale, Maxim II Abashidze). Alcuni di loro erano pronti ad offrire la corona di Imeretian ad un candidato più autorevole: il re Irakli II. Ma il sovrano di Kartli-Kakheti questo onore dovuto rinunciare, perché ogni tentativo di ferire gli interessi della Georgia occidentale del sultano turco, che è stato indicato come "patrono" Imereti.
Anche i turchi non hanno osato violare direttamente l'accordo Kyuchuk-Kainardzhy. Ma hanno operato con successo attraverso i governanti musulmani. Sotto l'influenza del pasha Akhaltsikhe smesso di pagare tributo al re governanti Irakli di Ganja e Yerevan. A Incidenti righello completamente indipendenti Omar Khan nel 1785 fatto una campagna devastante Kakheti e Kartli aree montane e Imereti. Entrambi i regni georgiani furono esauriti e la situazione nel Caucaso divenne solo più complicata. Nel 1787 ha iniziato la guerra russo-turca, i principali eventi che si sono verificati sul Danubio, dove sono stati trasferiti alcuni unità russe c Caucaso. È vero, le forze turche erano distratte dalla Transcaucasia.
Sfruttando l'indebolimento di qualche pressione turca, Irakli II è stato in grado nel 1789 per promuovere il trono Imereti suo nipote David Archilovich, che ha iniziato a governare sotto il nome di Salomone II (1773-1815). L'apparizione del protetto di Irakli a Kutaisi ha creato una reale opportunità per l'unificazione della Georgia. Il passo successivo è stato quello di creare un'unione di stato georgiano, che viene rilasciato sotto forma di un contratto tra Eraclio II, II di Salomone, Grigol Dadiani e Simon Gurieli. Il trattato, preparato da Salomone Lionidze, fu firmato a nome di "re e Mtavars d'Iveria".
Irakli II successo trasformato complicazioni completamente inaspettato quando nel 1793 negli affari caucasici intervenuto righello appena recuperato dai feudi della Persia Agha Mohammad Khan Qajar (Agha Muhammad Agha Mohammed). Prevedendo una possibile invasione persiana, il capo dell'unione dei re e principi georgiani Irakli dovette ancora una volta rivolgersi a Caterina II per chiedere aiuto. Questa volta, l'aiuto è arrivato tardi. La Russia fu distratta da importanti affari europei, come la spartizione della Polonia e l'imminente guerra con la Francia. E la vecchia imperatrice non ebbe il tempo di seguire la situazione sul confine estremo.
Escursione Agha Mohammad Khan nel settembre 1795, non solo ha distrutto Tbilisi, ma anche completamente minato la possibilità di unificazione della Georgia. II di Salomone, che è venuto in aiuto del nonno, con un piccolo esercito di Imereti, per salvare la situazione non è riuscita. Il distaccamento di Gudovich inviato da Caterina II arrivò in Georgia solo nel dicembre del 1795. Le truppe russe e georgiane si vendicarono di Agha-Mohammed Khan in pochi mesi. Sembrava che il Kartli-Kakheti ancora una volta ha ricevuto una garanzia di sicurezza ferma, ma la situazione nel Caucaso ha cambiato ogni sei mesi. Nel novembre 1796 è morto Caterina II, e il nuovo imperatore Paolo I ha ritirato l'esercito dal Caucaso Zubov. Nel giugno 1797 Aga-Mohammed Khan morì in Karabakh e una nuova campagna in Georgia si spezzò proprio all'inizio. Ma la morte ha continuato a modificare la storia georgiana. L'11 gennaio 1798, Irakli II morì. Con il re di Kartli-Kakheti l'ultima figura di autorità è stato perso, che sono stati considerati come sovrani di regni e principati georgiani. I successori di Salomone I ed Eraclio II erano troppo deboli. Tuttavia, anche i regni georgiani si indebolirono.
Solomon II non prende in considerazione l'esperienza di suo zio, e invece di cercare riavvicinamento con la semi-dipendente Mtavari coinvolto in una guerra di lunga durata con il righello di Samegrelo (Odishi) Grigol Dadiani. Mingrelian principe valutare più sobriamente la loro forza e ha cercato di contare sul sostegno di Alessandro I. Inviato ad Megrelia colonnello Mike ha raggiunto i possedimenti Dadian illegalmente attraverso Batumi e Poti, travestito da un turco. Avendo appreso della missione di Maikov, Solomon II nominò cinquemila tronconi per la sua "testa di cane". Il premio non doveva essere pagato. Mike ha raggiunto villaggio Dadichaly dove 4 dicembre 1803, il principe Dadian giurato imperatore russo in cambio di mantenere il titolo Mtavari e privilegi giudiziari, tranne il diritto alla pena di morte, perché la pena di morte è ufficialmente in non è stata applicata la Russia. Un deputato russo fu nominato a Megrelia.
Infatti, da quel momento i rappresentanti della Russia agirono già sul territorio di Imereti, poiché i principi di Dadian erano formalmente in dipendenza vassallo dal re di Imereti. Salomone II dovette fare i conti con la presenza di truppe russe nelle immediate vicinanze di Kutaisi.
Lo zar tentò di indebolire la posizione della Russia sostenendo il figlio di Irakli II-Yulon, ma questo supporto risultò essere segreto. Non osò apertamente opporsi ai nuovi proprietari della Georgia. Uno per uno, non solo i Mtavari, ma anche i più piccoli principi Tavady iniziarono a trasferirsi dalla parte della Russia.
Dietro a tutti questi negoziati dietro le quinte c'era il capo della Georgia, Pavel Dmitrievich Tsitsianov (Tsitsishvili). Moskvich di nascita e georgiani di origine, l'amministratore delegato fece effettivamente quello che Salomone I e Irakli II tentarono senza successo di unire la Georgia. L'unica differenza era che da ora in poi il destino del paese fu deciso non a Tbilisi, Telavi e Kutaisi, ma a San Pietroburgo. La reciproca diffidenza nei confronti del Tavad georgiano costrinse molti di loro a cercare un arbitro straniero. Per conquistare il regno di Imeret, Tsitsianov non aveva bisogno di migliaia di eserciti, come i turchi ai tempi di Salomone I. Solo pochi reggimenti hanno agito contro Salomone II. Ma il trono sotto il re di Imereti fu scosso più rapidamente delle truppe.
16 aprile 1804, Tsitsianov incontrò Salomone II nel villaggio di confine di Elaznauri. Il re Imereti inizialmente rifiutò di prestare un giuramento vassallo all'imperatore russo. Ma Tsitsianov era perfettamente consapevole del suo potere e, senza un'ombra di imbarazzo, minacciò lo zar che avrebbe risolto i problemi contestati con una spada in mano. Come una "spada" fu usata per trasferire ai confini del reggimento di granatieri di Imereti nel Caucaso.
E il 17 aprile la compagnia dei ranger del tenente colonnello Eristov organizzò il giuramento ad Alessandro I di un villaggio di Imereti. Nessuno dice che tipo di giuramento è stato e in quale lingua è stato pronunciato, ma il re di Imereto è stato spaventato da queste azioni. 25 aprile 1804 nello stesso villaggio è stato firmato tratto Elaznayursky. Sotto il trattato, Salomone II divenne il soggetto "eterno" dell'imperatore russo, con la conservazione del diritto di possesso ereditario del trono a Kutaisi. Ora lo zar doveva coordinare le sue decisioni e le sue sentenze con i rappresentanti e le leggi russe.
Come nel caso della Mingrelia, le truppe russe furono introdotte in Imereti, il cui contenuto fu assegnato allo zar di Imeretian. Solomon II contemporaneamente aiutato Sisianov a far parte di Gurian principato, che è stata dichiarata una parte del Imereti al grande dispiacere di Mtavari Mamiya Gurieli. Le truppe russe in Georgia occidentale sono stati rinforzati per mare pendevano Belevsky reggimento ha dimostrato di essere molto utile dopo la sua morte in ottobre 1804 del principe Grigorij Dadian, quando ha preso una seria dimostrazione dei militari, per liberare l'Abkhazia in essa contenuta erede principe Mingrelian - Levan Dadiani. La dipendenza di Megrelia dalla Russia è diventata più solida.
I successi relativamente insanguinati di Tsitsianov suscitarono presto serie opposizioni dalla Turchia e dalla Persia. Le azioni delle truppe russe nella Georgia occidentale, e in particolare il sequestro della fortezza turca di Anaklia da parte del generale Rykgoff, portarono ad un aggravamento delle relazioni russo-turche e ad una nuova guerra. Il 10mila esercito di Tsitsianov avrebbe dovuto resistere, anche se peggio degli eserciti addestrati, ma molto più numerosi dei due stati. Il comandante ha dovuto spostarsi costantemente da una parte all'altra della Transcaucasia, cercando sul posto di affrontare nuove complicazioni. L'8 febbraio 1806, sotto le mura di Baku, Tsitsianov fu ucciso (fu successivamente sepolto a Tbilisi). Il generale Gudovich, che prese il comando delle truppe russe in Transcaucasia, fu in grado di consolidare i successi diplomatici militari di Tsitsianov sconfiggendo l'esercito turco sul fiume Arpachay.
Le truppe russe in Imereti vecchia comandate dal maggiore generale Rykgof la cui supervisione di Solomon II era notoriamente inaffidabili che il re prese. Il sovrano di Imereti abbandonò sempre più spesso la capitale e andò in montagna, dove gradualmente preparò una rivolta.
Apparentemente, nella lotta per l'indipendenza, Imereti Salomone II ha contato sull'aiuto della Turchia che ha combattuto contro la Russia. Il discorso sembrava relativamente semplice, mentre alcuni reggimenti russi erano contrari alla linea delle fortezze turche costiere e il generale anziano era a capo delle truppe. Ma nel 1808 Rykgoff morì e l'energico generale di maggioranza Dmitrij Orbeliani fu nominato comandante delle truppe di Imereti, che cercò anzitutto di mettere fuori combattimento i turchi da Poti. Dopo diversi mesi di combattimenti, la fortezza fu presa il 15 novembre 1809 con l'aiuto delle milizie guriane. Solomon II fu tagliato fuori da possibili alleati. Da questo momento il destino del regno di Imereti fu risolto.
Per ordine di Tormasov nel 1809, le truppe russe sotto il comando del colonnello Simanovich occuparono Kutaisi. Salomone II si rifugiò con 4mila soldati nella fortezza di Vardtsikhe, ma non osò battere le truppe russe fuori dalla capitale. Non si fa menzione delle chiamate dello zar ai suoi sudditi. È comprensibile Era inutile rivolgersi ai Mtava, - non si consideravano parte di Imereti, e il principe Gurian Mamia Gurieli aveva persino beneficiato dell'indebolimento dello zar. I Tavadians, per la maggior parte, erano anche contenti della conservazione delle loro proprietà, anche sotto lo scettro dell'imperatore russo. La situazione del nobile aznaur cambiava a seconda della corte che rappresentavano. E l'opinione di altri soggetti non era da chiedere. Hanno dovuto giurare fedeltà al vincitore. 20 Febbraio 1810 per ordine del colonnello Simanovich in tutte le chiese di Kutaisi è stato letto un decreto dell'imperatore russo di privare Solomon II e dei suoi diritti prole al trono di Imereti. Anche nelle chiese parrocchiani giurarono all'unanimità Alexander I. Allo stesso modo, il giuramento è avvenuto in altre regioni Imereti. Durante la settimana, uno dei tre regni georgiani si è trasformato nella regione di Imereti.
Rimase solo la fortezza di Vardzikhe (Vartsikhe), nella quale Solomon II attendeva l'esito degli eventi. Con lo stesso successo, poteva aspettare a Kutaisi. Convinto che gli Imereti avevano tranquillamente trasferito il sistema statale, il colonnello Simanovich trasferì truppe a Vardtsikhe. E ancora l'ex re era confuso. Cercò di scappare ad Akhaltsikhe, ma sulla strada vicino alla fortezza di Sviri fu catturato dal distaccamento del colonnello Lisanevich e inviato a Tormasov. Già a Tbilisi, Salomon riuscì a fuggire nella notte tra il 10 e l'11 maggio. La fuga del re fu preparata in anticipo da qualcuno del suo entourage. Il furioso Alessandro I per primo accusato di complicità con il governatore militare Tifl Rosen, ma dopo un po 'di tempo la colpa fu trasferita al principe Baratov.
A giudicare da ulteriori eventi, i principi Abashidze avevano a che fare con la fuga di Salomone II. Tuttavia, l'insurrezione di Imereti fu decapitata fin dall'inizio. un'imboscata dei ribelli mal organizzato nei pressi del villaggio di Argustah ha portato al fatto che due società russe sotto il comando del capitano Titov fracassato fracassato squadra principe Koyhosro Abashidze, che è morto in combattimento. Per ordine di Tormasov, due battaglioni sotto il comando del principe Orbeliani furono inviati nella Georgia occidentale, ma furono fermati dai ribelli vicino a Surami.
L'ex re Salomone II ha seguito le azioni dei suoi sostenitori di Akhaltsikhe. Non ha il coraggio di guidare personalmente gli insorti. Aiuto dall'Akhaltsikhe pasha Solomon non ha ricevuto, perché in questo momento c'era un'aspra lotta tra i due candidati per questa posizione. In generale, i turchi persero sempre più l'interesse per il lontano teatro transcaucasico delle operazioni militari. Sultana era preoccupata per la situazione sul Danubio. Nel 1812 fu firmato il trattato di pace di Bucarest e la guerra russo-turca terminò.
La Turchia ha ufficialmente riconosciuto l'annessione della Georgia occidentale alla Russia (ad eccezione di Poti). Essendo stati senza supporto dall'esterno, i ribelli furono sconfitti con l'aiuto dei principi Mingreliano e Gurian. E nel 1811 un'epidemia di peste colpì la Georgia, da cui 32.750 persone morirono a Imereti. Poi c'è stata un'inondazione e una carestia. I disastri naturali hanno devastato la Georgia occidentale più della guerra. Semplicemente non c'era nessuno da ribellarsi.
Alessandro I cercò di persuadere Solomon II a tornare da Akhaltsikhe a Tbilisi, garantendo perdono e onori. Ma l'ex re non osò farlo né per paura della sua sicurezza né per la sua riluttanza a riconoscere i diritti dell'imperatore russo a Imereti. Solomon II morì a Trabzon nel 1815. Non è diventato un grande statista, come suo zio o nonno. Combatté coraggiosamente sotto le mura di Tbilisi, ma preferì Akhaltsikhe alle mura di Kutaisi. Nella gloria, ha perso molto per il suo pronipote - il poeta Tsereteli. Col tempo, per i discendenti, Solomon II divenne semplicemente l'ultimo zar georgiano, un simbolo dell'indipendenza del paese. Come tale simbolo, le sue ceneri furono trasportate dalla Turchia in Georgia nel 1990 e sepolte nel monastero di Gelati.

Nessun commento:

Posta un commento

Real Casa Bagrationi di Georgia in Italia...

Solo questi loghi rappresentano la vera TRADIZIONE GEORGIANA in Italia: Fondazione Tradizione Patria Identità, Associazione Cultural...