martedì 7 agosto 2018

I Re Bagrationi di Imerezia (Georgia, Armenia e Cilicia)


Bagrationi: i re di Imeretia

Bagrat VI (1466-1478). Quando nel 1465 Giorgio VIII perse la battaglia di Paravani e fu fatto prigioniero, questo fu sfruttato dal re Imereti Bagrat e prese Tbilisi. Dal 1466, Bagrat VI era considerato il re di Kartli - Imereti, ma per lo più era nella Georgia occidentale. Kartli era regnato da Costantino II. I rapporti pacifici tra i re si svilupparono presto in un aspro confronto. Nel 1478, Bagrat VI morì. Suo figlio Alessandro non poteva occupare il trono, come i principi georgiani occidentali si opposero a questo. Costantino II riconquistò la sua autorità nella Georgia occidentale. La moglie del re si chiamava Elena.
Alessandro I I (1483-1510). Il re di Imeretia, il figlio del re Bagrat VIZar Alessandro II diffusione potere di Guria, Mingrelia, Abkhazia e Svaneti. Quasi tutti Georgia occidentale subordinato al re, principi riconosciuto solo formalmente la sua autorità. Nel frattempo, Alessandro II stava cercando di rafforzare la propria posizione non solo in Georgia occidentale, ma anche in Kartli. Nel 1509 ha intrapreso una campagna in Kartli e occupò la città di Gori. Così, nelle sue mani è stata una parte del territorio di Kartli, ma di tenerlo per lungo tempo non è riuscito, come è stato costretto a tornare in Imereti a causa di un improvviso attacco degli Ottomani. Il re non li ha catturati, gli ottomani bruciato Kutaisi, Gelati e ha lasciato la Georgia. Questa fu la loro prima invasione di Imereti. La Turchia ottomana non era direttamente al confine con Imereti. Il loro condiviso Samtskhe-Saatabago, attraverso il quale samtshiyskie governanti, che pensano solo a loro salvezza, passò liberamente gli ottomani. Nel 1510 morì lo zar Imeretian Alessandro II e suo figlio Bagat III salì al trono. La moglie del re era Tamar.
Bagrat III (1510-1565). Re di Imeretia, figlio di Alessandro IBagrat III aiutò suo genero Luarsab I a regnare a Kartli e in cambio ricevette il Kartli occidentale (Ali, Surami, Ahaldab). Il regno di Imeret era in grande pericolo dalla Turchia, che a quel tempo aveva soggiogato la tribù Jiqi e divenne l'immediato vicino della Georgia nel nord-ovest. Bagrat III cercò di colpire i turchi da questo lato. Su sua iniziativa, i principi di Gurian e Megrelian Mamia Dadiani e Mamia Gurieli si sono opposti ai jj. Il primo incontro con loro finì con la vittoria dei georgiani, ma nella battaglia che ne seguì, sono stati sconfitti a causa di disaccordi che sorgono tra Dadiani ei suoi soldati, molti dei quali hanno lasciato il campo di battaglia. I restanti combattenti non hanno potuto resistere adeguatamente agli Ottomani. Di conseguenza, Mamia Dadiani fu uccisa e Gurieli fu fatto prigioniero. Nonostante la sconfitta, Bagrat non depose le braccia. Ora decise di opporsi a Samtskhe. Usando il supporto dei principi Gurian e Odish, nel 1535 Bagrat III invase Samtskhe. Nella battaglia di Murdzhaheti (nei pressi di Akhalkalaki) Bagrat vinto e catturato Kvarkvare Jakeli, attaccato al suo principato di Samtskhe-Saatabago. Nel 1543 il sultano turco mandò un esercito di 20.000 uomini ad Imereti, ma re Bagrat lo sconfisse con l'appoggio di Guriel. Il principe Odish Levan Dadiani, essendo offeso dal re, non prese parte alla battaglia. Nel 1545, il Sultano mandò di nuovo le truppe. Levan Dadiani ha nuovamente rifiutato di essere in grado di zar Imerziano. Per aiutare Bagrat venne il re Luarsab I. La battaglia ebbe luogo a Basiani, nel campo di Sohoist. La maggior parte dell'esercito georgiano morì nella battaglia e, nonostante la resistenza ostinata, la vittoria cadde sugli Ottomani. Dopo questo, Bagrat III cercò di sottomettere il principe ribelle Dadiani. Lo ha invitato a un incontro di Darbazi e lo ha arrestato. Il re invitò il principe Gurieli ad agire congiuntamente contro Odishi, ma Gurieli dubitò della sincerità dell'intenzione del re e non gli apparve. Levan Dadiani è riuscito a fuggire dalla prigionia. Levan cospirò con Gurieli e con il suo aiuto riacquistò il principato. Come Odishi, anche Guria si ritirò dalla sottomissione allo zar e la Georgia occidentale si divise in parti diverse. L'aggressione turca riprese con nuova forza dopo la pace amazzonica (1555), secondo la quale l'Iran riconobbe la Georgia occidentale sotto il dominio degli Ottomani. Bagrat III e Luarsab I hanno capito che se stati così grandi come la Turchia e l'Iran hanno negoziato e diviso la Georgia tra loro, sarebbe stato molto difficile combatterli con la Georgia. Pertanto, Bagrat III cercò di far deragliare il trattato di pace tra loro e avanzò un reclamo a Surami, che doveva diventare una mela di discordia tra Iran e Turchia. Gli ambasciatori hanno invitato Shah Sultan che i georgiani vogliono in questo modo per loro contrastare gli uni agli altri e quindi hanno bisogno di rapida conclusione dogovora.V 1565 Bagrat III morì. La moglie del re si chiamava Elena.
Giorgio II (1565-1585). Il re di Imeretia. Il figlio di Bagrat III . Ha combattuto l'arbitrarietà dei signori feudali Imereti. Nel 1578 sconfisse l'esercito di Tbilisi Lala Pasha dal monte Likh. Era sposato tre volte: il secondo matrimonio con Rusudan Shervashidze, il terzo matrimonio con la figlia di Shermazan Diasamidze Tamar.
Levan (1585-1590). Il re di Imeretia. Figlio di Giorgio II . Entrato nel trono per 12 anni. Ho combattuto contro mio zio Costantino per il potere in Imereti e l'ho vinto. Realizzato nel 1590 contro il più grande proprietario terriero Imereti Mamii Dadiani, fu sconfitto e imprigionato nella fortezza di Dadian Shheti, dove morì poco dopo. Era sposato con Mareh, figlia di Levan Dadiani.
Crescita (1590-1605). Il re di Imeretia. Figlio del principe Costantino, nipote di Bagrat III . Era un re nominale, tutto il potere era concentrato tra influenti signori feudali Imereti. Fu sposato due volte: a Tinatin, le figlie di Atabeg Manuchar II Djakeli e Nestan-Darejan.
Giorgio III (1605-1639). Il re di Imeretia. Il figlio del principe Costantino, nipote di Bagrat III , illegittimo. Tsarevich Konstantin è aggrappato alla sua cameriera. Ha difeso il suo potere nelle guerre con i signori feudali locali. La moglie del re era Tamar.
Alessandro III (1639-1660), il re di Imeretia. Il figlio di Giorgio III . Ho mandato un'ambasciata (Khosiah Japaridze) a Mosca allo Zar Alexis, ho chiesto aiuto. In risposta, lo zar Alessio inviò a Imereti Nikifor Pavlov e Alexei Ivanov un grande tesoro. Lo zar Alessandro, come i suoi predecessori, partecipò a una moltitudine di battaglie intestine. Si sposò due volte: a Tamar sua figlia Mamii II Gurieli e figlia Nestan-Darejan del re di Kakheti Teimuraz I di .
Bagrat IV Blind (1660-1661, 1663-1668, 1669-1678, 1679-1681). Il re di Imeretia. Figlio di Alessandro III . Il suo regno fu tragico. Dopo sei mesi di governo, fu detronizzato dalla sua matrigna, la regina Nestan-Darejan, e accecato. In futuro, i raggruppamenti feudali che rivaleggiarono con il governo lo resero poi al trono, poi di nuovo privato del potere. Si sposò tre volte: a Ketevan la nipote del re di Kakheti, Teimuraz I , a Titia, figlia di Costantino, sovrano di Muhrani, e a sua sorella Tamar.
Alessandro IV (1683-1690, 1691-1695). Il re di Imeretia. Figlio (illegittimo) di Bagrat IV . Fu elevato al trono di Imeretia dal pasha akhaltsikha con la benedizione del sultano turco. Negli anni 1690-91. perso il trono, occupato dal principe reale Archil, ma con il sostegno dei turchi ha riconquistato il suo regno. Cadde vittima di una cospirazione di nobili, organizzata da suo suocero. Alessandro fu catturato, consegnato al re cartaginese e strangolato a Ruisi. Quindi Archil tornò al trono di Imeretia, ma nel 1698 i turchi elevarono al trono il figlio di Alessandro, Svimon. Era sposato con la figlia di Tamar, George Abashidze.
C vimon (1698-1701), re dell'Imeretia. Il figlio (illegittimo) di Alessandro IV . Ucciso da persone sconosciute (sparate da una pistola). Si sposò due volte: la figlia di Anna George Abashidze e la sorella di Mamii III Gurieli.
Giorgio VI (1703-1711; 1712-1713; 1714-1716; 1719-1720). Il re di Imeretia. Son (illegittima) Alexander IV . È stato sposato tre volte: sulla figlia Genera Kartli re Giorgio XI , a sua sorella Tamar Racha Eristavi Shoshity III e figlia Tamar Mamii III Gurieli. Trono difesa contro numerosi avversari. Kartli è stato portato fino a corte. Egli occupò il trono con l'appoggio dei turchi. Ucciso durante la festa dei servi Simon Abashidze; si avvicinò al re era stato venduto come schiavo. Ventidue anni dopo, per cospirazione, la sua vedova regina Tamar fu decapitato figliastro re Alessandro V .
Alessandro V(1721-1752). Il re di Imeretia. Nel 1721 Alexander V. entrò nel trono di Imeret, Alexander fu cresciuto alla corte di Vakhtang VI e quindi godette della sua protezione. Nel 1723, i Turchi occuparono l'intera costa orientale del Mar Nero. Le guarnigioni turche erano di stanza a Batumi, Tsihisdziri, Anakopia, Chakvi, Poti, Bichvint e Sukhumi. Di conseguenza, la Georgia ha perso l'accesso al mare. Nell'interno della Georgia, gli Ottomani occuparono le fortezze di Kutaisi, Baghdad e Shorapan. La partenza di Vakhtang VI in Russia ha influito negativamente sulla situazione nella Georgia occidentale. Oltre ad aiutare Alessandro V e sostenerlo in ogni modo possibile, grazie alla sua alta autorità, riuscì a regolare le tensioni tra principi e re. Nel 1730 il sultano turco decise di intraprendere una campagna contro Djiketi e chiese al re di Venezia di prenderne parte. Il re fu costretto a essere d'accordo. Una volta nel 1735, Nadir Khan espulso gli ottomani dal Georgia orientale, ha chiesto la subordinazione di Alessandro V. King disobbedito Nadir Khan. Nel 1738 Alexander V inviò il suo ambasciatore Timothy Gabashvili in Russia per chiedere aiuto, ma fu rifiutato. Negli anni '40 del XVIII secolo, Alessandro V due volte ha perso il trono, ma ancora una volta riconquistare il potere di prezzo delle concessioni e regali ribelle tavad influente. Questa politica portò il fatto che la maggior parte delle terre reali e delle fortezze reali passarono nelle mani di Tawad. Nel 1752, Alessandro morì e il trono occupato da suo figlio Salomone I. Si sposò due volte: per Bezhanovne Mariam Dadiani e Tamara Levanovne Abashidze. Nel 1738 Alexander V inviò il suo ambasciatore Timothy Gabashvili in Russia per chiedere aiuto, ma fu rifiutato. Negli anni '40 del XVIII secolo, Alessandro V due volte ha perso il trono, ma ancora una volta riconquistare il potere di prezzo delle concessioni e regali ribelle tavad influente. Questa politica portò il fatto che la maggior parte delle terre reali e delle fortezze reali passarono nelle mani di Tawad. Nel 1752, Alessandro morì e il trono occupato da suo figlio Salomone I. Si sposò due volte: per Bezhanovne Mariam Dadiani e Tamara Levanovne Abashidze. Nel 1738 Alexander V inviò il suo ambasciatore Timothy Gabashvili in Russia per chiedere aiuto, ma fu rifiutato. Negli anni '40 del XVIII secolo, Alessandro V due volte ha perso il trono, ma ancora una volta riconquistare il potere di prezzo delle concessioni e regali ribelle tavad influente. Questa politica portò il fatto che la maggior parte delle terre reali e delle fortezze reali passarono nelle mani di Tawad. Nel 1752, Alessandro morì e il trono occupato da suo figlio Salomone I. Si sposò due volte: per Bezhanovne Mariam Dadiani e Tamara Levanovne Abashidze.
Giorgio VII (1741). Il re di Imeretia. Il figlio di Giorgio VI . Ambientato sul trono dai Turchi, ma non riuscì a mantenere il potere, fuggì da Odishi (Megrelia) a suo suocero. Era sposato con Mzehatun, la figlia di George Lipartiani.


Re Salomone I di Imereti

Salomone I
(1752-1784) - il re di Imereti. Nel 1757, il sultano effettua un grande esercito contro Solomon, la maggior parte dei quali si trova sul campo Hresilskom. Prima della battaglia, Solomon ha bloccato tutte le strade che portano da Poti, Guria e Akhaltsikhe ai turchi non poteva ottenere rinforzi. 14 dicembre 1757 i georgiani lanciato un'offensiva, e nonostante il fatto che il primo successo è stato dalla parte degli Ottomani, i georgiani, non risparmiando se stesso, ha combattuto con abnegazione per porre fine alla battaglia e ha vinto un brillante pobedu.V 1758 Kartli re Teimuraz II, re di Kakheti Eraclio II e il re Imeretiano Salomone I concluse un'alleanza di assistenza reciproca contro un nemico comune. Nel 1759, Solomon ha convocato una riunione di emergenza della chiesa, in cui si è deciso di introdurre la pena di morte per la partecipazione al "commercio di prigionieri." Nel 1766, un grande esercito di ottomani (secondo alcune fonti di 100 mila persone) invase Imereti. Hanno preso tutti Kvemo (Bassa) Imereti e mettere il re a Kutaisi cugino Solomon - Teimuraz Mamukovicha. Solomon chiese nuovamente aiuto per la Russia, ma questa volta il tentativo fu vano. Nonostante ciò, non appena gli Ottomani lasciarono il paese, Solomon riconquistò il suo trono. Teimuraz fuggì da Kutaisi. La lotta senza compromessi dei georgiani guidata da Solomon I costrinse la Turchia a iniziare i colloqui di pace. Secondo il trattato concluso nel 1767, la Turchia riconobbe Imereti non come un vassallo, ma sotto la sua protezione. Nel 1768 durante la battaglia di Solomon Tskhratskaro definitivamente sconfitto Teimuraz Mamukovicha e lui imprigionato in carcere. Nel 1768, Salomone mandò il suo ambasciatore Maxim Kutateli in Russia. L'arrivo dell'ambasciatore georgiano coincise con l'inizio della prossima guerra russo-turca. La Russia era interessata alle operazioni militari contro la Turchia nel Caucaso, quindi decise di inviare un piccolo distaccamento guidato dal generale Totleben in Georgia. Nell'autunno del 1769 Totleben era già a Imereti. Il distaccamento russo-georgiano prese la fortezza di Shorapan. A quel tempo, Solomon ricevette la notizia che gli Ottomani avevano invaso Imereti e andò a un incontro con il nemico. Totleben tornò a Kartli. Russo solo nella primavera del 1770 dopo che la battaglia di Aspindz tornò a Imereti. Totleben ha agito da solo, ignorando completamente Solomon. Presto Totleben fu sostituito da Sukhotin. Nonostante ripetuti avvertimenti a non iniziare le operazioni militari per la liberazione di Poti (a causa del terreno paludoso), Sukhotin lanciò comunque un'offensiva, di conseguenza, la maggior parte dei guerrieri si ammalò di febbre. Nel 1772 l'esercito russo lasciò la Georgia. Nel 1773, Solomon e Irakly rinnovarono l'accordo di mutua assistenza. Nel 1774 Akhaltsikha Pasha decise di opporsi a Imereti. Attirando gli ottomani nella gola del fiume Cheremyla, l'esercito Imereto li sconfisse. Secondo Kucuk-Kaynarca trattato nel 1774 tra la Russia e la Turchia, la Russia ha riconosciuto la sovranità della Turchia sul West Georgia a condizione che la Turchia rifiuta l'omaggio dal regno Imereti. Nel 1778, suo figlio Alessandro si ribellò contro Salomone. Il re soppresse l'insurrezione, ma il fatto fu un grande colpo per Salomone. Poco dopo questo evento, Alexander morì. Nel 1780, gli Ottomani invasero Odishi (Megrelia) dall'Abkhazia. Salomone assistette il principe mingreliano Dadiani e i georgiani sconfissero il nemico nella battaglia della fortezza Rukh. Successivamente, gli Ottomani iniziarono a minacciare l'attacco di Adjaro-Guria. Lo zar decise di rifiutare in direzione di Batumi-Kobuleti e iniziò segretamente a prepararsi per un'offensiva. Ma il nemico apprese del piano del re e l'effetto della sorpresa fallì. I georgiani ottennero comunque un certo successo. Occuparono la regione di Kobuleti e raggiunsero Batumi. Sulla via del ritorno, il re incontrò gli ottomani che si erano stabiliti nell'imboscata e solo il sacrificio di sé dei georgiani salvò il re dalla prigionia. Nel 1784, il re Salomone I morì. Fu sepolto a Gelati. Un anno prima della sua morte, Salomone I dichiarò suo nipote David Archilovich, nipote del re Eraclio, l'erede al trono (la madre di David era la figlia di Irakli). Alla morte di Salomone, David aveva 12 anni e crebbe con suo nonno. Ciò approfittò del cugino di Solomon, David Georgievich, e con l'appoggio di alcuni Tawaders Imeretici conquistò il trono reale di Imereti. Solomon si sposò tre volte: a Tinatin Shervashidze, a Mariam, alla figlia di Otii Dadiani ea Gulkan Tsulukidze.
David II (1784-1789). Il re di Imeretia. Il figlio di Giorgio VII . Era sposato con Anna Matveevna Orbeliani.

Re Salomone II di Imereti

Solomon 
II (1789-1810). Il re di Imeretia. Figlio del principe Archil, nipote di Alessandro V . Subito dopo l'abolizione della Russia da parte del regno Kartli-Kakhetian, Salomone IIfece appello all'imperatore russo Alexander con la richiesta di prendere Imeretia come protettorato russo. 25 aprile 1804 fu firmato l'accordo corrispondente. Ben presto, però, il re Salomone sentì il desiderio del governo russo per affrontare Imereti così come con il Kartli-Kakheti. I tentativi per via diplomatica per persuadere Pietroburgo rispettare i termini del contratto nel 1804 è venuto a portare nulla. Il desiderio di Salomone di preservare l'indipendenza del regno e i suoi contatti con i turchi accelerò l'epilogo. Un distaccamento russo dalle mille forze si unì a Kutaisi. Il re fuggì le aspre montagne dell'Alto Imereti, ha chiesto che il ritiro russo delle truppe, entrò in contatto con i suoi poteri ostili (anche con Napoleone). Poi acconsentì a venire ai negoziati, fu insidiato catturato e portato a Tbilisi. Era destinato a inviare lo zar a San Pietroburgo,

Nessun commento:

Posta un commento

Real Casa Bagrationi di Georgia in Italia...

Solo questi loghi rappresentano la vera TRADIZIONE GEORGIANA in Italia: Fondazione Tradizione Patria Identità, Associazione Cultural...