martedì 7 agosto 2018

Il potere della preghiera


Il fiume multi-fiume della storia della Georgia, che conta diversi millenni, scorre dalla Mesopotamia; il suo inizio si riferisce ai tempi di Nimvrod, il fondatore di Babilonia, la prima capitale del mondo.
Uno degli abitanti di Babilonia notevoli Targamos non volevano diventare schiavo di Nimrod e la sua pazza impresa - di costruire una torre al di sopra "del nord della montagna" e salire al trono al cielo. Targamos con la sua famiglia e per la casa, segretamente lasciato Babilonia e andarono dalla Mesopotamia a nord, come Abramo, che in obbedienza alla voce di Dio, ha lasciato la città di Ur, con i suoi idoli, ed entrò nella terra sconosciuta, che il Signore gli ha promesso. Targamos si accampavano nel luogo in cui Asia ed Europa, di fronte a vicenda, come due enormi banchi di ghiaccio, salì i bordi per formare il Caucaso cresta - il bordo in pietra tra Oriente e Occidente. Targamos divenne l'antenato dei popoli caucasici e tribù, e suo figlio Kartlosi ha gettato le basi della Georgia come stato. La Georgia nella sua lingua madre è chiamata Sakartvelo (la terra di Kartlos), e il suo nome russa contemporanea "Georgia" - da Gurjistan significato nella lingua turca "campo militare", ma letteralmente "costringe il campo". In molte lingue, la Georgia è chiamata George - un paese di agricoltori, in contrasto con le tribù nomadi circostanti. In seguito, questo nome acquisì un altro significato: "il paese di San Giorgio", particolarmente venerato in Georgia.
L'antica capitale della Georgia era la città di Mtskheta, situata alla confluenza di due fiumi Mtkvari (Kura) e Aragvi. Fu fondato dal figlio maggiore di Kartlos, Mtskhetos (tradotto "unto con olio"). Il paese era governato dal Mtskheta Mamasakhlisi (nella traduzione "padre della casa", analogo del Granduca). Nei tempi di Alessandro Magno e dei suoi epigoni, la Georgia cade sotto il dominio dei greci. Per rovesciare il giogo degli stranieri, era necessario avere un governo centralizzato che riunisse insieme le regioni della Georgia e radunasse la sua gente, mentre le dita sull'elsa della spada venivano compresse. All'inizio del III secolo. prima di R.X. il potere dei Mamasaslis è abolito e il primo re della Georgia è Parnaoz, un discendente del re persiano Dario, ucciso da Alessandro Magno e sua moglie, un georgiano. Parnaoz liberò il paese dai conquistatori, mentre espellevano dal giardino il cinghiale e fondarono una dinastia di parnaosidi, che regnò fino alla fine del III secolo. di R.X. L'ultima principessa di questo glorioso genere di Abeshur, secondo il consiglio dei principi, era sposata con il principe persiano Mirian (in traduzione "solare").
Da questo matrimonio inizia in Georgia una nuova dinastia di Khosraids (Sasanidi), della durata di 5 secoli. Sotto lo zar Mirian, la Georgia adottò il cristianesimo (318-337). Se il re Parnaoz ha rovesciato il potere degli invasori e giogo di rame schiacciato, che si trova sul collo del popolo, allora il re Mirian liberato Georgia dal servizio dei demoni, idoli infranti come soldati nemici, e cresciuto come una fortezza spirituale delle prime chiese cristiane. Con lui, la Chiesa georgiana fu fondata con l'arcivescovo in carica. Sotto lo zar Mirian e i suoi successori, iniziò l'illuminazione spirituale del popolo georgiano e delle tribù montane.
La storia della Georgia è la storia di guerrieri ininterrotti. Sembra che i fogli di pergamena cronaca georgiana inchiostro scritto da ceneri da incendi, diluito con lacrime e il cinabro dal sangue raccolti sul campo di battaglia.
Il primo che dichiarò guerra ai figli di Targamos fu Nimvrod. Ha dato due giuramenti: costruire una torre, la cui cima potrebbero riguardare i cieli, e di conquistare il Caucaso, dove, come una fortezza inespugnabile, scomparso otto fratelli - figli Targamos. Ma la torre rimase incompiuta, e il Caucaso - non conquistato. Il tiranno babilonese voleva stare con un piede su Ararat e l'altro su Elbrus; intendeva portare a Babilonia i figli di Targamos, legati in catene, ma il suo cadavere sanguinante fu riportato indietro. La Torre di Babele cadde sotto il suo stesso peso e Nimvod morì con una freccia che perforò l'armatura di rame sul suo petto.
Un altro vincitore - Cyrus ha rotto il Babylon cancelli, ha voluto fare qualcosa che non poteva Nimrod: ha seguito le sue orme a nord, di gettare una rete di cattura nelle montagne del Caucaso, come la tigre accattivante, e ridurre la scritta rocce per la sua vittoria, ma è stato ucciso in un labirinto di gole e montagne. testa mozzata del secondo conquistatore del mondo ha tenuto su per i capelli come un trofeo, la regina delle tribù del Caucaso prima del suo esercito.
Mentre i discendenti di Targamos erano uno, il Caucaso rimase invincibile. Se uno dei tanti fili di seta intreccia una corda, allora, non importa quanto sia forte il guerriero, non può romperlo con le sue stesse mani.
Ma il tempo è venuto quando è crollato l'unità - strappato la corda che collega i popoli del Caucaso, e il vincitore potrebbe strappare i fili uno ad uno.
I Babilonesi furono sostituiti dagli Assiri. La tradizione parla delle campagne di Semiramis al Caucaso. I nomi dei nuovi conquistatori compaiono sulle pagine delle cronache della Georgia: Sciti, Medi, Greci. Attraversano la scena della storia per dare un posto agli altri; Dopo un'onda, rotolando via dalla riva, un'altra onda scorre dentro. Con ogni secolo le prove che il paese ha subito sono sempre più difficili.
Nel VII secolo, difficoltà improvvisa venuto dall'Oriente, come un tornado dal deserto: forze arabe, rompendo la resistenza di Bisanzio e della Persia, hanno invaso la Georgia, che è stato lasciato faccia da sola a faccia con un enorme califfato, che era superiore nei suoi più grandi tempi dell'Impero Romano felice Augusto, ei suoi generali con le loro campagne eclissarono la gloria del vittorioso Traiano.
Non c'era nessun posto in cui aspettare aiuto. Bisanzio, perdendo le sue province, sembrava una quercia, divisa da un fulmine, con una corona bruciata e rami spezzati. La Persia giaceva ai piedi del vincitore, come un gladiatore ucciso nell'arena del Colosseo. L'Armenia dai colpi del Califfato si spezzò in pezzi, come una ciotola che cadde su una pietra. L'Albania caucasica, che ha perso lingua e scrittura, sembrava prigioniera, intorpidita dal dolore. I cristiani di Albania lasciarono le pianure verso le montagne, poiché nell'antichità i cristiani romani si nascondevano nelle catacombe. Nelle zone montuose i templi erano ancora in piedi e venivano eseguiti i servizi di culto, ma le bandiere verdi dell'Islam stavano già svolazzando nelle pianure e invece di suonare le campane i muezzin gridavano perché i musulmani pregassero. Khazaria subì la sconfitta dopo la sconfitta. Il suo kagan si precipitò come un lupo dal confine al confine - dal Volga al Mar Nero - raccogliendo resti di truppe.
Particolarmente devastante per la Georgia fu l'invasione del Califfo Murvan - Crewe, soprannominato Sordo, perché non ascoltò le richieste dei vinti per la misericordia, né il consiglio dei suoi generali. A quel tempo, la popolazione della Georgia ha cercato di rifugiarsi nelle regioni montuose, come in una fortezza miracolosa. Gli abitanti delle Highlands, secondo la legge dell'ospitalità, assistevano i compagni di tribù, davano loro rifugio nelle loro capanne, condividevano con loro scarsi rifornimenti di provviste e spesso l'ultimo pezzo di pane. Ma la Georgia era come una lama d'acciaio che si piegava, non si spezzava, e poi si raddrizzava.
Khalif Murvan, inseguendo il re armeno Sumbat, invase Imeretia, ma qui incontrò la tenace resistenza dei principi argaviani David e Costantino, che sconfissero le unità avanzate del Califfo e li mollarono. In preda alla rabbia, distrusse la capitale di Imereti Kutaisi e tradì le torture e la morte di David e Costantino, che rifiutarono di accettare l'Islam, e poi con un enorme esercito giunsero sulla costa del Mar Nero. L'esercito di Murvan consisteva non solo di arabi; in esso c'erano distaccamenti di Persiani, Siriani, Negri provenienti dall'Etiopia e dal Sudan, e altri popoli convertiti all'Islam. Assediò la fortezza Colchide di Anakopia, dove si nascondevano i re georgiani Mirr e Archil. La guarnigione era composta da soli 3.000 soldati; per ogni difensore di Anakopia, diverse dozzine indurite in combattimenti cavalieri e arcieri. Sembrava che la morte fosse inevitabile, e la fortezza stessa divenne una trappola per gli assediati. La costa e le montagne circostanti erano coperte da tende di maomettani, come se una foresta improvvisamente cresciuta durante la notte ad Anakopia. La fortezza sembrava un nido di piccioni in cima a un tronco di cipresso contorto attorno a un enorme serpente e, guizzante, si insinua verso l'alto sibilando e fischiando per divorare pulcini indifesi. Nella fortezza c'era un'altra fortezza spirituale: la tomba dell'apostolo Simon Kananit, l'educatore della Colchide.
Molte centinaia di anni fa la città di Samaria era circondata da truppe assire. L'aiuto non è venuto Il re israeliano voleva già aprire le porte della città e arrendersi alla misericordia del vincitore. Ma accanto al re c'era il profeta Eliseo, che pregava per la liberazione di Samaria. Disse al re che avrebbe visto un miracolo, e nella notte gli assiri abbandonarono il loro campo, lasciarono la preda e fuggirono, sospinti da una paura inspiegabile.
Gli arabi portarono gli strumenti murari ad Anakopia; ognuno di loro era una torre di legno. Alcuni erano di dimensioni tali che parti di una pistola erano guidate da 40 cammelli. L'ariete del montone come un fulmine echeggiò nelle montagne, e le loro punte d'acciaio, come i denti di un drago, rosicchiavano le pietre delle pareti.
Duemila anni fa, prima del Murwan-Kru, il faraone egiziano perseguitò Mosè, che guidò gli israeliti attraverso il deserto. E, all'improvviso, i fuggiaschi vedevano con orrore il Mar Rosso di fronte a loro, che bloccava la loro strada, come un abisso che si apriva sotto i loro piedi. Non c'era nulla da nascondere: davanti alle onde del mare, dietro - le truppe del faraone.
L'Anakopia era circondata da tutti i lati: a est della montagna, a ovest il mare, intorno - le truppe degli arabi si preparavano all'assalto, simili alle ondate.
Il Signore disse a Mosè: "Perché mi piangi?". La bocca di Mosè era silenziosa, ma il suo cuore attutito verso Dio, come se stesse strappando il suo cuore come vestiti in un momento di dolore. È accaduto un miracolo: il mare si è separato, lasciando il posto a Mosè, obbedendo alla preghiera del profeta.
Le forze dei difensori di Anakopia si sciolsero. Re Mirr, il fratello maggiore di Archil, sanguinava dalle ferite ricevute in battaglia. L'ultima arma, ma la più potente, era la preghiera. Il re Archil, pripav alla tomba dell'apostolo Simone, pregava, come se il suo cuore non trasudasse parole, ma sangue, simile a quello che trasudava dalle ferite di suo fratello.
Il Signore ascoltò la preghiera del re, come aveva udito una volta il profeta Mosè. Il cielo era coperto di nuvole di piombo, come prima del diluvio, come se il mare fosse risalito verso l'alto e come la coppa si fosse rovesciata al suolo. Una pioggia, come una cascata, ha colpito il campo arabo con un muro impenetrabile. Sulle piste pendevano ruscelli, come se fosse stato scoperto un abisso d'acqua nascosto tra le montagne. Il mare, emergente dalla costa, faceva audacemente parte del campo e delle armi stenobitnye, situate al largo della costa: come onde lambivano la riva con un'enorme lingua ruvida.
Quando Mosè e il popolo marciarono lungo il fondo del Mar Rosso, chiuse la bocca sull'esercito del faraone, poiché una fossa comune era ricoperta di terra.
Murvana Crewe con i resti del suo esercito dopo la strage, si ritirò nell'entroterra Samegrelo. Correva come se inseguito dai nemici la furia degli elementi, ma qui ha una nuova sconfitta: i due fiumi, che si trovano tra il campo degli arabi, dalla doccia traboccato - come se un branco di leoni si precipitò fuori dal folto della foresta e si precipitò alla produzione. Il rombo del tuono, il suono della pioggia e il ruggito di un torrente, che guadagnava un enorme alberi sradicati, e rotolò pietre, grida soffocate e le grida della gente. Sembrava che i fiumi venissero in aiuto del mare, come le sue sorelle più giovani. Sulle paludi paludose della Colchide, il sovrano dell'Asia si ritirò a sud. Invece del bottino lasciato sulla strada, i guerrieri Murvan riportarono solo la sporcizia che aderiva ai loro vestiti.
Il nemico se n'è andato: la bestia ha ferito la bestia nella tana, l'incendio della foresta è sparito. Ma il paese era rovinato; lei giaceva in rovina e cenere. Pellegrino, che ha visitato il villaggio di rado potrebbe vedere la camera di fumo sopra il tetto della casa, salendo come una vite, e di notte - luce, scintillante come una stella nella finestra. quartiere della città riempito l'ululato degli sciacalli e le grida dei corvi che cercano cadaveri insepolti.
Il re Archil era il padre del suo popolo tormentato. È come un samaritano della parabola del Vangelo, ha guarito le sue ferite sanguinanti; sembrava che avesse portato il paese torturato sulle sue spalle. Come se la primavera fosse arrivata in Georgia. Le persone che si nascondono nelle montagne tornano alle loro dimore, come uccelli dopo un inverno nevoso, volano indietro e cercano i loro nidi abbandonati. La terra, ricoperta di erba, era ricoperta di broccato di grano dorato; la città e il villaggio annunciarono il suono delle campane silenziose, i campi e le valli - canti di contadini. Rocche e castelli si ergevano dalle rovine, come soldati dopo il sonno, di nuovo per proteggere la Georgia con il loro scrigno di pietra.
Durante il regno di Archil ebbe luogo un evento che in seguito acquisì grande importanza per la storia del paese. Un principe del clan Pankratiya venne in Georgia da Bisanzio (Bagrat); per suo conto, il cognome Bagrationi. Erano discesi dal salmista Davide, ed erano discendenti di Cleofa, fratello di Giuseppe Promessi Sposi. Nell'imperatore bizantino Giustiniano il Grande (VI secolo), la loro famiglia battezzò. Entrarono al servizio dell'imperatore e divennero famosi per il valore e le imprese militari. Archil re diede loro terra nel Tao-Klarjeti, e poi un'altra parte in Kakheti - le uniche zone non devastato dagli arabi. Successivamente furono divisi in tre rami: Bagrationi georgiano, Bagratuni armeno e Bagratidi osseti. Su stemma di famiglia Bagrationi raffigurato Heaton Signore (MTSKHETA memorizzato), arpa e la fionda di Davide, che il giovane salmista ha colpito nell'unico combattimento di Golia. Dopo la morte del re Archil e il suo successore, Giovanni, l'ultimo della dinastia chosroid, regnava una nuova dinastia di Bagrationi in Georgia, che è agli occhi del popolo era una catena spirituale che collega la Georgia con i palestinesi, ei re georgiani - il sacro nativo di re Davide, in cui il Signore è stato lieto di venire a la terra.
Per i re della dinastia Bagrationi appartengono ai santi della Chiesa georgiana, come diamanti nella sua corona: David il Costruttore, Tamara Magno, Dimitri Samopozhertvovatel Ketevan regina di Kakheti e Kartli Luarsab re. I loro nomi sono diventati un faro di ortodossia, le loro azioni - un esempio per le generazioni future, e il loro amore per il popolo e prendersi cura del paese - un testamento ai governanti i quali la storia potere consegnato. La Georgia divenne inseparabile dai loro nomi.
Verso la fine della vita di re Archil di nuovo nuvole nere, come le ali di un drago, pendevano dalla Georgia.
Dopo la guerra civile nel Califfato Amir Asim, che ha preso il potere, ha deciso di vendicarsi del re Archil perché ha rifiutato di interferire nella lotta dinastica, dove il figlio di prendere il potere, la soffocarono il padre madre avvelenato e il fratello affonda un coltello nella schiena di suo fratello. Con le orde di arabi, l'emiro invase la Georgia, minacciando di esporla a nuove devastazioni. L'invasione è stata inaspettata. Archil pagava gli arabi ogni anno per applicare, imposto ai cristiani, che veniva chiamato "riscatto per la vita".
Il re non ha avuto il tempo di radunare un esercito, e non potrebbe resistere al potente califfato, così ha deciso di venire a l'emiro, per evitare spargimenti di sangue. Ha preso lo zar con onore, è uscito per incontrarlo e ha promesso di non rovinare la Georgia. Ma i nemici Archila è stato detto l'emiro che conosceva il luogo in cui il tesoro dell'imperatore bizantino Eraclio memorizzato, esportato dalla Persia, ma nasconde dagli arabi. Asim ordinò di essere incatenato nella catena del re georgiano e portato in tribunale.
Archil rispose l'emiro che aveva sentito come un bambino da suo nonno che i Bizantini sequestrato il tesoro al Scià di Persia Khosroev e portato a casa, e una parte della sinistra a Kutaisi, ma poi, temendo gli arabi, ha inviato l'oro rimanente a Costantinopoli. L'emiro sapeva già che questa accusa era falsa: non era nell'abitudine greca seppellire il suo grano nei solchi del campo di qualcun altro. Ma decise di non lasciare vivere il prigioniero. Re Archil amava la gente e rispettato predecessori Asim, ma agli occhi del l'usurpatore è il più grande crimine, per il quale non c'è pietà e misericordia. Il destino del re fu risolto. L'Emiro chiese ad Archil di accettare l'Islam, minacciando con torture e morte. Il re rispose che per lui la morte è una rinuncia alla fede, e il martirio per Cristo è la vita eterna. L'emiro sapeva che la tortura non avrebbe spezzato lo zar, e avrebbe solo mostrato la sua impotenza, quindi, evocando il boia,
Il boia, obbedendo all'ordine, non ha nemmeno portato il prigioniero dal campo, ma gli ha tagliato la testa vicino alla tenda dell'emiro. Il corpo del re fu gettato per essere mangiato dalle bestie, ma i predatori, come se si inchinassero davanti alla prodezza del re, non lo toccarono, e rimase sul campo senza tracce di decadenza. I residenti del villaggio di Tba presero segretamente il corpo di un martire e lo seppellirono nelle montagne, nel villaggio di Nadokra, nella chiesa costruita dallo stesso Archil, come se il re avesse preparato una tomba per sé durante la sua vita. Questo tempio sorge sul dolce pendio della montagna, coperto da una fitta foresta. C'è sempre un silenzio profondo, come un uccello solitario che canta e gli alberi frusciano con le foglie, timorosi di rompere il sogno eterno del re. Qui l'aria è rinfrescata, con una purezza speciale, come se fosse santificata dal respiro della bocca del re. Questa montagna sembra un trono, da cui il re Archil esamina i suoi possedimenti.
Sembra che nella luce fioca del tempio brilli una luce invisibile, e sulla tomba del re si scrivano le parole: "Ecco il posto che ho amato; ecco il mio riposo per sempre. "
Archimandrita Raffaello Karelin

Nessun commento:

Posta un commento

Real Casa Bagrationi di Georgia in Italia...

Solo questi loghi rappresentano la vera TRADIZIONE GEORGIANA in Italia: Fondazione Tradizione Patria Identità, Associazione Cultural...