martedì 7 agosto 2018

Le origini storiche e mitiche dei Bagrationi



La famiglia Bagration proveniva dalla storica provincia di Speri (Ispir in Turchia moderna). I membri di questo genere nei primi secoli della nostra era sono venuti alla scena della storia del Caucaso (Armenia e la Georgia), che ha portato alla nascita di varie leggende sulla loro origine.Armeno storico Sebeos armeno Bagratuni detto discendenti eponimi di armeni Haik, Movses Khorenatsi - la progenie di un nobile Ebreo, affascinato Re Tigran il Grande. Nella letteratura scientifica sull'argomento ha espresso ipotesi circa i loro legami con nativo Farnavazianov del re georgiano, nativo Orontidov antica del re armeno.
Nell'era cristiana, le leggende sull'origine divina delle famiglie reali erano particolarmente comuni. Nel periodo di elevazione speciale dei Bagrationi, apparentemente sotto Ashot I, sorse una leggenda sulla loro origine divina.
"Il sovrano, il figlio di Davide, il profeta e signori promessi sposi unto di Cristo, Dio ti dà per ereditare il regno del suo" - si rivolge Grigol Hantsteli a Ashot Curopalates, sottolineando che egli ritiene Ashot Bagrationi attraverso il re, il profeta David, la discendenza divina. Lo ha stabilito nella realtà leggenda georgiano ha trovato diffusione tra vicini - armeni, bizantini, come testimoniano le opere di Hovhannes Draskhanakerttsi e Costantino Porfirorodnogo chiamando Ashot ed i suoi discendenti ed eredi di Dio. La successiva ascesa della famiglia Bagrationi fu seguita dalla corrispondente revisione di questa leggenda. Nel secolo XI. creato uno speciale saggio storico Sumbat Davitisdze piena genealogia leggendaria del Bagrationi, un vasto giustificazione ideologica per la loro origine divina, dominazione politica e di classe.
La leggenda dell'origine divina della famiglia Bagrationi ha acquisito i diritti civili sotto il governo di uno dei suoi rappresentanti più forti - Ashote I Bagrationi.
XI secolo nella storia della Georgia è un tempo ricco di eventi molto importanti. Alla fine della X - l'inizio dell'XI secolo. Ha completato un lungo processo storico di unificazione delle terre georgiane e la creazione dello Stato della Georgia, "Sakartvelo" (Georgia).
Negli anni '80 del secolo X fusi in un unico due più grandi unità di stato georgiano politici - il regno Egrisi-Aphazeti e Kartli erismtavarstvo (tutti di Georgia occidentale e la parte centrale della Georgia, dal fiume Aragvi prima della gola di Borjomi.) E la maggior parte del regno Kartvelian (sud- Georgia occidentale). All'inizio del secolo XI, fu raggiunto dal resto del regno Kartvelian (senza la parte meridionale del Tao) e Kakheti e Hereti.
L'associazione creata tra la fine del X e l'inizio dell'XI secolo rappresenta una nuova tappa nella storia dello stato feudale georgiano. Questa associazione ha portato alla eliminazione della indipendenza politica di un certo numero di regni e principati feudali, e significato approvazione del nuovo (unificato) sistema politico su tutto il territorio della Georgia. Significava la creazione di uno stato feudale come una monarchia medievale centralizzata. Il processo di liquidazione definitiva l'indipendenza dei regni e principati separati, e cambiare la gestione avvengono politica dispositivo già nel quadro del nuovo stato.
L'ulteriore sviluppo dello stato unitario procedette lungo la linea della centralizzazione del controllo sia in ambito civile che militare.L'unificazione, naturalmente, non poteva portare alla completa eliminazione delle contraddizioni interne, ma se unità politiche indipendenti si opponevano l'un l'altra prima dell'unificazione, ora ci sono contraddizioni tra singoli gruppi politici e partiti all'interno di un singolo stato.
Con la formazione di un'unica monarchia feudale, si creano condizioni favorevoli per un'ulteriore espansione socio-economica e culturale.
Raggiunge un grande successo nella storiografia georgiano XI secolo. Nel XI secolo per creare una "Storia dei re Leonti Mroveli," Storia Vakhtang Gorgasali 'Juansher' Matiane Kartlisa '(' Cronaca di Kartli ') da parte di un autore anonimo, biografie dei fondatori del monastero georgiano sul Monte Athos,' Storia e la narrazione del Bagrationi "Sumbat Davitisdze e altri.
In queste opere storiche, insieme con le biografie dei re, e una descrizione della loro attività pubblica mette in evidenza la vita sociale e culturale del paese. Gli storici rispondono alle questioni vitali; nelle loro opere visualizzata interclassista e la lotta di classe. Essi rappresentano gli interessi di alcuni gruppi politici.
Nella vita politica dell'undicesimo secolo, i compiti principali erano la liberazione del paese dagli invasori stranieri e la neutralizzazione del potere statale. L'attenzione principale degli storici è stata rivolta a questi problemi, il che spiega perché hanno elogiato quegli statisti che hanno guidato la lotta contro i nemici esterni e hanno cercato di centralizzare l'amministrazione statale. Gli storici non nascondono il loro odio per i nemici esterni, così come quei signori feudali che hanno combattuto contro la monarchia centrale. Le loro opere sono intrise di una profonda sensazione patriottica.
Gli storici georgiani dell'undicesimo secolo erano pensatori largamente istruiti, le loro opere venivano svolte ad un alto livello ideologico.Cercarono di comprendere gli eventi dal punto di vista della loro causalità e consistenza, cercarono di comprovare certi fenomeni, per dimostrare l'affidabilità degli eventi descritti. Durante la compilazione dei lavori, hanno utilizzato sia gli scritti dei loro predecessori, sia i dati documentali, le informazioni di autori stranieri, i monumenti di cultura materiale, in alcuni casi hanno anche eseguito critiche esterne alle fonti.
Sumbat Davitisdze e il suo lavoro storico
L'opera storica dell'autore georgiano del Sumbat dell'XI secolo, sulla famiglia reale di Bagrationi, non ci è pervenuta sotto forma di opera indipendente. È incluso negli annali di Kartlis Tskhovreba (Storia della Georgia), che copre la storia della Georgia dall'antichità al XVIII secolo.
Dal momento che "Kartlis Tskhovreba" è, in generale, con l'approvazione del potere dello stato centrale, da includere in essa selezionato quelle opere storiche che sono ideologicamente sostenuto e giustificato le politiche e le azioni dei re georgiani. Questo spiega il fatto che "Kartlis Tskhovreba" sostiene in generale l'idea dell'unità dello stato georgiano, l'idea della lotta contro gli invasori stranieri, porta alla ribalta quei statisti che hanno combattuto per il rafforzamento dello stato georgiano, con la centralizzazione del potere. Questo spiega sia il pronunciato carattere patriottico che l'apparente orientamento feudale del "Kartlis tskhovreba".
Il primo ciclo "Kartlis tskhovreba" (il cosiddetto "Ancient Kartlis tskhovreba") fu portato nel XIV secolo. Dopo il XIV secolo, a causa della difficile situazione generale creata in Georgia, l'arco non fu rifornito. Solo all'inizio del XVIII secolo, il re Vakhtang VI (1703-1724) ha attirato su di essa la dovuta attenzione e ha fatto una commissione speciale "esperti" (guidato dallo storico Bury Egnatashvili), che è a carico colmare questa lacuna. La commissione compilò la storia della Georgia nei secoli XIV-XVII, che entrò nel ciclo di "New Kartlis Tskhovreba".
Ma il lavoro su "Kartlis tskhovreba" non è finito qui. La Commissione sotto la guida di Vakhtang VI ha curato l'intera collezione. Il lavoro editoriale si è manifestato sia nell'introduzione di una serie di emendamenti, sia in alcune aggiunte e modifiche. In particolare, sono state apportate modifiche molto significative dalla commissione nella composizione di Sumbat (su questo di seguito).
Fino ad oggi, la scienza a disposizione, ci sono diversi manoscritti edizione dovahtangovskoy (lista della regina Anna (XV sec.), Una lista della regina Mariam (XVII sec.), La lista del 1967 lista Machabeli il 1736 e altri.) E diversi manoscritti poslevahtangovskogo periodo. Nella parte antica di "Kartlis tskhovreba" ci sono 10 opere storiche:
1. "Storia dei re" (dall'antichità al V secolo) Leonti Mroveli.
2. "Storia di Vakhtang Gorgasal" (V-VIII cc.) Juanshera.
3. "Martirio Archil" (VIII secolo.) Leonti Mroveli.
4. "Matiane Kartlis" (autore dell'VIII-XI secolo).
5. "La storia del re dei re David" autore anonimo.
6. "Storia e racconto della Bagrazione" (dall'antichità all'XI secolo) Sumbata Davitisdze.
7. "Cronaca dei tempi di Lasha Giorgi" (seconda metà del 12 ° secolo - inizio XIII secolo) di un autore anonimo.
8. "Storia e lode degli incoronati" (il cosiddetto primo storico della regina Tamar).
9. "Storia della regina Tamar" Basili Ezosmodzgvari (il cosiddetto secondo storico della regina Tamar).
10. "Cronaca" dell'epoca della dominazione mongola di uno storico anonimo.
Ma non tutte queste opere sono incluse in tutte le liste di cassa di "Kartlis tskhovreba". Ad esempio: "Storia e narrativa di Bagration" Sumbat è nella lista di Mariam, in una copia della lista "Mtskheta" (1697) e nella lista di Machabeli. La composizione è inclusa nel "Kartlis tskhovreba" seguendo la storia del re David IV il costruttore. "La storia del re dei re di Davide" termina con la morte di Davide IV nel 1125. L'elenco di Anna dovrebbe essere la cosiddetta "Cronaca volte Lasha Giorgi," la storia di re Davide, il lavoro, che inizia durante il regno di Demetre I (1125-1156), figlio di Davide IV il Costruttore. La storia della famiglia Bagrationi è inclusa nella lista di Mariam dopo la storia di David the Builder. Questa è la prima volta in cui la sequenza cronologica viene interrotta nell'arco "Kartlis Tskhovreba". Forse, per correggere questa discrepanza, quando si modifica "Kartlis Tskhovreba" dalla commissione Vakhtang, La composizione di Sumbat non è stata inclusa come un lavoro separato e indipendente, e le informazioni dalla sua "Storia" sono state selettivamente, in accordo con la sequenza cronologica, inclusa nei luoghi appropriati "Ancient Kartlis Tskhovreba". Questo spiega il fatto che nelle liste dei "Kartlis Tskhovreba" periodo poslevahtangovskogo, "Storia" Sumbat in un unico pezzo lì, è quasi completamente sezionato e le parti collocato in luoghi diversi.
opera storica "La storia e la narrativa di Bagratonianah, re della nostra georgiano, da dove sono venuti in questo paese, e ogni volta possedere il regno della Georgia", come evidente dal titolo, si propone di scoprire l'origine e la genealogia della Bagrationi, determinare il tempo e le condizioni del loro potere in Kartli ed esponi la storia del loro regno.
Nella parte introduttiva della "Storia" si afferma che l'autore è Sumbat Davitis-dze. Né il lavoro di Sumbat né altre fonti storiche contengono informazioni sull'autore stesso. Si ritiene che appartenesse al clan Bagrationi e morì nei primi anni '30 dell'XI secolo.
Come già detto, non ci dovrebbe essere alcun dubbio del fatto che l'insieme di "Kartlis Tskhovreba" è espressione dell'ideologia della storiografia ufficiale e nella preparazione di una serie di opere selezionate con una tendenza pronunciata a sostenere la politica del potere dello stato centrale. Abilitazione Sumbat lavora in "Kartlis Tskhovreba" del tutto giustificato, ma si può presumere che questo lavoro è stato scritto su iniziativa del governo.
All'inizio del secolo XI, quando i rappresentanti del genere Bagrationi divennero re del regno georgiano unito e in realtà delineare le prospettive di riunificazione di tutte le terre georgiane, per sostenere la famiglia reale e la giustificazione delle loro aspirazioni era necessaria base e ideologica. E 'in questa base ideologica e la giustificazione per l'elevazione della Bagrationi sopra altra stirpe reale georgiana, hanno una rivendicazione di priorità, è un saggio Sumbat.
Il lavoro inizia con la presentazione della genealogia della Bagration, che collega l'origine della famiglia a Cleopa, il fratello di Giuseppe, il padre di Gesù Cristo. Come sappiamo, con la formazione della società di classe in molti paesi, ci sono state leggende sull'origine "sovrumana", "divina" delle persone che stanno alla testa dello stato. A un certo stadio di sviluppo, la "teoria" sull'origine divina della famiglia Bagrationi viene creata in Georgia. Bagrationi insorse presto nell'arena politica della Transcaucasia e diverse leggende furono create attorno al clan nell'ambiente georgiano-armeno.
La tradizione storica armena eleva il ramo armeno del clan Bagratuni dal primo secolo. AC. e.
Una delle più antiche leggende superstiti dell'esaltazione di questo tipo fu conservata dallo storico del settimo secolo. Secondo Sebeos, i Bagratuni sono i discendenti del poema epico degli armeni di Hayk. La storiografia armena riferiva l'origine del clan Bagratuni con l'etnos ebraico. Così Movses Khorenatsi dichiara i discendenti dei Bagratidi del nobile prigioniero ebreo Shambat. La storiografia georgiana considera la teoria dell'origine della famiglia Bagrationi da David the Prophet come una tradizione georgiana locale. Antica fissaggio questa tradizione è "La vita di Grigol Khandzteli" Giorgi Merchule e l'opera di Costantino Porfirorodnogo «De administrando imperio». La fonte di Konstantin Porfirogenny è considerata una fonte scritta georgiana sconosciuta o una tradizione orale.
Si può presumere che la storiografia armena avesse familiarità con la leggenda dell'origine di Bagration del profeta David. La più antica fissazione letteraria di questa leggenda nella letteratura armena dovrebbe essere preservata nell'opera dello storico armeno dell'inizio del decimo secolo, John Draskanakertzi.
L'alfabeto primo messaggio georgiano dell'origine divina di Bagration registrato a metà del X secolo in "La vita di Grigol Khandzteli" Giorgi Merchule. Grigol Khandzteli, riferendosi ad Ashot I Kurapalat, lo chiama "il sovrano, chiamato figlio di David, il profeta e unto del Signore".Così si trasforma Grigol Khandzteli per Ashot I Bagrationi nei 20-zioni del IX secolo, ma fissare questo avviene a metà del X secolo (opera di Giorgi Merchule scritto in 950).
Per quanto riguarda la datazione del momento dell'emergere della teoria dell'origine divina della famiglia Bagrationi, ci sono varie ipotesi.
Secondo Marquart, la teoria dell'origine divina di Bagration fu creata tra la fine del IX e l'inizio del X secolo. Secondo il parere di K. Kekelidze e P. Ingorokva, - all'inizio del IX secolo, durante il regno di Ashot I Bagrationi. Con il IX secolo, la creazione di questa leggenda e di S. Janashia si connette. E. Takaishvili ritiene che la creazione della leggenda sia la seconda metà dell'VIII secolo. Secondo E. Takaishvili, la leggenda ha subito un cambiamento graduale, è stata rivista e dall'11 ° secolo ha preso la forma in cui è rappresentata nel lavoro storico di Sumbat.
Nella seconda metà del secolo VIII, la Georgia orientale era sotto il giogo del dominio arabo e il popolo georgiano combatté contro i conquistatori. Alla testa di questa lotta c'erano gli erotismo dei Kartli, per i quali furono sottoposti a repressione dal potere del Califfo. Dalla fine dell'VIII e l'inizio del IX secolo, è iniziata la graduale espulsione dei conquistatori dalla Georgia. Sull'orlo dei secoli VIII-IX, il processo di creazione di nuovi regni e principati inizia in Georgia, e una lotta è in corso per unire il paese. A questo punto la creazione di Kartvelian, o Tao-Klardjitsky, principato, guidato dal clan Bagrationi, appartiene.
Il grande potere raggiunge il principato durante il regno del fondatore della dinastia. Ashot ho riunito sotto la sua autorità gran parte della storica Georgia sudoccidentale, combattendo attivamente contro gli arabi, combattendo con successo per la parte centrale della Georgia - Shida Kartli. Dall'impero Ashot I Bagrationi ricevette il titolo di "kurapalata" e rivendicò persino il titolo di "re".
A quel tempo il principato kartveliano era la più forte unità politica in Georgia e svolgeva un ruolo di primo piano nella lotta per la sua unificazione. Apparentemente, in questo momento e questa leggenda è stata creata.
Dopo la morte di Ashot I, vengono create condizioni politiche interne ed esterne sfavorevoli per il principato. Nella seconda metà del IX e nella prima metà del 10 ° secolo l'egemonia nella lotta per l'unificazione della Georgia fu conquistata dal regno di Egris-Apkhazeti. Quindi, la fine del IX - l'inizio del X secolo. non è il momento giusto per creare leggende che glorificano il clan di Bagrationi.
Come già notato, dall'inizio del IX secolo, la Georgia ha faticato a unire il paese. Diverse grandi unità politiche competono tra loro. I clan principeschi che guidano questa lotta ricorrono a varie manovre politiche e diplomatiche. La Casa di Bagrationi, insieme all'esaltazione politica, cerca di giustificare i suoi diritti legittimi e teoricamente. Ashot Bagrationi ha dovuto combattere, come con altre unità politiche georgiane, e con i suoi avversari interni.
Come risultato del conflitto con gli arabi, Ashot I Bagrationi stabilì a sud-ovest della Georgia, anche se Shavsheti-Klarjeti stato storicamente il dominio del Bagrationi, ma in questa situazione, Ashot girato tutto la stessa persona che veniva da fuori. Contro di lui, gli arabi stanno combattendo; non c'è un solido sostegno all'interno del paese, ma da forze esterne è sostenuto da Bisanzio. In tali condizioni, è chiaro che Ashot I deve superare forti ostacoli all'istituzione e al consolidamento del suo potere.
Ashot dovevo creare un grande feudo per se stesso, e lui lo crea. Parte del terreno Ashot I Bagrationi compra, in parte cattura, si appropria di terre instabili, terre desolate, acquisisce contadini. Tutto questo - la creazione di beni, l'acquisto e la presentazione di seduta sulla terra dei contadini, - è dovuta alla popolazione locale, che provoca un aumento di proteste sociali, affilatura della lotta all'interno della società.
Così, mentre Ashot I Bagrationi è in competizione con altri re e principi georgiani per la supremazia nella lotta per l'unificazione della Georgia, deve superare grandi ostacoli anche all'interno del paese per rafforzare la sua posizione. In questa difficile situazione, Ashot I Bagrationi ha dovuto dimostrare i suoi vantaggi rispetto agli altri sovrani georgiani, così come il suo diritto di dominare la popolazione locale. Raggiunge tutto questo principalmente con la forza, ma allo stesso tempo la giustificazione ideologica dei diritti del clan Bagrationi al potere supremo era di grande importanza.
Per determinare il tempo della creazione della leggenda sull'origine del Bagrationi notevole importanza è il fatto che lo storico armeno di antenato VII secolo Sebeos Bagratuni chiamato haiku. A quel tempo, i Bagratuni armeni avevano già ricevuto un motivo per collegare le loro origini all'eponimo degli armeni. Agli inizi del X secolo John Bagratuni Draskhanakerttsi circa antenati ha scritto: "Si dice che egli era un discendente di Davide". Apparentemente, Draskhanakertzi aveva una base scritta o orale per questa affermazione. Il messaggio di Draskhanakertzi che i Bagratuni erano "creatori di ghirlande" è confermato da più antiche informazioni armene.
Come già notato, Bagrationi arrivò presto nell'arena politica della Transcaucasia. Nella storiografia georgiana, c'è un'ipotesi sull'origine di Bagrationi dall'antica famiglia reale georgiana Parnavazid.
La tradizione storica georgiana, in particolare Sumbat, elevazione del genere nell'arena politica della Georgia risale al VI secolo.
Così, l'ascesa politica dei Bagrationi causò la creazione di leggende attorno alle loro origini. L'antica tradizione storica armena dichiara loro discendenti dei Haikidi, l'antico georgiano - i Parnavasidi. La stessa tradizione armena li considera i discendenti del nobile ebreo incarcerato Shambat, e in seguito le tradizioni storiche armene e georgiane la cui origine è associata al re-profeta David. Draskhanakertzi è un collegamento che collega due tradizioni sull'origine di Shambat e David.
Così, nella realtà georgiana e armena, c'erano diverse versioni sull'origine della famiglia Bagrationi. La più pretenziosa delle versioni esistenti collega l'origine del genere con l'inizio divino. Il momento giusto per creare questa versione, apparentemente, era "il periodo del regno di Ashot I della kurapalata. Se prendiamo in considerazione il messaggio di Draskhanakerttsi, possiamo supporre che questa versione della leggenda sia stata elaborata in un ambiente georgiano-armeno comune.
Alla fine del VIII -. L'inizio del IX secolo, in una lotta tesa con gli arabi sono amplificati e salire come il georgiano Bagrationi e armeno Bagratuni. In questo periodo, entrambe le branche perseguono un obiettivo comune: l'espulsione degli arabi. In queste condizioni, ha origine il principato Kartvelian (Tao-Klardjie) del Bagrationi georgiano e il principato Shirak dei Bagratuni armeni. Si inizia una nuova tappa nella storia del genere e una nuova versione della leggenda della sua origine, la versione che giustifica meglio il diritto alla superiorità del suo genere nel Caucaso meridionale. Come già notato, la traccia del link che collega la vecchia e la nuova versione della leggenda è stata conservata da Draskhanakertzi. Se la leggenda dell'origine divina del genere sarebbe stato creato solo nell'ambiente georgiana e la proprietà del ramo georgiano, non è certo per Draskhanakerttsi spostato al armena Bagratuni. Alla fine del IX - inizio del X secolo. gli interessi della Bagration georgiana e dei Bagratuni armeni erano in netta contraddizione. Lo storico del clan Bagratuni, che in quel momento ha creato la sua opera, ha elogiato le attività di Bagratuni allo scopo di glorificarli, cita la leggenda della loro origine da David. Difficilmente si sarebbe rivolto a questa leggenda se questa versione non si fosse diffusa nell'ambiente armeno. Pertanto, questa considerazione di Draskhanakertzi dovrebbe anche avere una base nella tradizione armena.
Ulteriore elaborazione della leggenda si verifica sul terreno georgiano attuale. La situazione creata in Armenia nel periodo successivo non ha dato motivo di ulteriore idealizzazione di Bagratuni. Questa leggenda diventa particolarmente importante dopo che Bagrationi divenne il re dello stato georgiano unito. È in connessione con ciò che viene creato uno speciale lavoro storico di Sumbat, in cui viene presentata la storia del genere e viene data la sua genealogia.
Per comporre la sua opera storica, Sumbat utilizza varie fonti storiche.
La fonte per la parte introduttiva della "Storia" di Sumbat è la traduzione georgiana della Bibbia. Genealogia Bagration da Adamo al re Davide Sumbat risultato per "vangelo" Luca (3.32 - 38) e dal re Davide a Maria Vergine marito - San Matteo (1,1-16), con la sola differenza che, al contrario dal "Vangelo" introduce nella narrazione il fratello di suo marito Maria Cleopas. La fonte ha anche relativamente Cleofa, fratello di Giuseppe, per Sumbat è la "Storia Ecclesiastica" di Eusebio di Cesarea. Allora la stirpe dei discendenti di Cleopa sta già andando. Uno dei discendenti di Cleopa, Salomone, ebbe sette figli. I sette figli di Solomon è andato dalla Palestina e sono arrivati ​​in Armenia nel Akilisenu situato nelle sorgenti del fiume Eufrate, allo sconosciuto nella storia della regina Rakael che attraversano. Tre dei fratelli rimasero in Armenia.Uno di questi fratelli era Bagrat, ed era l'antenato dei Bagratidi armeni. Quattro sono arrivati ​​a Kartli, uno di loro è stato eletto dall'Eristav Kartli e i suoi discendenti sono Bagrationi Kartli.
Una delle principali fonti della "Storia" di Sumbat è la cronaca dell '"Appello di Kartli". Come osserva E. Takaishvili, questa cronaca è apprezzata da Sumbat a partire da Guaram (VI secolo) della kurapalata ad Ashot I del kurapalat. Si presume che una delle fonti della "Storia" di Sumbat possa essere "Matiane Kartlis", uno storico anonimo dell'XI secolo. Ma pensiamo che l'ipotesi più ragionevole sia che non è la "Matiane Kartlis" che è la fonte della "Storia" di Sumbat, ma, al contrario, l'autore di "Matiane Kartlis" ha usato il lavoro di Sumbat.
A disposizione di Sumbat Davitisdze, a quanto pare, era la cronaca familiare della famiglia Bagrationi, che era solito comporre per quella parte del suo lavoro, in cui veniva trasferita la storia dei proprietari del Tao-Klarjeti. Come l'autore dell'opera anonima "Matiane Kartlis", anche Sumbat ha dovuto usare le informazioni di Kedrin-Skilitsa.
Sumbat prodotto di un brevissimo lavoro storico, in cui, in fondo, sono dettagli di natura biografica dei rappresentanti della Bagrationi (nascita, morte, l'adozione di titolo o la posizione, prole). La prima volta il principio di questo breve racconto è rotto quando si tratta di fondatore del Ducato di Ashot Ashot I. Dopo ho detto che l'autore di un relativamente grande lunghezza già circa i primi re di unita la Georgia (Bagrat III, che Giorgio I e Bagrat IV). Sumbat riporta anche informazioni sul progetto di costruzione del genere (ad esempio, la costruzione della Chiesa Jvari eristavis Kartli, costruzione Ashot I) e gli altri soggetti (come ad esempio la costruzione di Sion a Tbilisi, monastero Tbetskoy). Particolare attenzione è rivolta alla lotta dell'autore tra i rappresentanti del genere e la relazione con Bisanzio.
Un enorme vantaggio della "Storia" di Sumbat è l'abbondanza di dati cronologici. Nelle fonti storiche georgiane medievali c'è poca indicazione delle date degli eventi descritti, ma il nostro autore in questo senso è un'eccezione degna di nota.
È vero, nella prima parte della storia di Sumbat non ci sono dati cronologici diretti. La prima data è data in relazione alla morte di Ashot I kurapalata, quindi le informazioni sui figli di Ashot sono date, ma dal momento che il nipote di Ashot I, Ashot II (skonch. In 867), quasi tutti i suoi successori sono le indicazioni cronologiche di base. A quanto pare, la cronaca di famiglia, che ha goduto Sumbat ed è pieno di dati storici sulla vita del genere, ha iniziato con il fondatore del Ducato di Ashot I.
La prima data (la data della morte di Ashot I) dato su due sistemi cronologici - dalla creazione del mondo e koronikonu georgiano, quindi, senza eccezione, tutte le date dato sulla koronikonu georgiano, che si basa sul periodo 5604-anno-lunga della creazione del mondo e il ciclo di 532 anni. Gli eventi datati dall'autore si svolgono nel ciclo XIII, cioè a partire dall'anno 780.
Come già notato, lo stile della presentazione di Sumbat è molto conciso. Ha brevemente (diverse glorie racconta la vita, il lavoro e la morte dei rappresentanti della casa sovrana indica solo alcune importanti, a suo avviso, i fatti lo scopo principale dell'autore -. Per dare un completo, la genealogia continua Bagration, funzionato in modo impeccabile governare Inizio Bagration in Kartli. detto Sumbatov (metà del VI secolo), è confermato da un certo numero di altri storici. studio fonte "Storia" Sumbat e confronto dei dati con i dati provenienti da altri storici georgiani Sumbat con i dati epigrafici sono riassunti iyami armena, araba, bizantina e da altre fonti storiche, dà ragione di credere il prodotto Sumbat molto prezioso lavoro storico e indica l'accuratezza dei messaggi chiave dello storico.
Sumbat, come già accennato, con molta parsimonia e conciso delinea le vicende storiche, ma in combinazione con il finalismo generale egli seleziona con molta attenzione i fatti per farli nella sua "Storia". Secondo il concetto di Sumbat, la vita in Shavsheti e Klarjeti riprende con la giustificazione di Ashot Bagrationi. Lo storico Le parole seguenti descrive la situazione nella regione poco prima dell'arrivo di Ashot Bagrationi "Heavy Shavsheti, fatta eccezione per alcuni paesi, quindi non è stato abitato fin svuotato durante il regno dei Persiani, quando sordi da Baghdad verso il basso tutte le loro forze ed ha continuato Shavsheti e attraverso Gadon. E dopo questo povalny diarrea distrutto (popolazione) Shavsheti, Klarjeti e pochi residenti rimasti in alcuni luoghi. Non è necessario dubitare della situazione molto difficile di questa parte della Georgia a seguito dell'invasione di arabi e di epidemie. Circa la stessa immagine e disegna un'altra fonte - "La vita di Grigol Khandzteli" Giorgi Merchule, indicando la piccola popolazione e la devastazione della regione. Ma se Merchule restaurazione della vita in questa regione considera principalmente il merito Grigol Khandzteli e la colonizzazione monastica, il Sumbat ribalta presenta meriti Ashot I Bagrationi. Si deve presumere che nella descrizione dello stato del bordo di entrambi gli autori esagerare un po ', e il recupero è andato a seguito delle attività di Ashot kurapalata, ed a causa della colonizzazione monastica e l'attività di Grigol Khandzteli. poi Sumbat in prima linea espone i meriti di Ashot I Bagrationi. Si deve presumere che nella descrizione dello stato del bordo di entrambi gli autori esagerare un po ', e il recupero è andato a seguito delle attività di Ashot kurapalata, ed a causa della colonizzazione monastica e l'attività di Grigol Khandzteli. poi Sumbat in prima linea espone i meriti di Ashot I Bagrationi. Si deve presumere che nella descrizione dello stato del bordo di entrambi gli autori esagerare un po ', e il recupero è andato a seguito delle attività di Ashot kurapalata, ed a causa della colonizzazione monastica e l'attività di Grigol Khandzteli.
Nella "storia" Sumbat quasi nessun proposizioni teoriche generalizzando, ma nella selezione dei fatti e poche frasi concise chiaramente sentito il suo punto di vista. Egli non nasconde il suo atteggiamento negativo ai signori feudali, le cui attività sono dirette contro la politica di centralizzazione e il rafforzamento dello Stato. Nel descrivere il regno di Kartli aznauris Sumbat egli scrive: "Ma quando il regno Gorgasal discendenti perso, dal momento prima di loro, dominato aznauris Kartli, e la fine del governo aznauris Kartli è venuto a causa delle loro cattive azioni." L'atteggiamento di Sumbat nei confronti della nobiltà nobiliare è chiaramente sentito in altri casi.
Come tutti gli storici medievali georgiani, Sumbat è nel potere del provvidenziale. Parlando gli eventi associati con il ritorno del principe Bagrat (Bagrat IV del futuro, il re georgiano) e le intenzioni dell'imperatore Costantino VIII, Sumbat scrive: "O grande e stupefacente grazia di Dio!Come giusto è stato salvato dalle mani del nemico, che voleva catturarlo. " Vittoria forze georgiane scarsi oltre un comparativamente superiori forze del nemico, l'autore spiega la grazia e l'aiuto di Dio e dei santi apostoli, e in occasione di Costantino VIII morte dell'imperatore ha scritto: "sorpasso rabbia fulmine spericolata imperatore Costantino, come non corretta Julian, per favore con il re della nostra Bagrat, per la devastazione del paese esso ".

Nessun commento:

Posta un commento

Real Casa Bagrationi di Georgia in Italia...

Solo questi loghi rappresentano la vera TRADIZIONE GEORGIANA in Italia: Fondazione Tradizione Patria Identità, Associazione Cultural...